Legumi

L'irrigazione dei legumi

Tutte le piante di leguminose hanno bisogno del giusto apporto idrico. Dovremo porre particolare attenzione ad evitare pericolosi ristagni idrici che possono provocare gravi patologie alla pianta portandola alla morte o compromettendo addirittura tutto il raccolto. Pertanto è necessario annaffiare con moderazione e in modo più costante possibile. Durante la stagione piovosa le precipitazioni atmosferiche possono essere più che sufficienti. Con l'arrivo dell'estate e dei periodi caratterizzati da un caldo più intenso ed una minore piovosità, è raccomandabile aumentare progressivamente gli interventi, fino ad arrivare all'occorrenza ad annaffiare 2 giorni a settimana. Possiamo installare un sistema di irrigazione, avendo cura di annaffiare solo la base della pianta e non le foglie. Per evitare che si ingialliscano è anche opportuno irrigare la sera dopo il tramonto o la mattina presto.
Legumi raccolti

Outsunny Serra da Giardino a Tunnel Per Piante in PE con Tubi di Ferro 600 X 300 X 200cm Bianco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 175,95€
(Risparmi 54€)


Come coltivare le leguminose

Fagiolini pronti per la raccolta Prendersi cura delle leguminose non è un compito particolarmente difficile e non sono necessarie esperienze avanzate di giardinaggio. Quasi tutte le leguminose si possono coltivare sia in vaso che in pieno campo. Nella soluzione all'interno dei vasi è preferibile scegliere di piantare le specie non rampicanti, come ad esempio i fagiolini e i pisellini nani. I semi si possono trovare anche al supermercato o nei negozi specializzati e nei vivai. Queste varietà non hanno bisogno di sostegni né di reti per arrampicarsi. Sarà sufficiente preparare un vaso di almeno 20cm di diametro e la piantina si svilupperà autonomamente. Per evitare ristagni idrici nei vasi si può mettere, nella parte inferiore, dell'argilla espansa o dei sassolini. In pieno campo le specie rampicanti necessitano di sostegni su cui si arrampicano da soli, oppure la classica retina da fagioli.

  • Campo coltivato a fave La coltivazione delle fave non è un'operazione difficilissima. E', infatti, adattissima anche a coloro che si avvicinano per la primissima volta all'esperienza con l'orto e con tutto ciò che di bello ...
  • Cicoria pan di zucchero La cicoria è una pianta erbacea di tipo perenne presente in tutto il mondo che può arrivare ad un’altezza di un metro e mezzo. In Italia è molto diffusa ad esclusione delle zone tirreniche e meridiona...
  • L’agricoltura biologica sfrutta le risorse naturali del terreno e sviluppa coltivazioni senza l’impiego di sostanze chimiche (se non quelle minime consentite dagli organi di controllo) o di OGM (organ...
  • eleagnus L’insieme dei fattori climatici – irraggiamento solare, temperatura, precipitazioni, vento, umidità atmosferica, evapo-traspirazione (combinazione di evaporazione dal suolo e traspirazione da alberi e...

3 PIANTE DI FRAGOLA RIFIORENTE, IN VASO 2 LITRI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12€


Concimazione delle leguminose

Leguminose rampicanti La prima considerazione da fare è che i legumi sono un'ottima scelta per iniziare una rotazione. Lasciando le radici nel terreno, infatti, i legumi fissano l'azoto, funzionando esattamente come un concime naturale. Per i terreni dove sono state coltivate altre verdure, invece, può essere necessario concimare nuovamente, magari utilizzando del letame maturo o del compost casalingo. Le operazioni di fertilizzazione vanno sempre fatte prima della preparazione del terreno. Le radici delle leguminose non andranno troppo in profondità ma è bene vangare almeno per 25cm, assicurando anche il giusto drenaggio. Durante lo sviluppo il terreno può essere ulteriormente fertilizzato in fase di fioritura, per favorire la produzione. In questo caso, per la coltivazione nei vasi, si ricorrerà ad un prodotto specifico come il concime granulare, facilmente reperibile nei negozi di fai da te.


Legumi: Esposizione, clima, malattie e rimedi

Orticello con sostegni per legumi Le leguminose possono essere coltivate dedicando una zona apposita dell'orto oppure in consociazione con altre verdure come patate, carote e lattughe. Trattandosi di coltivazioni che in genere cominciano in primavera, le malattie fungine possono attaccare le piante di leguminose. In genere le patologie insorgono a fine del ciclo di vita, quando abbiamo fatto già i primi raccolti. In questo caso sarebbe meglio evitare prodotti chimici optando per soluzioni naturali come i decotti alle erbe. Per il resto sono piante abbastanza resistenti che possono tollerare anche esposizioni alla luce diretta per periodi di siccità prolungata. L'importante è tenere conto dell'irrigazione giusta, evitando pericolosi ristagni poiché l'apparato radicale è molto superficiale. Pertanto anche nel caso in cui si sia scelto di trapiantare giovani piantine in pieno campo, bisogna operare con delicatezza.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO