Begonie

vedi anche: begonia

Come e quando annaffiare Begonie

Le begonie sono piante perenni originarie dei paesi tropicali e ne esistono centinaia di specie. Si coltivano sia in terra che nei vasi e sono molto belle per creare un angolo fiorito che dia un tocco di colore al balcone. Essendo una pianta originaria del sottobosco la sua collocazione ideale è in una zona luminosa che sia battuta dal sole per buona parte della giornata; alla sera, le begonie vanno annaffiate più spesso dalla primavera all'estate, facendo attenzione che si secchi il terriccio tra un'irrigazione e l'altra. La begonia sta bene anche in penombra, ma ha bisogno di sole per qualche ora al giorno ed è importante che l'acqua nel vaso non ristagni mai. Le innaffiature devono essere regolate in base al clima e nei mesi più caldi le foglie vanno vaporizzate spesso. Sono piante che resistono bene al freddo e la temperatura ideale per farle prosperare è di 15 gradi; in inverno bisogna essere ancora più parsimoniosi di acqua, aspettando che il terriccio sia completamente secco prima di annaffiarlo. Nei mesi più freddi è opportuno usare uno spruzzatore anche per il terriccio, che va inumidito solamente quando è completamente asciutto.
Distesa di begonie

CONCIME LIQUIDO PIANTE ACIDOFILE AZALEE ORTENSIE BEGONIE MAGNOLIE CAMELIE 3x 1LT

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,9€


Begonie come coltivarle

Begonie rosa Le begonie sono tra le piante fiorite più comuni e semplici da coltivare, ideali per chi ha poco tempo a disposizione. Sono assai popolari perché costano poco e ricordano fiori ben più pregiati come le rose e le camelie. Alcune specie sono erette, altre ricadenti e il fogliame si presenta in varie tonalità di verde scuro. Le begonie si coltivano nei vasi o in giardino, mettendo a dimora i bulbi tra aprile e maggio; chi preferisce comprare direttamente le piantine, le troverà esposte in una grande varietà a partire dalla primavera fino all'estate inoltrata. Il terriccio in guiardino deve essere fertile e ben drenato, completamente privo di sassi ed erbacce ed arricchito con un po' di fertilizzante. I bulbi vanno interrati al massimo 5 cm, sistemando la parte concava verso l'alto; sia bulbi che piantine devono essere messe in zone protette dal vento e poco soleggiate. I vasi vanno riempiti con uno strato di argilla espansa per assicurare l'ottimale drenaggio del terreno, poi con terriccio per piante fiorite o per gerani, arricchito con torba. La begonia prospera bene a mezz'ombra e richiede poche cure, teme il gelo, non va annaffiata troppo e il concime va dato con parsimonia.

  • begonie tuberosa La begonia è originaria delle zone tropicali e moltissime delle sue specie provengono dal Brasile, + coltivata come pianta annuale, perenne o come bulbo. La maggior parte delle specie coltivate sono a...
  • begonia grandis Le begonie sono delle belle piante ornamentali apprezzate per i colori e le forme dei fiori e delle foglie. La begonia appartiene al genere Begonia, di cui fanno parte circa 1000 specie e alla famigli...
  • begonie tuberosa La begonia è una pianta dai fiori colorati, coltivata a scopo ornamentale. Il nome “begonia” deriva dal governatore di Santo Domingo, Michel Bégon grande appassionato di botanica. Questa pianta appart...
  • begonietta La begonietta è una piccola pianta succulenta, dai fiori colorati. E’ una pianta perenne, ma viene coltivata come annuale. Il suo nome scientifico è Begonia semperflorens, appartiene al genere Begonia...

CONCIME LIQUIDO PIANTE ACIDOFILE AZALEE ORTENSIE BEGONIE MAGNOLIE CAMELIE 1 LT

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


Concimare Begonia

Begonie ornamentali Con il terriccio giusto, la posizione riparata e l'annaffiatura dosata in maniera ottimale, le begonie vegetano tranquillamente senza bisogno di ulteriori accorgimenti. Sono piante perenni che fioriscono in primavera e mantengono a lungo i fiori, occorre dare concime con moderazione ed esclusivamente in primavera ed estate. Quando in autunno la pianta si seccherà si può lasciare il bulbo interrato e dare ogni tanto un po' d'acqua per avere una nuova fioritura l'anno seguente. Il concime ideale deve avere un elevato livello di potassio e va somministrato ogni 15 giorni; per sapere il livello di potassio del concime, basta leggere la composizione dello stesso e assicurarsi che la percentuale di P sia più elevata rispetto ad azoto (N) e fosforo (K). Nel concime devono essere presenti anche i microelementi essenziali come zinco, rame, ferro, manganese, molibdeno e boro, che vanno ricercati nella composizione. È importante concimare solamente nei mesi caldi e sospendere del tutto in autunno, aspettando la nuova fioritura primaverile. Per mantenere bene le begonie bisogna avere cura di togliere sistematicamente i fiori e le foglie secche, che in estate ci saranno quasi tutti i giorni.


Malattie delle begonie

Begonie fiorite La begonia è una pianta robusta che resiste bene alle infestazioni di parassiti e funghi. Le cause principali delle malattie fungine sono l'eccesso di acqua e di concimazione; le piante devono respirare e il ristagno idrico, unito ad una vegetazione troppo fitta, creano la condizione ideale per lo sviluppo di funghi. Il fungo più comune di queste piante è la muffa grigia e la conseguenza di innaffiature troppo frequenti è il marciume nero delle radici. Per prevenire i funghi deve circolare molta aria tra foglie e fiori e il terriccio va mantenuto al giusto tasso di umidità. Gli insetti di cui può essere preda la begonia sono numerosi, a partire dagli afidi, meglio conosciuti come pidocchi delle piante. Si vedono bene e causano la rapida seccatura di foglie e fiori perché si nutrono della linfa della pianta. Gli acari talvolta non si vedono ad occhio nudo, ma si riconosce l'infestazione da macchie scure che tendono ad allargarsi. I parassiti infestano le piante durante la stagione calda e prendono di mira le nuove foglioline e i fiori appena sbocciati. Nei mesi di maggio e giugno si possono sviluppare i tripidi, che si riconoscono perché la vegetazione diventa storta e deformata.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO