Bonsai Faggio

Caratteristiche dell'albero di faggio

Il faggio è un albero elegante e robusto che cresce spontaneamente sulle montagne del nostro Paese e forma dense foreste, con alcuni esemplari che superano i 35 metri di altezza. Ha foglie verde scuro sulla faccia superiore e chiaro su quella inferiore. Durante la stagione invernale le foglie del faggio si seccano ma restano attaccate all'albero fino alla primavera, quando cadono per far posto a quelle nuove, che nascono da lunghe gemme a punta. Questa pianta è molto apprezzata nell'arte bonsai, per la sue caratteristiche di leggerezza e di forza e per il colore cangiante delle foglie, di colore verde chiaro in primavera, scuro in estate, gialle e poi rosse in autunno. Le specie di faggio usate per il bonsai sono il Fagus sylvatica, quello diffuso in Italia, ed il particolare Fagus crenata, proveniente dal Giappone.
Bonsai faggio in primavera

BONSAI FAGGIO h.39 - Fagus sylvatica

Prezzo: in offerta su Amazon a: 55€


Esposizione stagionale del bonsai faggio

Bonsai faggio in estate Il bonsai faggio deve essere tenuto in condizioni simili a quelle dell'albero originale, che vive in ambiente montano, umido e fresco. Nella stagione primaverile il bonsai deve stare in luogo ben soleggiato. Il sole determina una rapida e compatta crescita nel bonsai, con rametti robusti e piccole foglie. L'estate può essere critica per questa essenza, a causa dell'umidità ridotta. L'alberello va esposto a nord, all'ombra ed in un punto fresco il più possibile. Inoltre occorre posizionarlo sopra un sottovaso pieno di ghiaia bagnata per contrastare l'aria secca. Anche in autunno l'albero dovrà stare al fresco finché non arriva il freddo, quando sarà rimesso al sole. Nella stagione invernale il bonsai faggio, che resiste benissimo al freddo, si potrà tenere all'aperto in qualunque punto. Può eventualmente essere utile coprire il vaso per proteggere le radici dal gelo.

  • foto ibisco fiorito Mi hanno regalato due alberelli d'ibisco,hanno una fioritura eccellente.Per far si che rimangano tali cosa posso fare? Quando necessitano la potatura? Vivendo a Bologna il clima è un pò mite d'inverno...
  • forbice Le forbici da giardino servono prevalentemente per la potatura, ma ci sono diversi modelli usati anche per sistemare le siepi. ...
  • Giacinto Il giacinto è una bulbosa originaria dell'Europa e dell'Asia e che gradisce molto il clima temperato, questa pianta fiorita si coltiva con facilità davvero estrema sia in giardini ed aiuole, dunque in...
  • foto gelso Ciao a tutti! Vorrei sapere se è sbagliato potare un gelso sotto il collare? Se si, qual'è il rischio?...

Exotenherz.de - Bonsai di Ficus retusa cinese, 8 anni

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,99€


Annaffiatura e potatura del bonsai

Bonsai faggio in autunnoIl terriccio sarà annaffiato quando è asciutto, per 2-3 volte, aspettando alcuni minuti, per essere sicuri che sia ben inumidito. In estate, un'alternativa al sottovaso con ghiaia umida è la vaporizzazione di acqua sulle foglie. Il momento più indicato per la potatura è l'inverno, per due motivi: le foglie sono cadute e la struttura dei rami è evidente e l'albero, in stasi vegetativa, non rischia perdite di linfa dai tagli. Poiché il faggio produce cicatrici grandi e esteticamente sgradevoli, quando di tagliano rami grossi è bene medicare con mastice o pasta cicatrizzante. Le foglie sono alterne e quindi ,accorciando un ramo, è necessario decidere in quale direzione dovrà ricrescere e lasciare la gemma apicale che va in quel verso. Nella tarda primavera, quando le foglie prodotte dai nuovi germogli saranno almeno 6, per avere una bella chioma compatta andranno tagliati dopo la seconda foglia. In autunno si rimuovono le gemme che produrrebbero rami che non servono al bonsai.


Bonsai Faggio: Rinvaso e concimazione del bonsai

Bonsai faggio in inverno Questo tipo di albero ha una crescita lenta ed il rinvaso va effettuato un anno sì ed uno no, per i bonsai giovani, e ogni 3 o 4 anni per gli esemplari maturi. Il periodo migliore va da novembre, quando cadono le foglie, a marzo, quando si rigonfiano le gemme. Nel corso dell'operazione di rinvaso la pianta deve essere trattata come una sempreverde, benché sia una caducifoglia, quindi si ridurrà il pane delle radici della metà invece di scoprirle totalmente. Il terreno deve avere un buon drenaggio ma non asciugarsi molto rapidamente, quindi è bene utilizzare un substrato con sostanza organica come il terriccio pronto. Si rinvasano soltanto gli esemplari sani e, in caso di inverno gelido, i bonsai appena trapiantato va protetto in serra fredda. Per un mese o poco più è opportuno nebulizzare ed innaffiare, ogni settimana, con una soluzione di vitamine B. Il fertilizzante dovrà essere del tipo a lenta cessione.


  • bonsai faggio Il faggio in natura è una pianta maestosa che può raggiungere i 25-30 metri di altezza. Ha una chioma tondeggiante ricca
    visita : bonsai faggio

COMMENTI SULL' ARTICOLO