I capperi

Pianta di Capperi: quantità e frequenza di irrigazione

La pianta di Capperi cresce spontaneamente in ambienti aridi e secchi e quindi non richiede particolare attenzione nell'irrigazione; infatti per gli esemplari coltivati in terra è sufficiente l'acqua piovana, soprattutto in mesi piovosi come la primavera e l'autunno, mentre per quelli in vaso è opportuno annaffiarla quando il substrato è secco da qualche giorno, evitando che si formi ristagno di acqua nel sottovaso. Il rischio maggiore è quello di sovradosare l'acqua somministrata, visto che la pianta di Capperi tollera meno gli eccessi idrici e un'elevata umidità del terreno: si rischia infatti la formazione di marciumi della vegetazione. Una maggiore somministrazione idrica è richiesta nei primi anni di vita dell'arbusto, quando le radici non sono ancora ben sviluppate e profonde e tendono facilmente a seccarsi.
Pianta di Capperi su roccia

1000 semi - genuino al 100% fresco Rare Rosso "Carolina Reaper" semi di pepe (peperoncino) Vegetable Seeds organici tasso del 95%

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,6€


Come coltivare e curare correttamente i Capperi

Riproduzione della pianta di Capperi per talea La pianta di Capperi cresce in ambienti caldi e secchi, con temperature anche superiori ai quaranta gradi, anche se tollera bene inverni molto freddi, se di breve durata. Il terreno deve essere di qualità asciutta e ben drenata e si deve garantire una buona esposizione alla luce solare diretta per diverse ore al giorno in una zona al riparo da venti forti. Oltre all'acquisto della pianta di Capperi è possibile optare per la riproduzione per semina o talea: nel primo caso si provvede a piantare i semi del cappero in un substrato adeguato tra dicembre e gennaio e le piantine germogliate, quando ben resistenti, possono essere invasate o impiantate in terra; nel secondo, invece, si recide un ramo dell'arbusto di lunghezza tra i dieci e i venti centimetri e si pianta in una cassetta con del terriccio nel periodo estivo. Quando ha sviluppato sufficienti radici può essere trasferito nella sede definitiva.

  • cappero Il cappero, il cui nome scientifico è “Capparis spinosa L.”, fa parte della famiglia delle Capparidacee e rappresenta una delle pianta tradizionali degli ambienti mediterranei ed ha la caratteristica ...
  • Pianta di Cappero in fiore Specie della famiglia delle Capparaceae, dal nome di Capparis spinosa, più comunemente conosciuta come la pianta Cappero. La struttura arbustiva dai fiori bianchi, cresce spontaneamente nell'Italia ce...
  • Cicoria pan di zucchero La cicoria è una pianta erbacea di tipo perenne presente in tutto il mondo che può arrivare ad un’altezza di un metro e mezzo. In Italia è molto diffusa ad esclusione delle zone tirreniche e meridiona...
  • L’agricoltura biologica sfrutta le risorse naturali del terreno e sviluppa coltivazioni senza l’impiego di sostanze chimiche (se non quelle minime consentite dagli organi di controllo) o di OGM (organ...

Olio Di Semi Nero 100ml Bottiglia da Iman Habbat ul Sauda, Habbat UL Baraka Nigella Sativa, Kalonji, Kalwanji Cumino Nero, Nera Cumino dei prati

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,63€


Pianta di Capperi: quali fertilizzanti usare

coltivare capperi La pianta di Capperi cresce spontanemente su rocce calcaree e nelle fenditure di muri in territori dal clima particolarmente caldo e secco, come la Sicilia. Per questo motivo non richiede particolari fertilizzazioni, soprattutto se coltivata in terra. Nel caso in cui la pianta di Capperi cresca in vaso e si desideri stimolare l'attività vegetativa e la fioritura, è opportuno somministrare fertilizzanti a base di macroelementi, quali potassio, fosforo e azoto in proporzioni bilanciate. Questo tipo di concime può essere distribuito in forma granulare direttamente sul terriccio alla base dell'arbusto o disciolto nell'acqua destinata all'irrigazione. Il periodo più indicato per questa operazione è il pieno inverno, tra gennaio e febbraio, senza eccedere per evitare eccessive concentrazioni di nutrienti nel terreno che potrebbero risultare controproducenti.


I capperi: Malattie della pianta di Capperi e possibili rimedi

pianta di Capperi La pianta di Capperi è un arbusto molto resistente, non particolarmente suscettibile a infezioni o malattie. Nella maggior parte dei casi le principali problematiche fitosanitarie derivano da scorrette metodiche colturali: eccessive irrigazioni, terreni non ben drenanti che trattengono troppa umidità, scarsa luce solare o esposizione a correnti intense e fredde sono le cause più frequenti della marcitura delle radici e dell'ingiallimento e caduta delle foglie. Inoltre, se il danno è importante, si può inficiare la fioritura e quindi la produzione dei boccioli di Capperi. In questi casi, per tentare di recuperare l'esemplare ed impedire che il danno diventi irreversibile, è necessario rimuovere l'agente causale: rinvasare la pianta in un terreno più adatto, cambiare la posizione, ridurre la frequenza di annaffiature.



COMMENTI SULL' ARTICOLO