Coltivazione fave, come fare

Coltivazione fave

Il terreno adatto per coltivare le fave è poco fertile e argilloso, questo perchè le piante di fava fertilizzano la terra dove vengono collocate. Il periodo maggiormente indicato per seminare è l'autunno o l'inverno se viviamo in una zona con un clima temperato.Con queste tempistiche potremo raccogliere le fave maturate per aprile. È necessario costruire dei filari distanti sessanta centimetri uno dall'altro, in modo che le piante possano svilupparsi e crescere, creando anche dei piccoli corridoi per la successiva raccolta. Scavare delle buche con una profondità di cinque centimetri e depositarvi un paio di semi in ognuna. Trascorse due settimane vedremo i primi germogli. Per velocizzare il processo di germinazione, è consigliabile tenere le sementi in acqua per qualche giorno.
Coltivazione di fave

ALONGB (2 Pezzi) Coperchi per germogliare Schermo per germogliare Semi in Acciaio Inossidabile per vasetto per inscatolamento a Bocca Rotonda (Argento)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,31€
(Risparmi 2,3€)


Come e quanto annaffiare la pianta della fave

coltivare fave Le piante di fava vanno bagnate con moderazione e profondamente. Successivamente avere interrato le fave, bisogna irrigarle, facendo molta attenzione a come viene distribuita l'acqua. Chiaramente, la quantità di acqua necessaria varia a seconda della stagione e dalle temperature della zona. Sono in grado di sopportare la siccità per brevi periodi ma, se si abita in un luogo particolarmente caldo, è consigliabile mantenere il terreno sempre bagnato. Durante le ore più fresche della giornata, quindi la sera o la mattina presto, bisogna annaffiare il terreno in profondità. La cosa importante è non creare ristagni intorno alle piante. Va annaffiata direttamente la terra, evitando di irrigare dall'alto bagnando le foglie. Questo comportamento promuove muffe, marcescenze e problematiche simili.

  • Piantine fave Volendo rispettare le antiche tradizioni contadine le fave, come altri tipi di leguminose, andrebbero seminate durante le fasi di luna crescente. Possiamo iniziare con la semina fave in autunno ottene...
  • Piante fave orto Per piantare fave si possono scegliere due diverse opzioni: la coltivazione autunnale-invernale e quella primaverile. Volendo seguire le antichissime tradizioni popolari si dovrebbe comunque seminare ...
  • Campo coltivato a fave La coltivazione delle fave non è un'operazione difficilissima. E', infatti, adattissima anche a coloro che si avvicinano per la primissima volta all'esperienza con l'orto e con tutto ciò che di bello ...
  • Legumi raccolti Tutte le piante di leguminose hanno bisogno del giusto apporto idrico. Dovremo porre particolare attenzione ad evitare pericolosi ristagni idrici che possono provocare gravi patologie alla pianta port...

Welawn Giardino traliccio, supporto per piante rampicanti per coltivazione di supporto per fai da te giardino piante, 10 cm l x 35.5 cm H

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,39€


Come e quanto concimare le piante di fava

Fave coltivazione Un aspetto molto importante da considerare per la buona riuscita del raccolto riguarda la concimazione.Le piante di fave non hanno esigenze particolari, sono infatti sufficienti i residui di concimi delle coltivazioni precedenti.Bisogna tenere presente, inoltre, che non sono necessarie altre fertilizzazioni durante le fasi di sviluppo delle piante di fava.Cosa molto importante è che l’apporto di azoto dato dalle radici di queste piante, risulta utilissimo per le coltivazioni successive, garantendo un ricco contributo nutrizionale al terreno circostante.L'unico fertilizzante che le piante potrebbero avere bisogno sono le concimazioni minerali, per questo occorre affidarsi a prodotti specifici e possibilmente biologici, nel caso in cui il terreno risultasse privo delle sostanze necessarie.


Coltivazione fave, come fare: Esposizione e possibili malattie

Parassiti delle fave Il clima perfetto per lo sviluppo delle fave è quello temperato, che non deve scendere al di sotto dei cinque gradi. Le fave soffrono i periodi troppo prolungati di siccità. Le piante possono essere attaccate da parassiti come gli afidi, che si riuniscono solitamente vicino ai germogli;il metodo migliore è potare le cime dove si raccolgono questi parassiti.Anche i funghi sono un problema, ma possono essere prevenuti piantando le piante abbastanza distanti per fare circolare l'aria ed evitando di bagnare le foglie. Una malattia frequente è la ruggine, che si presenta con delle macchie rossastre, per eliminarla bisogna tagliare le parti colpite e procedere con la pacciamatura del terreno.Un ottimo rimedio naturale è preparare un infuso di equiseto da spruzzare sulle foglie infettate.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO