Piante grasse cactus

vedi anche: Piante Grasse

Il cactus e le piante grasse: caratteristiche generali

Grazie alla loro peculiare caratteristica di trattenere liquidi al'interno dei singoli componenti, il cactus e le piante grasse sono tipiche di paesaggi aridi e di zone desertiche del centro America e dell'Asia, territori dove si alternano periodi di piogge più o meno intense a periodi abbastanza lunghi di grande siccità. La distinzione in cactcaceae e non catcaceae indica la differente famiglia di appartenenza che le distingue per la costituzione di un fusto globoso, perché turgido di acqua piovana e da foglie sostituite da spine al fine di ridurre al minimo l'evaporazione di liquidi. Ad accentuare questa caratteristica, vi è la produzione di una sostanza protettiva chiamata cera idrofobica e di peli che trattengono umidità. Di solito i fusti sono colonnari e verdi per effetto della clorofilla, in quanto rappresentano la sede principale di fotosintesi. Alcune presentano un rigonfiamento basale chiamato "caudex", che contribuisce alla succulenza del fusto e delle radici, anche se non partecipa alla fotosintesi clorofilliana, tant'è che non è verde e spesso risulta interrato anziché esposto al sole.
Vari tipi di succulente

PIANTE GRASSE VERE RARE 20 PIANTE 5,5 VASO COLTIVAZIONE

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23€


Caratteristiche del cactus

Succulenti appartenenti alle Cactaceae La famiglia delle cactaceae comprende più di 3000 specie, differenti per dimensioni, aspetto ed altezza. Tra le più conosciute il cactus è senza dubbio la cactacea più alta e può raggiungere anche i 20 metri. In particolare, il cactus può differenziarsi in: colonnare, cespitoso, a pala, globoso, fogliaceo, pendente, articolato, a coste e a tubercoli, con superficie spinosa o glabra e a sezione circolare, ovale o stellata. Spesso si definiscono erroneamente cactus piante grasse che in realtà appartengono ad altre famiglie, da cui, pungendole con uno spillo, fuoriesce un liquido lattiginoso piuttosto che acqua; in tal caso si tratta di una succulenta della famiglia Euphorbiaceae. I cactus possono vivere in territori con climi anche molto variabili, infatti possono crescere in zone predesertiche, pseudodesertiche ma anche in posti con clima temperato, in regioni innevate o umide e tropicali. Tutto ciò ha condotto i cactus ad apportare modificazioni morfologiche riguardo la forma, e fisiologiche, riguardo i tessuti, con lo scopo di ridurre al minimo la traspirazione, ecco perché ne esiste una tale varietà estetica.

  • giardino fiorito Il giardino richiede cura e manutenzione costante, poiché le piante e i fiori devono essere seguite costantemente durante l’anno. Il giardinaggio è la tecnica che si occupa della coltivazione di piant...
  • rinvaso crassule Le piante grasse vengono erroneamente considerate una qualità di piante che richiedono poche attenzioni. Non è proprio così.Quando si acquistano delle piante, queste vengono dotate di piccoli vasett...
  • foto agave vorrei conoscere il nome di un diserbante che non danneggi le pinte grasse...
  • piantegrasse1 Trovano spazio sul terrazzo e sul balcone, ma anche in appartamento. Stiamo parlando delle piante grasse, specie tipiche dei climi aridi e desertici, ma ormai molto diffuse nelle nostre case per la lo...

PIANTE GRASSE VERE RARE 14 piante 6,5 VASO COLTIVAZIONE

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27€
(Risparmi 1€)


Esposizione del cactus

Classici cactus globosiEssendo spesso scelte come piante d'appartamento o da giardino, il cactus e le piante grasse possono essere un complemento d'arredo. E' possibile trovarle in vasi singoli o in grandi vasi da composizione, oppure essere piantate direttamente in cortile. In ogni caso, bisogna tener presente le caratteristiche vitali di queste piante e fare in modo che il sole ed il calore siano sempre a disposizione, senza eccedere, invece, con il quantitativo d'acqua che, paradossalmente, può portarle a morte bruciandone le radici. Vanno esposte a sud, ma può essere adattabile anche l'esposizione a sud-est e a sud-ovest. Va rispettato un periodo di riposo durante il quale vanno messe all'ombra ma in una zona comunque luminosa, lasciandole al sole di mattina e all'ombra il pomeriggio, per circa una decina di giorni, in modo da evitare che repentini cambiamenti di temperatura ed esposizione, possano causare bruciature fogliari. Le piante grasse posizionate in appartamento vanno innaffiate una volta ogni 15 giorni con poca acqua e senza creare ristagno; all'esterno, invece, vanno innaffiate all'occorrenza, valutando l'aridità del terreno.


Piante grasse cactus: Terreno per cactus

Cactus in vaso Considerando l'estrema variabilità delle caratteristiche morfologiche e fisiologiche delle piante grasse, risulta difficile fornire un consiglio unico sul substrato ideale, per cui analizziamo nello specifico quello del cactus. E' fondamentale che il terreno sia drenante, capace di ridurre al minimo il ristagno di acqua, quindi il substrato ideale sarà costituito da un misto di terra, perle di argilla e sabbia sottile. Il fine è quello di evitare un ambiente umido o peggio ancora bagnato, la cui conseguenza immediata sarebbe la marcescenza di radici e fusto che inevitabilmente comporterebbero la morte della pianta. Sul fondo del vaso va posizionato un coccio che crei una zona di vuoto dove eventuale acqua in eccesso possa raccogliersi senza bagnare la base del cactus. La sabbia conferirà la porosità necessaria al drenaggio dell'acqua, creando sacche d'aria che impediranno al terreno di compattarsi per eccessiva umidità. Una volta composta la mistura, la superficie va ricoperta di ghiaia sottile con il compito di isolare le radici dalle foglie, oltre che avere un puro scopo decorativo.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO