Iperico pianta

Caratteristiche generali

L’Iperico conosciuto anche con il nome di Hypericum perforatum L., è una pianta sempreverde e perenne, appartenente alla famiglia delle Ipericaceae. Essa presenta un corto rizoma dotato di un fusto molto eretto di colore rosso e molto legnoso e ramificato in grado di raggiungere dimensioni massime di circa 1 metro d’altezza. Il fogliame cresce in maniera opposta, è sprovvisto di picciolo, ha una forma lanceolata e ovale e in esso sono presenti innumerevoli ghiandole ricche di oli essenziali. Durante la stagione estiva, l’Iperico produce delle infiorescenze gialle con puntini neri, i quali, se strofinati colorano di rosso. Ai fiori fanno seguito dei frutti a forma di capsule ovali. E' utile sapere che questa pianta può essere utilizzata per abbellire i giardini, in quanto presenta una chioma a forma di cespuglio.
pianta Iperico

Vivai Le Georgiche Agapanthus Africanus Pitchoune

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10€


Coltivazione

Struttura a cespuglio Iperico L’Iperico può essere messo a dimora sia in pieno sole e sia in luoghi semiombreggiati e, solitamente, è coltivato per ricoprire zone ombreggiate del giardino e, anche qui, è in grado di svilupparsi in tutte le sue strutture producendo però pochissime infiorescenze. Questo esemplare è in grado di sopportare i freddi della stagione invernale ma, talvolta, può capitare che perda le foglie e che la parte aerea si secchi. Nonostante ciò, con l’arrivo della stagione primaverile, foglie e fiori riprenderanno a crescere vigorosamente. Al contrario, in luoghi con estati calde è conveniente coltivare la pianta in luoghi semiombreggiati. Per fare in modo che il cespuglio sviluppi delle ramificazioni e delle infiorescenze forti e in salute, alla fine dell’inverno occorre cospargere alla base di esso del concime organico maturo o, in alternativa, del concime minerale a lenta cessione. Per quanto riguarda le annaffiature, solitamente l’iperico sfrutta l’acqua delle piogge ma, se la stagione è troppo siccitosa, occorre annaffiare regolarmente la pianta, evitando ristagni idrici e aspettare che il terreno si asciughi tra un’annaffiatura e l’altra.

  • iperico3 L'iperico è una pianta perenne semi-sempreverde, che si caratterizza per provenire dall'Europa e dall'Asia.Tra le principali caratteristiche dell'iperico c'è il fatto di sviluppare lunghe ramificazi...
  • iperico1 L’iperico è una pianta erbacea perenne originaria dell’arcipelago britannico e ormai diffusa in tutto il mondo. Il suo nome botanico completo è Hypericum perforatum, nato dal fatto che le foglie in co...
  • estratto secco di iperico L'estratto di iperico, un macerato oleoso, si può ricavare da tutte le sommità fiorite della pianta fresca: una volta che viene assunto per via orale, l'iperico si dimostra piuttosto efficace per via ...
  • olio di iperico L'olio di iperico, che viene anche definito Olio di San Giovanni, è estremamente diffuso fin dall'antichità per via delle sue importanti proprietà che consentono di curare adeguatamente le scottature,...

Vendita! Trasporto 100 semi liberi Pervinca, Mix Vinca colore (Catharanthus roseus), una copertura banca perfetto dietro la casa, evergr

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,97€


Moltiplicazione e terreno

infiorescenze Iperico Il terriccio impiegato per la messa a dimora dell’Iperico, non ha bisogno di una composizione o struttura chimica specifica. Ciò è dovuto al semplice fatto che, questo cespuglio, si adatta a qualsiasi tipo di terreno, sia a quelli ricchi che a quelli poveri di elementi organici e ricchi di sabbia. La caratteristica principale che esso deve avere è quella drenante, in quanto l’Iperico non sopporta i ristagni idrici. Per quanto riguarda la moltiplicazione, la nascita di una pianta figlia può avvenire mediante talea semilegnosa, divisione dei cespi o asportando i polloni dalla pianta madre. In tutti e tre i casi, occorre mettere i rami o i polloni della pianta madre in vaso, con terriccio ben drenato e non esposto agli aggressivi agenti atmosferici. Dopo poco tempo, le talee, i cespi o i polloni, produrranno un apparato radicale autonomo, tale da poter piantare l’iperico in piena terra.


Iperico pianta: Malattie e parassiti

fiori iperico Per prevenire gli attacchi di parassiti o l’insorgere di malattie, durante la stagione estiva occorre trattare l’Iperico con un prodotto insetticida e fungicida. In questo modo, si protegge la pianta dagli afidi che si annidano sulle foglie, nutrendosi della linfa e portando il fogliame al disseccamento e alla morte, e da malattie fungine che proliferano in luoghi umidi e freschi. È bene sapere che l’Iperico subisce attacchi anche ad opera della ruggine e dell’oidio, noto anche con il nome di mal bianco. L’oidio si cura con degli insetticidi specifici. La ruggine aggredisce il fogliame già verso maggio e giugno; la sua presenza si nota perché le zone aggredite tendono a perdere la tipica colorazione verde. In questo caso occorre tenere sotto controllo le annaffiature, e osservare se la stagione appena passata era caratterizzata da giornate piovose e molto miti.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO