Il mirabolano

L'irrigazione

La crescita ottimale e la produttività del mirabolano si basano su un'adeguata umidità del terreno. L'irrigazione può migliorare la pezzatura dei frutti e anche prolungare la vita dell'albero. Un irrigamento adeguato e tempestivo aiuta a ridurre i costi di produzione, massimizzando i profitti. Per valutare quando irrigare possiamo utilizzare diversi metodi. Si può controllare al tocco l'umidità del terreno: se la terra è secca, occorrerà irrigare. Tuttavia non si avranno rilevazioni precise. Si potrà, allora, utilizzare un tensiometro che misura la tensione superficiale creata dall'umidità del fondo. E' uno strumento particolarmente utile in caso di suolo sabbioso. In ogni caso il fabbisogno di acqua del mirabolano è abbastanza limitato. Trae bene l'acqua necessaria dalla terra, grazie alle radici. Le piantine richiedono maggiore attenzione nei primi due anni, sino a raggiungere un buono sviluppo dell'apparato radicale. Sarà sufficiente un secchio d'acqua a settimana. Se le foglie o i frutti cadono prematuramente, si starà manifestando una disidratazione, dovuta al terreno troppo secco. Preferibilmente andrà utilizzata l'acqua piovana raccolta.
Mirabolano

Albero Melograno Dente Di Cavallo 150cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8€


Coltivazione

Frutti mirabolano Apprezzato per la sua robustezza e la tolleranza ai diversi climi, il mirabolano ha un frutto succoso e dolce. Esso può crescere sia in terra che in vaso, arricchendo un balcone con i frutti e i fiori. Non vi è molta differenza se l'impianto avviene in terra o in vaso, se non per la dimensione del mirabolano da piantare. Il momento ideale per interrare il mirabolano è tra novembre e marzo. Il terreno che riceve l'impianto deve essere una miscela di due terzi di terra fresca e un terzo di humus. Non bisognerà dimenticare di drenare il fondo, depositando uno strato di ghiaia. Ciò consentirà di evitare ristagni d'acqua. L'efflorescenza ha luogo dalla fine dell'inverno sino all'inizio della primavera. E' composta da una moltitudine di piccoli fiori rosa con cinque petali. I frutti appaiono dopo la fioritura e divengono maturi verso il mese di luglio. La potatura potrà essere effettuata dopo lo sboccio, ma solo in caso di necessità.

  • foto sorbo Il sorbo, nome comune per sorbus, appartenente alla famiglia delle Rosacee è un albero di medie dimensioni originario dell'Europa settentrionale e diffuso nel nostro paese spontaneamente. Il genere so...
  • Fragola La fragola è il dolce e piccolo frutto di colore rosso che si sviluppa spontaneamente nel sottobosco collinare e alpino del nostro paese. Con il tempo si è diffusa la sua coltivazione in gran parte d'...
  • Sorbo Il sorbo, nome comune per sorbus, appartenente alla famiglia delle Rosacee è un piccolo albero apprezzato in particolar modo per il colore delle sue foglie e dei suoi frutti che conferiscono alla pian...
  • Ramo prunus fiore Il prunus è un genere di pianta che comprende oltre 200 specie, offrendo così un'enorme quantità di frutti: ciliegie, pesche, albicocche, prugne. Di dimensioni non molto grandi, si presta anche alla c...

Tradico Super Agri Green Papaya Selection Dolce - 2 G X 2 da Giardino Colli

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,04€


Concimazione

Prunus Cerasifera Si cercherà di mantenere un ambiente biologicamente attivo, con un equilibrio che garantisca una fruttificazione ottimale. Non sono richiesti grandi apporti di elementi minerali, salvo che per il potassio. L'assorbimento di potassio raggiunge un picco alla fine della primavera e all'inizio dell'estate. Ogni eccesso o carenza della fertilizzazione organica azotata può provocare conseguenze dirette sul mirabolano, quali il parassitismo o il calo della resa. Al momento dell'impianto si utilizzerà letame decomposto o compost. In seguito, ogni primavera, andrà posto concime organico alla base del mirabolano, con 15 cm. di buon compost, mescolato con stallatico. Questa pacciamatura organica ha il vantaggio di mantenere una buona freschezza alle radici durante l'estate. E' possibile terminare la concimazione fornendo un fertilizzante completo per alberi da frutto.


Il mirabolano: Esposizione e malattie

Pianta amolo Il mirabolano richiede un'esposizione aperta e soleggiata. Tra le malattie fungine da temere, il marciume bruno e il corineo sono le più comuni. Il marciume bruno, causato dalla Monilia Taxa, provoca secchezza dei bouquet floreali. Si sviluppano dei cancri sui rami, che uccidono tutte le parti che si trovano al di sopra. Il corineo, causato dal Coryneum bejerinckii, si manifesta con la formazione di macchie circolari marroni sulle foglie, che si perforano facilmente. Inoltre, sui rami nascono piccole lesioni circolari che lasciano trasudare della gomma. Per combattere entrambe le patologie, si taglieranno i rami malati. Saranno spruzzati fungicidi a base di rame (poltiglia bordolese), o a base di captafol e di tiram. Si procederà dalla caduta delle foglie, sino, al più tardi, a gennaio. Se vi sono attacchi di afidi o cocciniglie durante l'estate, si utilizzeranno insetticidi specifici.


  • mirabolano Il mirabolano è anche chiamato rustico, proprio per la sua grande capacità di adattamento. È una pianta che riesce a sop
    visita : mirabolano

COMMENTI SULL' ARTICOLO