Frutti di bosco coltivazione

Frutti di bosco coltivazione: la mora

La mora, il cui nome scientifico è Rubus fruticosus, appartiene alla famiglia delle Rosaceae e cresce su un arbusto. La pianta è diffusa nelle zone del mediterraneo ed in Asia. La mora si adatta bene ad ogni tipo di terreno anche se preferisce i suoli boschivi, privi di calcare, abbastanza acidi e ricchi di concime organico. Hanno bisogno di crescere in zone soleggiate. Ponete a dimora la pianta all'inizio della primavera ed annaffiate regolarmente. Cercate di lasciare circa 30 cm di distanza tra le piantine. Particolarmente indicato è anche l'impianto a spalliera, su pali alti di un'altezza di circa 2 metri. La fioritura si avrà in primavera mentre per la raccolta si dovranno attendere i mesi tra agosto e novembre. Il frutto maturo avrà una colorazione bruna ed una dimensione rotonda e ben definita.
Pianta di mora

ALTEA CONCIME ORGANICO NATURALE A LENTA CESSIONE SPECIFICO PER LA COLTIVAZIONE DEI FRUTTI DI BOSCO IN CONFEZIONE DA 1,5 KG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,75€


Frutti di bosco coltivazione: il lampone

Pianta di lampone Se vi accingete alla preparazione di una coltivazione di frutti di bosco non potete prescindere dal piantare il lampone. Il nome scientifico di questa pianta è Rubus idaeus, della famiglia delle Rosaceae. Questo arbusto è originario dell'Europa e dell'Asia, ma attualmente è coltivato in tutto il mondo. Il terreno migliore per la dimora del lampone è di tipo calcareo, sub-acido, ricco di concime organico. Il clima ideale è fresco, tipicamente montano. Necessita di luce solare e di acqua regolare ed in abbondanza. Preparate dei filari ponendo dei paletti a cui legherete successivamente i tralci. Posizionate le piante e i paletti ad una distanza di 60 cm. La fioritura avviene a primavera inoltrata, tra i mesi di maggio e giugno; potrete raccogliere i primi frutti verso settembre. Il frutto maturo deve essere ben rosso e piuttosto duro.

  • foto gelso Il gelso, nome comune per morus, appartenente alla famiglia delle Moraceae comprende un piccolo genere di alberi decidui, molto affascinanti per il loro sviluppo, che nel corso degli anni diventano co...
  • Olivo moraiolo Il Moraiolo rappresenta una delle più celebri ed apprezzate cultivar di olivo, da cui si ottiene uno tra i migliori oli di tutta la penisola italiana.Questa cultivar di olivo proviene essenzialmente...
  • frutti di bosco I frutti di bosco (che vengono chiamati anche piccoli frutti), sono tutti quei frutti che crescono spontaneamente nel sotto bosco. Stiamo parlando, in gran parte dei casi, di specie che sono caratteri...
  • brisa1 Brisa è uno dei tanti nomi con cui viene comunemente indicato il porcino. Fungo tra i più pregiati e prelibati, il porcino è forse quello che si presta alle più svariate preparazioni culinarie, sia fr...

Plantui Capsule Basilico - Confezione da 3 pezzi per Plantui Smart Garden

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,9€


Frutti di bosco coltivazione: il mirtillo

Pianta di mirtillo La coltivazione dei frutti rossi non richiede particolari abilità; se, ad esempio amate i mirtilli, potrete coltivarli con facilità. Il mirtillo, il cui nome scientifico è Vaccinium myrtillus, è un arbusto appartenente alla famiglia delle Ericacee originario dei paesi europei. Il terreno adatto alla loro coltivazione è quello per acidofile, con torba, zolfo e sabbia granulosa. La pianta deve essere messa a dimora tra settembre ed aprile. Abbiate cura di posizionarlo in una zona piuttosto soleggiata, ma non troppo afosa. Le radici del mirtillo hanno bisogno di un irrigazione costante, pertanto siate regolari con le innaffiature. Dopo la fioritura primaverile, con l'arrivo dell'estate arriveranno i primi frutti. Raccoglieteli quando i frutti avranno raggiunto un colore blu omogeneo; è preferibile effettuare questa operazione con l'aiuto di un pettine per evitare di danneggiare il raccolto.


Frutti di bosco coltivazione: l'uva spina

Pianta di uva spina L'uva spina, conosciuta scientificamente con il nome di Ribes grossularia, è un'arbusto spinoso e piuttosto tozzo che appartiene alla famiglia delle Sassifragaceae. La pianta è originaria dell'Europa centro settentrionale e resiste molto bene al climi rigidi; ben si adatta a tutti i climi e può essere dunque facilmente coltivata. La semina dell'uva spina deve avvenire a partire dalla stagione autunnale, ma non oltre il mese di aprile. Cercate una zona piuttosto ombreggiata ed abbiate cura di concimare il terreno con fosforo e potassio. Per quanto riguarda l'irrigazione sarà sufficiente bagnare il terreno senza gettare acqua direttamente sulla pianta, evitando il contatto con le foglie. Le prime bacche faranno la loro comparsa nel mese di giugno; raccogliete i frutti quando risulteranno perfettamente sferici con una superficie liscia e lucente.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO