Salvia - Salvia officinalis

La Salvia

La salvia o meglio Salvia Officinalis, è un arbusto sempreverde che cresce a folti cespugli. E’ originaria dell’Europa meridionale ed è diffusa in tutti i paesi con clima mite ed in tutte le regioni italiane. Il fusto della salvia, quando la pianta è giovane, è di colore verde, per diventare più scuro e legnoso durante la sua crescita. Le foglie sono grigio-verdi, di forma ovale allungata, nella parte superiore sono vellutare, mentre in quella inferiore sono più ruvide e presentano nervature ben visibili, da esse si estrae un olio essenziale. Nella salvia comune, quella Officinalis appunto, i fiori sono di color violetto, crescono in modo asimmetrico in cima agli steli, hanno la caratteristica di essere ermafroditi, questo vuole dire che nello stesso fiore ci sono sia organi riproduttivi sia maschili che femminili, l’impollinazione avviene grazie agli insetti.

La pianta della salvia può raggiungere un’altezza di 70 centimetri.

La salvia era nota fin dai tempi più antichi: gli egiziani, i romani e le popolazioni medievali la consideravano l'erba che guariva ogni male.

salvia officinalis

Erbe Aromatiche 240 Semi In 12 Varietà, Collezione 1, Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


Specie

salvia variegata La salvia presenta numerosissime specie, per citarle tutte dovremmo scrivere pagine e pagine; di seguito vi parleremo di alcune di queste.

Salvia Officinalis: è una specie perenne dalle dimensioni ridotte, l’altezza massima che riesce a raggiungere è al di sotto del metro. E’ la versione selvatica della salvia, quella che usiamo in cucina per aromatizzare le nostre pietanze, si trova nei prati, ha foglie di colore verde-argento e fiori sul violetto che crescono riuniti nella parte superiore dei rami. Le varietà più note di questa specie sono la Salvia Officinalis Olbiflora con fiori bianchi e la Salvia Officinalis Purpurascens con fiori rossi, si usa in cucina ma ha la caratteristica di avere foglie maggiormente dure rispetto a quella sopra descritta, è ottima per uso terapeutico.

Salvia Sclarea: questa specie, anch’essa perenne, ha origini europee, con foglie a forma di cuore e fiori azzurrini che cominciano a crescere e sbocciare all’inizio della stagione estiva, può arrivare ad un’altezza di un metro. Questa pianta è particolarmente ricca di olii essenziali quindi viene spesso usata per preparare profumi ed essenze, aromatizzare vini.

Una specie rara e particolare è la Salvia Desoleana tipica della Sardegna, ha grandi foglie coperte la leggera peluria, i fiori sono bianchi screziati di marrone, possiede un caratteristico aroma. Abbiamo poi altre specie che sono conosciute per i loro aromi molto originali: la Salvia Dorisiana con aroma fruttato, la Salvia Greggii con aroma di pesca, la Salvia Rutilans con l’originale aroma di ananas.


  • Salvia La salvia è una pianta diffusa sul territorio e anche nelle cucine italiane, in quanto erba aromatica dall'intenso odore e sapore, ideale per il condimento e la personalizzazione di piatti e pietanze....
  • salvia Sono due anni che cerco di coltivare la salvia in vaso e immancabilmente sulle foglie compare una specie di muffetta color bianco, sembra borotalco e poiattacca tutte le foglie e la pianta muore.Cosa ...
  • Varietà di salvia splendens La salvia splendens è una pianta perenne di tipo erbaceo importata in Italia dall’America Latina. Viene coltivata nei giardini come pianta annuale poiché, con i primi freddi, inizia ad andare in soffe...
  • Cespuglio di Salvia officinalis Al genere botanico Salvia, della famiglia delle Laminaceae, appartengono numerose specie, annuali e perenni. I loro usi sono alimentari, ornamentali ed erboristici. La Salvia officinalis, specie peren...

Erbe Aromatiche 480 Semi In 24 Varietà, Collezione Completa di Semi Più Piccola Guida Alla Coltivazione Edizione 2017: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana, Peperoncino Cayenna Rosso, Peperoncino Tondo da Ripieno, Rucola, Cipolla Rossa Tonda di Tropea, Coriandolo, Maggiorana, Anice, Senape Bianca, Crescione Comune, Dragoncello, Melissa e Dente di Leone

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19€


Proprietà

salviaIl nome salvia deriva dal latino salus, che vuol dire salute, questo grazie alle proprietà medicamentose e curative di questa pianta. Ancora oggi la salvia è molto usata in cucina per aromatizzare piatti, in alcune regioni italiane sono molto famosi i ravioli con burro versato e salvia; messa negli armadi aiuta a tener lontane le tarme. La salvia è molto efficace per curare stati di depressione, malesseri e calmare le crisi asmatiche, ma non solo, ha anche un potere antisettico, antisudorifero, ipoglicemizzante, stimolante, espettorante e digestivo. L’estratto di salvia rinforza le gengive ed è un ottimo sbiancante per i denti.

Anche se il profumo della salvia è molto invitante, state attenti però a non esagerare, perché contiene una sostanza ad alta tossicità che, assunta ad alte dosi, può creare dei problemi.


Terreno e Tecniche Colturali

salvia foglia stretta La salvia si coltiva fino ad un’altitudine di 800-900 metri, necessita di un terreno neutro oppure non molto ricco di calcare e sabbioso, caratterizzato da un ottimo drenaggio, sono assolutamente sconsigliati terreni ricchi di acidità. La coltivazione è abbastanza facile anche perché la salvia è una pianta che gradisce sole e caldo; l’esposizione ottimale sarebbe in pieno sole.

La coltivazione migliore per la salvia sarebbe in pieno campo anche se può essere benissimo coltivata nelle nostre case in vaso. La vita della salvia è relativamente breve, infatti dopo circa 5-6 anni essa appassisce e sarà necessario sostituirla con una nuova.

Se coltivata all’aperto la salvia può resistere anche a temperature sotto lo zero.


Moltiplicazione

Come già descritto per molte altre piante, la moltiplicazione della salvia avviene per seme o talea. I semi vanno distribuiti in file parallele ed interrati all’inizio della stagione primaverile. Il contenitore deve essere posto in una zona ombreggiata ad una temperatura di circa 18°C, il terriccio deve sempre avere un’umidità costante fino a che i semi germoglieranno. In genere, la germogliazione, si manifesta dopo circa tre settimane. Si consiglia di interrare una buona quantità di semi, la percentuale di germogliazione è parecchio bassa. Come già spiegato per la moltiplicazione di altre piante, il contenitore con i semi va coperto con della plastica affinché la temperatura e il grado di umidità rimangano costanti e il terreno con secchi troppo rapidamente. Controllate sempre, ogni giorno od ogni due, lo stato del terriccio. Nel momento in cui si vedranno i primi germogli, togliere la plastica e aumentare la dose di luce man mano che le piantine si sviluppano ricordando di dare loro un buon ricambio di aria. A questo punto si devono eliminare le piantine più deboli al fine di fornire maggior spazio per lo sviluppo a quelle più rigogliose. Quando le piantine saranno ben cresciute dovranno essere trapiantate delicatamente in un altro vaso con un terriccio ben drenato e sabbioso. I periodi giusti per prelevare le talee sono due: marzo-aprile o giugno-luglio. La lunghezza degli apici vegetativi si aggira intorno a 8-10 centimetri e le piante madri devono aver raggiunto i 2-3 anni di età circa. Come già raccomandato anche in altri articoli, ricordiamo di usare sempre un coltello affilato e pulito per il prelievo delle talee, per non rovinarle o infettarle. Procedere con l’eliminazione delle foglie più basse e, con la solita procedura, mettere la parte tagliata in una sostanza che favorisca lo sviluppo delle radici. Ora prendere un vaso con due parti di terriccio fertile e una di sabbia e far tanti buchi quante sono le talee a nostra disposizione; anche qui il vaso andrà coperto con della plastica e messo in un luogo ombreggiato dove la temperatura si manterrà sui 18°C e il terriccio dovrà restare sempre umido. Controllare la situazione ogni giorno. Ai primi germogli, togliere la plastica e aumentare la quantità di luce, mantenere la temperatura sui 18°C e aspettare che le talee diventino più robuste; quando le talee saranno cresciute abbastanza trapiantarle in un vaso più grande o nel terreno.


Concimazione ed Irrigazione

La pianta della salvia va concimata con del concime liquido mescolato all’acqua dell’innaffiatura e va somministrato ogni 15 giorni nelle stagioni primaverile ed estiva. Come per altre piante aromatiche, è necessario che il concime sia ricco di azoto ma anche di altri elementi come fosforo, potassio, ferro, rame, molibdeno, manganese, zinco, boro. Questa pianta non va innaffiata molto, una volta ogni 3 settimane sarà abbastanza. Fate sempre molta attenzione ai ristagni idrici, anche la salvia li teme molto e sono una delle cause più frequenti che portano la salvia alla morte; prima di procedere con una successiva innaffiatura, lasciare che il terreno sia asciutto.


Potatura e Raccolta

salvia mazzetti Verso la fine della stagione estiva, dopo la fioritura, sarebbe opportuno potare la pianta per favorire lo sviluppo di nuova vegetazione.

La raccolta delle foglie si effettua tre la stagioni primaverile ed autunnale, si puliscono con un panno e sono pronte per l’uso culinario; se non vengono utilizzate immediatamente si possono essiccare all’ombra e conservare.


Infestanti e Malattie

La salvia è soggetta a molte malattie, di seguito ne spiegheremo alcune e suggeriremo i principali rimedi.

Se le foglie vengono coperte da della muffa bianca, vuol dire che la pianta è stata colpita da mal bianco, questa malattia è causata dalla Erysiphe, un fungo. Non è una malattia pericolosa, bisogna procedere con lo staccare le parti infestate della pianta.

Se notate che sulle foglie si formano delle piccole macchie nere, si potrebbe trattare di un’infestazione da Peronospora, anche questo è un fungo, esso però può fare molto male alla salute della pianta. I sintomi si manifestano con l’arrotolamento delle foglie, il rinsecchimento e la caduta. Si consiglia l’uso di anticrittogamici a base di rame.

Anche questa pianta soffre di marciumi radicali. Questa malattia è causata da funghi (Pythium e Rhizoctonia) che proliferano quando c’è molta umidità. L’unica soluzione è di non eccedere con l’apporto di acqua ed evitare così ristagni idrici.

I sintomi che la pianta manifesta dopo aver subito un attacco di Nematodi, sono: ingiallimento e lesioni delle foglie con conseguente caduta delle stesse. Evitare di creare troppa umidità e di bagnare le foglie. Se la malattia è già in stato avanzato, togliere le parti infestate. Il ragnetto rosso è nemico anche di questa pianta, esso provoca l’arrotolamento delle foglie e crea nella loro parte inferiore delle ragnatele bianche. L’ambiente ideale per la moltiplicazione di questo acaro è l’assenza di umidità, per rimediare a questo attacco quindi aumentarla. Infine veniamo agli afidi, se siete di fronte ad un’infestazione provocata da questi pidocchi, procedete con la somministrazione di antiparassitari.


A tavola!

salvia La salvia è una pianta aromatica tradizionale della cucina mediterranea, spesso impiegata per dare quel tocco di sapore in più alle nostre portate. Esistono numerosi modi di utilizzare questo ingrediente speciale in cucina e creare piatti innovativi e gustosi. Le foglie della pianta possono essere usate sia fresche che essiccate, sia per guarnire i piatti e donare cosi un migliore aspetto estetico alla pietanza sia come vero e proprio piatto tutto da gustare. La salvia, presenta foglie piuttosto carnose che possono essere ricoperte da pastella e poi fritte in padella. Si possono poi preparare gustosi risotti a base di salvia, frittate, antipasti, condimenti per la pasta con burro versato e salvia e molto altro ancora. Mettiti ai fornelli e sperimenta nuovi piatti con la salvia!



Guarda il Video
  • salvia Il genere salvia comprende alcune centinaia di specie di piante erbacee originarie del continente Americano, dell'Europa
    visita : salvia
  • salvia officinalis Il genere salvia comprende circa cinquecento specie, fra erbacee abustive o semiarbustive, tipiche delle regioni tempera
    visita : salvia officinalis
  • potatura salvia La salvia è un arbusto sempreverde che cresce in cespugli folti e rigogliosi. Il clima ideale per la sua crescita è quel
    visita : potatura salvia
  • potare la salvia "Stai in campana, se tagli con la luna nuova il ramo piange" Ecco cosa ci dice il vecchio contadino, quando ci vede abb
    visita : potare la salvia

COMMENTI SULL' ARTICOLO