decotto carciofo

come si prepara

Per ottenere un ottimo decotto è necessario munirsi di una piccola quantità di foglie di carciofo (si consiglia sempre di utilizzare le più giovani), per versarle all'interno di un litro d'acqua.

Facciamo bollire questo composto per almeno sessanta minuti, per inserire man mano l'acqua che evapora durante la cottura.

E' importante evitare di aggiungere lo zucchero e si consiglia anche di bere un massimo di tre tazze al giorno: di solito, in precedenza di ogni pasto.

decotto carciofo


effetti benefici

decotto carciofo2Il decotto di carciofo è un ottimo rimedio che permette di favorire la perdita di liquidi in eccesso e, quindi, è un ottimo aiuto nelle diete dimagranti.

Questo particolare decotto si caratterizza anche per svolgere un'importante azione a livello digestivo, dato che favorisce un miglioramento di essa.

Della pianta di carciofo vengono utilizzate essenzialmente le foglie cauline ma al contrario non vengono sfruttate tutte quelle brattee carnose che invece si caratterizzano per poter essere mangiate.

In alcuni casi, vengono impiegate anche le radici di carciofo.

Il decotto realizzato con il carciofo si caratterizza per svolgere un'azione curativa sulle epatiti, così come riesce a curare con buona efficacia i disturbi che vanno a colpire la cistifellea (in particolar modo la colecisti).

Questo decotto amaro si caratterizza anche per garantire un'attività benefica sulla pelle, dandole nuovo colore e rischiarandola, ma anche per svolgere un'azione stimolante sull'appetito, nonché per stimolare i reni a rimuovere tutte quelle scorie che vengono aggregate in eccesso da parte del corpo.

Spesso, c'è la possibilità anche di optare per gli estratti di carciofo.

Il decotto che viene realizzato con le radici di carciofo si caratterizza per essere estremamente utile nella cura della gotta, ma anche per contrastare le artriti: in questi casi, però, si devono rispettare dei periodi minimi di cura, che corrispondono essenzialmente a due o tre settimane, in maniera tale da poter sconfiggere eventuali dolori, oppure vertigini e fastidiosi formicolii.

Il decotto di carciofo può essere applicato anche per uso esterno: infatti, si consiglia spesso di utilizzare il decotto di carciofo per un'opera di rinormalizzazione della pelle (sopratutto quelle che hanno assunto un colore diffusamente giallo), oppure per la cura di quei piccoli foruncoli che colpiscono, in particolar modo, i soggetti epatici.

In erboristeria troviamo con grande facilità le foglie fresche od essiccate, così come le radici, per poter preparare degli ottimi decotti di carciofo.

  • carciofo Il carciofo è una pianta perenne che si sviluppa, di solito, nelle zone mediterranee e che cresce spontaneamente in tutti quei luoghi caratterizzati da temperature particolarmente elevate.Fin dal qu...
  • tisane dimagranti Nella maggior parte dei casi, le tisane dimagranti devono essere consumate con dosaggi piuttosto ridotti e per un periodo di tempo abbastanza lungo.Le tisane si possono realizzare mediante infusione...
  • tisana carciofo La preparazione di una tisana depurativa a base di carciofo è davvero piuttosto semplice, anche se sarà necessario seguire correttamente pochi e semplici passi.Prima di tutto si dovranno portare ad...
  • infuso drenante Nel corso della stagione estiva si ha la necessità di fare tutto quanto è nelle nostre capacità per svolgere un'azione drenante sui liquidi in eccesso che si accumulano all'interno del nostro organism...


ricette

Non serve essere dei maghi in cucina per realizzare un ottimo decotto a base di carciofo.

Infatti, la prima cosa da fare è semplicemente quella di procurarsi le foglie essiccate di carciofo presso un'erboristeria.

Si versano due grammi di foglie di carciofo all'interno di un pentolino riempito con200 ml di acqua , per poi far bollire il tutto.

Si consiglia sempre di coprire il decotto con un utile coperchio e di far bollire con una fiamma particolarmente bassa: ovviamente il tempo non dovrà essere superiore ai venti minuti.

Infine provvediamo ad eseguire l'operazione di filtraggio e, quindi, avremo a disposizione il nostro decotto di carciofo.

Nel caso in cui si soffra di particolari disturbi legati alla digestione o che fanno riferimento al metabolismo dei grassi, si consiglia di bere un numero massimo di tazze di decotto di carciofo pari a tre al giorno.

Il decotto a base di radici di carciofo, invece, si realizza dotandosi di trenta grammi di radici di carciofo e un litro d'acqua: le operazioni successiva ricalcheranno esattamente quelle necessarie per la preparazione di un decotto a base di foglie di carciofo.

Per realizzare un decotto che svolga un'azione prettamente disintossicante, è necessario mettere a bollire venti grammi di foglie di carciofo all'interno di 500 cl d'acqua: lasciamo il composto sul fuoco per almeno cinque minuti e poi provvediamo al filtraggio.

Si tratta di un decotto che si deve bere più volte nel corso della giornata e presenta degli ottimi effetti benefici sopratutto sul fegato.

Un decotto in grado di svolgere un effetto principalmente diuretico è quello che prevede l'utilizzo di venti grammi di radice di carciofo all'interno di 100 ml di acqua: la preparazione è sempre la stessa dei decotti descritti in precedenza.

Il carciofo è particolarmente utile anche contro il colesterolo: anche in questo caso è possibile preparare un ottimo decotto che si può impiegare anche per la cura di gotta ed acido urico.

Versiamo quindici grammi di foglie essiccate di carciofo (raccolte dal gambo) all'interno di una tazza di acqua: facciamo bollire per qualche minuto e poi lasciamo riposare per almeno dieci minuti.

Possiamo bere circa mezza tazza trenta minuti prima di iniziare ogni pasto e il decotto può essere reso molto più dolce con l'aggiunta di un pizzico di miele.

Ad ogni modo, questo decotto si dimostra piuttosto efficace per quanto riguarda la riduzione dei livelli di colesterolo.


decotto carciofo: avvertenze

Il carciofo si caratterizza per avere degli effetti altamente stimolanti sul funzionamento della bile ed è proprio per tale ragione che deve essere impiegato con notevole prudenza ed attenzione in tutti quei soggetti che soffrono di calcolosi biliare.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO