Bosso siepe

Bosso siepe

Il bosso è un arbusto sempreverde usato per la creazione di siepi decorative e ornamentali. Anche se non produce fiori di eccezionale bellezza, questo arbusto ha una crescita compatta e foglie verdi anche in inverno, particolari che lo rendono molto adatto alla creazione di siepi. La pianta è anche adatta ai nostri climi temperati e ai nostri terreni, prevalentemente calcarei e a volte aridi. L’arbusto cresce bene sia al sole che all’ombra e non richiede particolari cure. In natura esistono diverse varietà di bosso, più di 50, oltre a specie nane. L’ampia varietà di bossi consente di creare siepi di diversa forma e altezza. Questo arbusto viene inoltre usato per decorare spazi pubblici e orti botanici. La sua duttilità consente di modificarne la forma e il portamento creando siepi dalle forme uniche ed originali. In molti parchi pubblici, ad esempio, esistono siepi di bosso a forma di elefante o di esseri umani o con forme geometriche. L’arte di modificare la forma del bosso viene detta “topiaria” e conta diversi artisti e appassionati in tutto il mondo.
bosso siepe

50 articoli Piante da siepe bosso (Buxus sempervirens), alta 15cm, dimensioni del piatto: 9cm, sempreverdi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 47,5€


Caratteristiche

bosso siepe Il bosso, come già detto, è un arbusto sempreverde tipico delle nostre zone ed originario dell’Europa e dell’Asia. Appartiene al genere Buxus ed il suo nome botanico completo è Buxus sempervirens. L’arbusto può raggiungere anche altezze ragguardevoli e comprese tra i due ed i quattro metri. La pianta ha un portamento eretto e cespuglioso, con chioma folta e molto fitta alla base. Le foglie sono picciolate, lunghe ed ovoidali, con margine color verde scuro e lucido in superficie. Il bosso, come già accennato, non presenta delle fioriture particolari, l’apparato fiorale è, infatti, piccolo e quasi impercettibile, poichè nascosto tra le ben più evidenti foglie verdi. I frutti del bosso sono invece delle capsule coriacee contenenti dei semi brunastri, lunghi e ricchi di albume. Il bosso è considerato anche una pianta officinale, per vie delle proprietà medicinali delle foglie e della corteccia. Queste parti vegetali sono però ricche di alcaloidi, sostanze tossiche che possono anche avere effetti velenosi. Le diverse varietà di bosso vengono comunque usate per creare siepi e bordure o per decorare spazi esterni e interni. Gli spazi si possono decorare con varietà di bosso da coltivare in vaso e da far crescere a forma di alberello.

  • siepibosso2 Le siepi sono sempre più diffuse nei giardini privati e negli spazi pubblici. Queste barriere vegetali si possono trovare anche nei parchi e nei giardini botanici. In genere, si tratta di barriere com...

Uland Siepe di Bosso Artificiale, Decorazioni della pianta da parete, A001, Confezione da 6 pezzi, 50x50cm/pc

Prezzo: in offerta su Amazon a: 73,3€


Varietà per siepi

Esistono, come già detto ai precedenti paragrafi, decine di varietà di bosso, tra cui specie nane. Queste ultime sono maggiormente usate per le siepi e le bordure, hanno una crescita lenta e compatta e sono facilmente trattabili e potabili. Le varietà più usate per le siepi sono la buxus sempervirens suffricola o buxus pumicola e la boxus rotundifolia. Le prima è una varietà nana, mentre la seconda ha un portamento ad alberello. Per la decorazione di giardini e appartamenti si possono, invece, usare la varietà buxus arborescens e la buxus aureo variegata, rispettivamente con portamento ad alberello e con foglie gialle.


Creazione

giardino all'italiana bosso La siepe di bosso va creata disponendo sei, sette piante di bosso per ogni metro. Per il resto, le procedure di creazione della siepe ( preparazione terreno, scavo buche e supporti di sostegno) restano identiche a quelle delle altre siepi. Nella messa a dimora del bosso bisogna considerare e rispettare le caratteristiche di questa pianta, la quale necessita di terreni sciolti, ben drenati e calcarei. Il bosso può crescere sia al sole che all’ombra, anche se l’esposizione dipende sempre dalla varietà usata. Ideale sarebbe una posizione a mezz’ombra. Una volta messa a dimora, la siepe di bosso inizierà a crescere lentamente e in maniera compatta. Una volta completato il suo sviluppo, la siepe potrebbe apparire disordinata e con rami e foglie che sporgono troppo in eccesso rispetto alla tipica forma ordinata di questa barriera naturale. Per riportare la siepe di bosso all’ordine, basta potarla.


Potatura e malattie

bosso siepe Il bosso in genere si pota due volte l’anno: a giugno e a settembre. La potatura estiva può prevedere anche quattro interventi, specie se la siepe cresce eccessivamente o appare troppo disordinata. La potatura di settembre serve, invece, per rendere la siepe più resistente ai rigori invernali. La potatura della siepe di bosso va effettuata in giornate senza sole, preferibilmente nuvolose, per evitare che i raggi brucino le foglie. La potatura serve per dare alla siepe la forma e l’altezza desiderata. La potatura di buxus aureo variegata, varietà a foglia gialla, consiste nella rimozione di tutte le foglie verdi che dovessero man mano comparire.

Il bosso si può riprodurre per seme o per talea. Quest’ultimo metodo di riproduzione consiste nel prelevare e nel mettere a dimora le talee ottenute dai rami giovani. Il bosso si può propagare anche dividendo in due cespi gli stessi rami. Il bosso da siepe viene comunque venduto in vaso dai vivai. Una singola pianta da siepe costa circa quattro euro Iva esclusa. Una coltivazione corretta rende la siepe di bosso resistente a parassiti e malattie. Queste purtroppo possono sempre manifestarsi. Il bosso risulta più colpito dalle cocciniglie, dalle larve di un dittero, la cecidomia, dalla ruggine e dal marciume radicale.



  • bosso pianta La pianta conosciuta come Bosso Comune è un albero e l’esponente più conosciuto della famiglia delle Buxaceae. Questa co
    visita : bosso pianta
  • siepe di bosso Il bosso è un arbusto sempreverde originario dell'Europa e dell'Asia. Appartiene al genere Buxus che comprende diverse s
    visita : siepe di bosso

COMMENTI SULL' ARTICOLO