La gardenia

vedi anche: Gardenia

Come irrigare la gardenia

Dato che la gardenia è una pianta piuttosto delicata, è consigliabile utilizzare, per l'irrigazione, acqua non troppo fredda e priva di calcare: è perfetta quella demineralizzata. Le annaffiature devono essere regolari durante l'anno, in modo che il terreno sia costantemente umido, ma bisogna evitare i ristagni idrici e l'impiego di sottovasi. Poiché questa pianta predilige l'umidità, se la coltivazione avviene in appartamento può risultare utile l'applicazione di un umidificatore ai termosifoni; si suggerisce anche la collocazione, nei pressi del vaso, di contenitori riempiti con acqua e argilla espansa. In giardino, invece, e particolarmente nelle ore più calde della stagione estiva, è opportuno vaporizzare le foglie, senza però bagnare i fiori: con il tempo, ciò potrebbe infatti provocarne l'ingiallimento.
Gardenia in giardino

NUTRI 1 ONE One Concime concentrato per Piante e Fiori, 1 lt

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,5€


Come coltivare e curare la gardenia

Gardenia in vaso Il terreno ideale per questa pianta è leggermente acido, ricco e fresco; nei vivai è possibile acquistare terreni appositi per acidofile, già miscelati con torba, poca sabbia e frammenti di carbone di legno. La temperatura dell'ambiente di coltivazione non deve essere né troppo elevata né eccessivamente bassa, compresa in linea di massima tra i 12 ed i 20 °C. Il rinvaso deve avvenire al principio della primavera, facendo ovviamente attenzione a non danneggiare le radici; si raccomandano vasi molto larghi ma poco profondi. La potatura, invece, va eseguita dopo la fioritura e soltanto se è davvero necessaria, accorciando i rami con uno strumento disinfettato alla fiamma; al contrario, i fiori appassiti sono da eliminare quanto prima, in quanto in questo modo si incentiverà la crescita di altri boccioli.

  • gardenia La pianta di Gardenia è originaria della Cina, essa è molto stimata dai coltivatori, e per questo motivo risulta essere la pianta più coltivata del mondo. Il motivo per il quale la pianta è molto appr...
  • pianta di Gardenia Esistono moltissime varietà di semi di Gardenia ma quelli che troveremo nelle rivendite saranno i discendenti della "pianta madre" importata dall' Asia 2 secoli fa. Per favorire la germinazione dei se...
  • Fiore di gardenia La gardenia comprende numerosissime specie di cui la più diffusa è la Gardenia jasminoides. La famiglia a cui appartiene questa pianta è la stessa della pianta del caffè. I fiori crescono all’ascella ...
  • malattiepianteappartamento Le piante da appartamento hanno esigenze simili alle piante da esterno. Necessitano dunque di adeguate concimazioni, irrigazioni ed esposizioni solari. Molte specie da appartamento sono in realtà pian...

Semi Pacchetto: Rare ZZ Seed-Zamioculcas zamiifolia - Facile da Coltivare House Seed - 4" Seed

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9€


La concimazione

gardenia fiorita Il concime da utilizzare non deve contenere soltanto i tre fondamentali macroelementi, ovvero il fosforo, l'azoto ed il potassio, ma anche i cosiddetti microelementi, importanti per lo sviluppo della pianta; tra questi vi sono il ferro, il magnesio, il manganese, il boro, lo zinco ed il rame. In giardino si consiglia un concime a rilascio lento, mentre in vaso se ne preferisce uno liquido da amalgamare all'acqua utilizzata per l'annaffiatura. Bisogna eseguire l'operazione di concimazione ogni quindici giorni circa in primavera ed in estate, ogni due mesi in autunno ed in inverno. Durante la stagione fredda, tra l'altro, può essere opportuno servirsi di prodotti con una bassa percentuale di azoto: esso, infatti, stimola la produzione di vegetazione tenera, che il gelo tenderebbe a distruggere.


La gardenia: Esposizione, malattie e possibili rimedi

Foglie affette da clorosi La gardenia deve essere esposta, nel periodo più caldo dell'anno, in una zona illuminata ma non colpita direttamente dai raggi del sole; in autunno ed in inverno è necessario evitare i luoghi molto freddi e le correnti d'aria. Si tratta di una pianta non troppo resistente, che necessita di climi temperati per il suo sviluppo ottimale. Un ulteriore pericolo è rappresentato da un parassita, la cocciniglia, in particolare quella bruna, che provoca macchie ed ingiallimento delle foglie ed è contrastabile con l'utilizzo di olio bianco minerale. Tra le malattie, invece, una delle più fastidiose è la clorosi, provocata dalla presenza di calcare nell'acqua usata per l'irrigazione; il rimedio più efficace, oltre all'eliminazione delle parti malate, è un trattamento a base di ferro chelato diluito in acqua e somministrato nella zona delle radici.



COMMENTI SULL' ARTICOLO