Pepe rosa pianta

Irrigazione e moltiplicazione

L’albero del pepe rosa vive senza problemi anche con lunghi periodi di siccità, specialmente una volta che si é stabilizzato, ma per avere un'abbondante fioritura è necessario annaffiare spesso, soprattutto nei primi anni dalla messa a dimora della pianta e se viviamo nel sud Italia. Anche se non dovesse piovere da diverso tempo, si consiglia di provvedere con irrigazioni. Passati i primi due anni potremmo ritenere l’albero del pepe rosa autonomo. Riguardo la moltiplicazione della pianta, durante il periodo primaverile, si procede seminando dei piccoli semi scuri, mischiandoli con della torba e della sabbia in proporzioni uguali. Le sementi del pepe rosa germinano difficilmente, quindi è meglio seminarne molti per poter avere alcune piantine. Durante l’estate si potrebbe anche tagliare delle talee legnose.
Chioma pianta pepe rosa

pianta vera di Capparis spinosa inermis (cappero) v14 da cucina

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,9€


Come concimare e potare

Ramo albero pepe La pianta del pepe rosa preferisce una terra piuttosto povera, ma comunque si consiglia di seppellire intorno al tronco, due volte all'anno, durante l’autunno e durante la primavera, del letame ben maturato. Volendo, potremmo anche aggiungere del concime di tipo granulare specifico per alberi da frutto. Per quanto riguarda la potatura, non è obbligatoria, ma, se dovesse diventare un problema per ragioni di spazio o per la sicurezza, diventa importante sapere che questo albero sopporta senza problemi anche le potature più severe, rigettando presto vigorosamente. Potremmo semplicemente limitarci a sfoltire alcune fronde direzionate al centro, per far passare la luce e l’aria dentro la sua grande chioma. Sarebbe comunque preferibile non rovinare mai le sue eleganti fronde naturale.

  • Composizione peperomia Le Peperomia sono piante ornamentali originarie del Sudamerica del tutto particolari. Ciò che le rende davvero speciali sono i colori, la forma delle foglie e il comportamento dei loro germogli. Le sp...
  • Un orto ad alta resa al metro quadrato può essere ottenuto anche dai principianti e in spazi di ragionevole dimensione coltivando pomodori, fagioli, fagiolini, piselli, zucchine e patate, la produzion...
  • foto terreno orto salve ho una piccolo giardino di circa 10 m² con terreno argilloso ed ho piantato in piccole quantità:Basilico , angurie , piselli , peperoni , cipolle , pomodori , prezzemolo , fagioli. Volevo sa...
  • Pepe Delle spezie attualmente in uso, il pepe è tra non solo tra le più diffuse, ma anche tra quelle note sin dai tempi più antichi provenienti da terre molto lontane dalle nostre. L'origine del pepe, in t...

Battle - Semi Aromatici Origano (Semi - 40Cm)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,9€


Coltivazione e messa a dimora

Albero falso pepe La pianta del pepe rosa è piuttosto semplice come coltura ed è adatta alle zone con un clima temperato e un terreno con pH alcalino. Ha uno sviluppo molto veloce e in poco tempo potrà raggiungere i sette metri di altezza senza causare preoccupazioni. Va messo a dimora in una terra molto ben drenata, possibilmente con percentuali di sabbia e di ghiaia di fiume per eliminare i rischi dei ristagni idrici. È una pianta molto tollerante che non ha esigenze particolari. Adattabile ai terreni poveri di elementi nutrienti a limitato contenuto di materia organica. Vive anche in caso di molta salinità, sia nell'aria, sia nel terreno, infatti viene coltivato spesso nelle zone della costa. La messa a dimora potrebbe essere eseguita in ogni momento dell’anno, evitando solamente i mesi più freddi o quando la terra risulta bagnata.


Pepe rosa pianta: Curiosità e utilizzi

Bacche pepe rosa Nell’ America del sud è diffuso l’uso di piantare delle piante di pepe rosa negli orti e vicino agli alberi da frutto perché il profumo delle foglie è capace di allontanare i parassiti delle piante, riuscendo così a proteggere tutta la coltivazione. Allo stesso tempo, i fiori piacciono molto alle api che, impollinano gli altri alberi da frutto piantati nella stessa area. La pianta produce in buona quantità una resina aromatica, che gli indigeni utilizzavano per scopi terapeutici specialmente in caso di male ai denti o infezioni delle gengive, oppure per tingere i tessuti di arancione. Le foglie e i fiori, dopo averli fatti macerare venivano usati come aiuto per calmare i reumatismi e i dolori ai muscoli. La scienza moderna ha provato che questo utile albero ha proprietà antiinfiammatorie e antibatteriche.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO