Aspidistra

Aspidistra: caratteristiche generali

L’Aspidistra è originaria della Cina e appartiene alla famiglia delle Liliaceae. La sua caratteristica principale è dovuta al fatto che questa pianta si sviluppa in luoghi difficili per altre specie di vegetali: zone con scarsa umidità o povere di luce. Questa caratteristica però, non porta al conseguente maltrattamento di questo esemplare, basta conferirgli le cure basilari e agire quando la pianta lo necessita. L’Aspidistra è composta da fiori rosso spento che si formano alla base della pianta, solo durante la stagione estiva, e non crescono dei vegetali messi a dimora all’interno delle abitazioni. A essi fa seguito un frutto simile a una bacca di colore nero e contenente innumerevoli semi. Le foglie sono verdi, lanceolate, ovali, attaccate a dei lunghi piccioli e possono raggiungere dimensioni di circa 70 centimetri d’altezza.
Aspidistra in vaso.

HOYA CARNOSA TRICOLOR XL, pianta vera

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,6€


Aspidistra: coltivazione

Dettaglio fogliame. L’Aspidistra, nonostante sia una pianta rustica in grado di sopportare temperature e messe a dimora quasi estreme, preferisce una temperatura che si aggira intorno ai 10 °C ( 5°C solo per pochi periodi). Se la si coltiva all’interno dell’abitazione, occorre posizionarla nelle scale, nel portico o in veranda, in modo particolare durante la stagione invernale. Predilige luoghi semiombreggiati e odia la piena luce; nel caso in cui si trova in totale ombra, si sviluppa con maggior lentezza. Gli esemplari appartenenti a questa categoria non devono essere esposti alle correnti d’aria e al fumo. Per quanto riguarda la cura del fogliame, è conveniente pulirlo con un panno umido, senza usare dei lucidanti. Per quanto riguarda l’annaffiatura: durante le stagioni primaverili ed estive, occorre annaffiare abbondantemente le aspidistre e nebulizzare il fogliame, mentre durante quelle autunnali e invernali, occorre annaffiare le piante solo quando il terriccio risulta completamente asciutto.

  • Esemplare di Aspidistra in vaso L'Aspidistra è una pianta che richiede abbondanti annaffiature durante tutto il periodo primaverile ed estivo. Di norma vanno effettuate, se il clima è secco, a cadenza settimanale, mentre nei periodi...
  • erika All’interno di questa sezione parleremo delle piante perenni, cioè quelle che vivono più di due anni; queste piante arricchiscono i giardini di colori meravigliosi soprattutto nella stagione autunnale...
  • rosa Il linguaggio dei fiori era un modo di comunicare molto diffuso nell’800 ma ancora oggi, ad esempio, le rose rosse si regalato per significare passione, quelle bianche purezza e quelle rosa amicizia. ...
  • stella di natale Chi di noi non conosce la stella di Natale, o meglio, l’Euphorbia Pulcherrima? Nessuno o quasi. Tutti noi, almeno una volta, abbiamo comprato questa pianta durante il periodo natalizio, per fare un re...

10 PCS rara semi dell'albero Dracena Canarie Drago albero di sangue (Dracaena draco) appariscente, # Z30QWU

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,8€


Aspidistra: rinvaso e concimazione

Dettaglio base dell’Aspidistra. Per quanto riguarda il rinvaso dell’Aspidistra, esso deve essere praticato ogni 2/ 3 anni circa quando le radici iniziano a fuoriuscire dal vaso giacché lo spazio per il loro sviluppo si è esaurito. Occorre utilizzare un terriccio misto composto di foglie di faggio, torba e sabbia, in modo tale da drenare l’acqua delle annaffiature. Per avere una pianta sempre in salute e rigogliosa, occorre utilizzare un concime a base di azoto da somministrare durante la stagione primaverile ed estiva, in modo tale da permettere una rigogliosa crescita del nuovo fogliame e delle infiorescenze. Oltre alla presenza di azoto, il concime deve contenere alcuni macroelementi indispensabili per l’Aspidistra, tra i quali; potassio, fosforo, magnesio, ferro, rame, zinco, molibdeno, boro e manganese. Riguardo al dosaggio da somministrare, basta diminuire leggermente le dosi riportate sul retro della confezione del prodotto acquistato presso il vivaio o qualsiasi negozio che si occupa di giardinaggio.


Aspidistra: malattie e concimazione

Aspidistra coltivata in piena terra. L’Aspidistra può avere dei problemi di salute dovuti a forti esposizioni alla luce solare, a un calo di sostanze nutritive e ad attacchi ad opera di parassiti infestanti. Se il fogliame presenta delle bruciature, significa che è stata messa a dimora in luoghi soggetti alla luce solare diretta; in questo caso basta spostarla in un ambiente più fresco, umido e protetto dai raggi solari. La presenza di spaccature è dovuta a una mancanza di azoto; in questo caso basta somministrare del concime a base di questo elemento, seguendo le giuste dosi e secondo periodi stagionali prestabiliti. La presenza di macchie brune denota la presenza di cocciniglia. La cura consiste nell’eliminazione manuale del parassita, usando un batuffolo di cotone imbevuto in acqua e alcool. La presenza del ragnetto rosso porta alla formazione di ragnatele e a un accartocciamento del fogliame. In questo caso occorre nebulizzare le foglie e lavarle con acqua e sapone. Infine, si può osservare la presenza di un altro parassita molto infestante: gli afidi. La loro presenza è molto evidente e possono essere debellati con degli antiparassitari adatti per l’eliminazione di questa specie.



  • aspidistra fiore Varietà erbacea perenne rizomatosa, originaria dell'Asia orientale e dell'Africa, diffusa in molte parti dell'Asia dall'
    visita : aspidistra fiore

COMMENTI SULL' ARTICOLO