Coltivazione fave

Coltivazione fave

La coltivazione delle fave non è un'operazione difficilissima. E', infatti, adattissima anche a coloro che si avvicinano per la primissima volta all'esperienza con l'orto e con tutto ciò che di bello ne deriva. Quella della fava non è una pianta molto esigente. E' particolarmente adattabile a qualsiasi tipologia di situazione climatica e quindi è perfettamente coltivabile tanto nelle zone più settentrionali che in quelle più meridionali. Potendo scegliere si può comunque affermare che il caldo è ben tollerato ma che la pianta predilige le temperature più fredde. La coltivazione delle fave si dimostra essere positivissima anche per le altre piantagioni. Proprio per questa motivazione è conosciuta anche come "coltura miglioratrice" dal momento che sembra avere la capacità di arricchire il terreno che la ospita di azoto, elemento importantissimo, appunto, per tutte le altre tipologie di piante e per il terreno stesso.
Campo coltivato a fave

Edler keim Torre in Terracotta, kiepenkerl casa, Germe Coltivazione di germogli

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,9€


Preparazione del terreno

Terreno preparato per la semina La preparazione del terreno per la coltivazione delle fave può avvenire durante tutto l'anno. La scelta è altamente dipendente dalla condizione climatica della zona in cui ci si trova. Considerando che la fava, generalmente, non predilige il caldo, nelle zone in cui il clima ha carattere temperato è preferibile iniziare la preparazione in autunno (così come la semina) in modo da raccogliere i frutti durante l'inverno. Viceversa, nelle zone fredde, è meglio preparare il tutto durante la primavera e approfittare della raccolta nel periodo estivo. Per la coltivazione non occorre un terreno che abbia delle caratteristiche speciali. Meglio se ha, comunque, un buon drenaggio, se non vi sono ristagni dell'acqua, se è ricco di calcio nonostante non debba essere particolarmente fertile. Per la preparazione vera e propria si zappa fino a 40 centimetri di profondità.

  • Coltivazione di fave Il terreno adatto per coltivare le fave è poco fertile e argilloso, questo perchè le piante di fava fertilizzano la terra dove vengono collocate. Il periodo maggiormente indicato per seminare è l'aut...
  • Legumi raccolti Tutte le piante di leguminose hanno bisogno del giusto apporto idrico. Dovremo porre particolare attenzione ad evitare pericolosi ristagni idrici che possono provocare gravi patologie alla pianta port...
  • Piantine fave Volendo rispettare le antiche tradizioni contadine le fave, come altri tipi di leguminose, andrebbero seminate durante le fasi di luna crescente. Possiamo iniziare con la semina fave in autunno ottene...

Claber 78060-64 90764 Kit-Drip 20 Vasi Kit Rainjet Goccia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,9€
(Risparmi 6€)


La semina e la crescita

Piantine di fave La semina e la crescita sono i passi successivi nella coltivazione delle fave. Laddove fa caldo il momento migliore per seminare è quello autunnale. Dove fa freddo, invece, meglio effettuare tale operazione nelle primissime fasi della primavera. La semina delle fave avviene direttamente in quello che sarà il terreno che le ospiterà per tutto il loro ciclo di vita. Vi è una collocazione definitiva, senza spostamenti successivi. Per la semina è necessario realizzare, sul terreno precedentemente preparato, una serie di filari che distino 80 centimetri uno dall'altro. Occorre, poi, realizzare delle buche profonde qualche centimetro ed inserire in ognuna almeno 3 semi, tenuti preventivamente a bagno per 2 giorni. Dopo aver ricoperto, bisognerà irrigare. Le piantine spunteranno dopo 15 giorni circa.


La fase di raccolta

Fave appena raccolte La fase di raccolta delle fave è l'ultima fase della loro coltivazione. La raccolta delle semine effettuate in primavera (ovvero dove fa più freddo) inizia dopo circa 3 mesi. Decisamente più lungo risulta essere il ciclo produttivo per tutte quelle semine avvenute, invece, in autunno (nelle zone climatiche più calde), dove questa fase può arrivare ad una durata massima di anche sei mesi. Per il consumo del prodotto fresco, la fase di raccolta va effettuata quando i baccelli non sono ancora del tutto maturi. In questo modo essi risulteranno davvero tenerissimi e saranno caratterizzati da una maggiore dolcezza. Per il consumo a secco, si procede direttamente estirpando l'intera pianta e ponendola in luogo aerato. La sgranatura, poi, si effettua quando la pianta sarà diventata secchissima.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO