Piante cactus

L'ambiente, l'esposizione e il terreno adatto al cactus

L'ambiente più adatto alla pianta del cactus deve essere luminoso e soleggiato. È bene roteare di tanto in tanto la pianta in modo che prenda il sole da ogni suo lato. Se vediamo che il cactus inizia ad assumere un colore rossiccio, allora vuol dire che l'esposizione al sole è troppo forte. Questa pianta si adatta bene sia al caldo che a temperature più basse ma queste ultime non devono mai scendere sotto i dieci gradi. Il terreno adatto a far crescere in salute il cactus, dovrà essere drenante e composto di terra e sabbia. Spesso si usa miscelare terra, pomice e lava per far si che le radici del cactus possano respirare. Inoltre, è bene fare un letto di argilla posta nel fondo del vaso e poi mettere il terriccio con la pianta. Questo permetterà un miglior drenaggio. In commercio si possono trovare terricci già pronti, adatti a questa coltura, ma dobbiamo ricordare di non pressare mai il terreno dove abbiamo piantato il cactus perché, questa operazione, causa la morte della pianta.
Cactus con fiori

T4U 7,5 cm, ceramica giapponese. Seriale Sucuulent-Vaso per piante, con vaso per fiori, a forma di Cactus, Contenitore per alimenti, colore: nero No.3

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,93€
(Risparmi 8,42€)


Come piantare ed innaffiare il cactus

Cactus giganteLe piante cactus devono essere rinvasate almeno una volta all'anno. Il terriccio dovrà essere sostituito dato che avrà rilasciato tutti i sali minerali che conteneva. I vasi di terracotta sono i più adatti per un cactus di grandi dimensioni mentre, se i cactus sono piccoli, sarà meglio usare vasi di materiale plastico che mantengono di più l'umidità. Quando si rinvasa il cactus, dovremo separare le radici con delicatezza ed in alcuni casi sfoltirle. Le dimensioni del vaso variano secondo la grandezza della pianta. Dovranno avere una larghezza maggiore dell'altezza. Rinvasato il cactus, è bene attendere qualche giorno prima di annaffiare la pianta. Questo le consentirà di acclimatarsi con la nuova collocazione. La pianta del cactus non necessita di molta acqua. D'estate la annaffieremo solo quando il terreno risulterà asciutto e facendo penetrare l'acqua fino in fondo. D'inverno il cactus non va quasi mai annaffiato a meno che non viva all'interno di un appartamento. Il riscaldamento tende ad asciugare il terreno e quindi, occasionalmente dovremo dargli un po' d'acqua.

  • opuntia rulida 0840 Il fico d’India è una pianta che trae la propria origine dal Messico ma, attualmente, è diffusa e coltivata anche in molti paesi come gli Stati Uniti, Cile, nord e sud Africa, Brasile, Turchia, medio ...
  • Il Ferocactus è un genere di piante succulente, della famiglia Cactacee, a cui appartengono 30 specie di cactus barile, di origine americana e messicana delle zone desertiche. E' considerato il cactu...
  • foto cactus Con il nome di cactus vengono comunemente chiamate tutte quelle piante che fanno parte della famiglia delle Cactaceae. I cactus si trovano in quasi tutte le parti del mondo anche se la loro origine è...
  • Echinocactus L'Echinocactus appartiene alla famiglia delle Cactaceae e la sua collocazione originaria è rintracciabile in America centrale.La pianta si caratterizza da una forma sferica e globosa che tende a div...

PIANTE GRASSE VERE ASSORTITE DA 20 PZ DIAMETRO 5.5 MONDONATURA SRL

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24€


Cura del cactus, malattie e riproduzione

cactus a palla Se concimeremo la pianta cactus, avremo dei risultati migliori. Il concime più adatto è quello che contiene calcio, fosforo, ferro magnesio, azoto e potassio. Il peggior nemico dei cactus è la cocciniglia che può attaccare le radici limitando la crescita della pianta. Se la presenza del parassita è limitata, possiamo toglierla con un batuffolo di cotone imbevuto di alcool. Se è diffusa dovremo intervenire con un antiparassitario. Anche il ragnetto rosso attacca il cactus ed anche per questo parassita dovremo ricorrere ad un insetticida. Il buio e l'eccessiva annaffiatura possono esporre la pianta a questi parassiti. Il cactus si può riprodurre per talea. Per il taglio bisogna usare lame sterilizzate che non intacchino la pianta con malattie esterne. Prima di procedere al rinvaso della talea, è bene che asciughi fino a quando il taglio non si sarà parzialmente rimarginato. Il cactus si può riprodurre anche con il seme ma per la pianta dovremo attende almeno due anni. I cactus non necessitano di potatura se non per eliminare parti secche.


Piante cactus: Come acquistare i cactus e le sue specie

cactus fico d'india Il vivaio è il posto dove potremo trovare tanti tipi di cactus. Da quelli piccoli e graziosi a quelli di dimensioni maggiori che saranno già adulti. La scelta migliore è quella di acquistare una pianta di pochi anni per vederla crescere gradualmente. E' bene chiedere di quali cure necessitano e quali dimensioni raggiungeranno. Alcune specie arrivano ad altezze e dimensioni considerevoli. Alcune specie di cactus sono: - Mammillaria: ha forme diverse l'una dall'altra. Fiori di svariati colori e la sua caratteristica è la sua grande quantità di spine. - Cereus o Cereo: il suo fusto è cilindrico, verde bluastro con fiori bianchi ad imbuto con lunghi stami glialli. - Opuntia: il cactus conosciuto come Fico D'India. Ha pale grandi, buonissimi frutti e si adatta a qualsiasi clima. - Cleistocactus: diffuso come specie di cactus, ha fusto colonnare e crescita veloce. Vive anche a temperature sotto zero ed è originario dell'America meridionale. - Ferocactus: è il cactus rappresentato nei fumetti. Di origine desertica, cresce lentamente e verticalmente. L'inflorescenza nasce in cima al cactus con fiori rossi, viola e gialli.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO