Il ciliegio da fiore

L'irrigazione

Il ciliegio da fiore è un albero di origine giapponese. Esistono differenti varietà di questa pianta, che differiscono tra di loro fondamentalmente per le dimensioni. Alcune specie possono arrivare anche a sfiorare i dieci metri di altezza. Il ciliegio da fiore è un albero dall'aspetto elegante e spettacolare che, con la sua chioma fiorita in primavera, cambia totalmente l'aspetto dei giardini più disparati. Per ottenere un livello di fioritura elevato, è necessario seguire una serie di consigli che riguardano differenti aspetti della coltivazione di questa pianta. Innanzitutto, bisogna provvedere ad un'adeguata irrigazione della pianta. L'operazione va eseguita ciclicamente, considerando che è fondamentale fornire alla pianta la giusta quantità di acqua (all'incirca una ventina di litri), per evitare che questa rimanga in un ambiente di coltura a lungo troppo asciutto.
Albero ciliegio fiore

Home & Garden Coliseum Kit per la Coltivazione di Un Albero Bonsai, Fertilizzante Incluso, con 5 Specie di Semi da Coltivare, Idea Regalo per Principianti

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,46€


Consigli e tecniche di coltivazione

Coltivazione alberi ciliegi Coltivare e prendersi cura del ciliegio da fiore, non è roba da poco. Infatti, presentando delle caratteristiche particolari e singolari, tale pianta necessita di altrettante misure di coltivazione ricercate che la differenziano da altri alberi. Innanzitutto, il ciliegio da fiore non riesce a sopravvivere in qualunque tipo di terreno. A tal proposito, risulta fondamentale scegliere terreni di coltivazione che non siano troppo secchi ed argillosi. Una volta scelto il suolo ottimale per la piantagione, si procede scavando una buca non troppo profonda, dove verrà collocata la pianta. In seguito, è consigliabile legarla ad una struttura che funga da supporto. Per quanto riguarda la potatura, non c'è una scadenza netta per effettuare questa operazione. Sicuramente, è consigliabile intervenire se c'è necessità di eliminare strutture danneggiate.

  • Ciliegio giapponese L'inconfondibile albero orientale vanta provenienza esclusiva dal continente asiatico e si ascrive nel fondamentale e vasto aggregato familiare delle Rosaceae. Questa pianta risulta conosciuta ed appr...
  • Raccolta amarene Le amarene sono il frutto di una delle specie principali di Prunus cerasus detto anche ciliegio acido, l'Amareno. Nelle differenti qualità si distinguono infatti le tre varietà di Prunus cerasus più c...
  • Albero ciliegio L'albero di ciliegio è sensibile alla mano dell'uomo ed esercizi di potatura troppo invasivi potrebbero invalidare il naturale benessere del fusto. Ai fini di una corretta potatura del ciliegio occorr...
  • foto sorbo Il sorbo, nome comune per sorbus, appartenente alla famiglia delle Rosacee è un albero di medie dimensioni originario dell'Europa settentrionale e diffuso nel nostro paese spontaneamente. Il genere so...

Asklepios-seeds® - 100 Semi di Albizia julibrissin, Acacia di Costantinopoli o gaggìa arborea

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€


Quando e quanto concimare

Piante ciliegio La concimazione è una delle fasi fondamentali nel processo di coltivazione dell'albero. Infatti, assicurando alla pianta un giusto apporto di nutrienti, se ne favorisce sicuramente uno sviluppo ottimale proprio in questa fase. La concimazione del terreno di coltura inizia già prima della piantagione del ciliegio da fiore. Infatti, nei giorni che precedono l'operazione di piantagione, è necessario trattare il terreno con un apporto adeguato di prodotti organici. Successivamente, è necessario procedere con una somministrazione nel suolo di sostanze organiche fertilizzanti rigorosamente a lenta cessione. Questo trattamento viene effettuato, in particolar modo, nei primi anni del ciclo vitale del ciliegio da fiore, poiché questo periodo è proprio quello durante il quale la pianta si trova nel pieno della fase di sviluppo e formazione.


Il ciliegio da fiore: Rimedi per infezioni e malattie

Fiori ciliegi Il ciliegio da fiore è un albero molto particolare, non solo in termini estetici, ma anche per quel che riguarda l'integrità della pianta. Questo albero può essere, infatti, soggetto all'attacco di vari agenti patogeni che ne riescono a compromettere lo status di salute. Proprio per questo motivo, è necessario procedere in tutte le fasi della coltivazione con estrema cautela e precisione, adottando tutte le misure necessarie per evitare di contaminare la pianta. Tra le cose principali da ricordare, c'è l'utilizzo di una strumentazione di lavoro sterilizzata. Inoltre, bisogna effettuare un adeguato controllo dei ristagni di acqua nel terreno, essendo questi possibili fonti di contaminazione. In conclusione, è necessario ricordare di eliminare rami e strutture danneggiate, probabili bersagli di parassiti e funghi.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO