Tamarindo

Come irrigare

L'irrigazione di questo albero deve essere regolata in base all'andamento delle precipitazioni. Se, infatti, si verifica un periodo di siccità, le annaffiature vanno intensificate; se, al contrario, le piogge sono abbondanti, bisogna limitare la somministrazione d'acqua, in quanto la pianta teme un'umidità eccessiva, in particolare se ciò accade durante la stagione invernale. Un ottimo metodo, ad ogni modo, è quello a goccia o per aspersione, che consente un notevole risparmio di risorse; permette, inoltre, di indirizzare sottili getti d'acqua direttamente alla zona delle radici o sulla superficie del terreno, a seconda delle proprie esigenze. Si raccomanda di irrigare con più frequenza gli esemplari più giovani, che rispetto a quelli adulti sono ancora deboli e hanno un maggiore fabbisogno idrico.
Albero tamarindo

Portal Cool 30+ i semi di tamarindo Fresh Organic rapida crescita Semi Tropicale Stagionale albero libero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Coltivazione e cura

Pianta tamarindo frutto Il tamarindo predilige un suolo ben drenato, profondo, con ph possibilmente neutro; per il resto, si adatta con facilità anche ai terreni argillosi e a quelli salini. Può essere opportuno effettuare l'impianto in un contenitore specifico, ed eseguire il trapianto in giardino una volta trascorso qualche anno: in questo modo, le prime fasi dello sviluppo della pianta potranno essere monitorate con attenzione e costanza. Prima della messa a dimora in piena terra, si raccomanda di lavorare meticolosamente il suolo con una vanga, in modo da ammorbidirlo e favorire la crescita del giovane esemplare. Non è necessaria una potatura abbondante, ma è conveniente recidere di volta in volta i rami secchi o quelli attaccati da funghi, utilizzando cesoie perfettamente affilate e disinfettate in vista dell'operazione.

  • Lici Il lici, che viene chiamato anche Litchi o dattero cinese, si caratterizza per far parte della famiglia delle Sapindacee, al genere Litchi ed alla specie denominata chinensis.Il lici, o dattero cine...
  • Esempio di palma da dattero provvista di frutti. La palma da dattero, nota anche con il nome di Phoenix dactylifera, è originaria delle regioni del nord dell’Africa. Essa appartiene alla famiglia delle Acecacee, presenta un fusto molto dritto in gra...
  • vaso con kenzia. La Kenzia è una specie di pianta appartenente alla grande famiglia delle Palmae ed al genere Howea; essa è originaria delle zone tropicali boreali (vale a dire di paesi quali l’Australia e suoi confin...
  • Camelia Avete idea di quante possano essere le piante da giardino? Sicuramente moltissime e tutte molto interessanti e degne di considerazione ma noi ci limiteremo ad illustrarvene alcune come l’azalea, piant...

Portal Cool 10 semi di tamarindo Albero da frutto, Tamarindus indica

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Come e quando concimare

Frutti tamarindo La concimazione va eseguita annualmente; il prodotto utilizzato deve fornire all'albero i tre macroelementi di cui ha bisogno, ovvero il potassio, l'azoto ed il fosforo. La quantità di quest'ultimo, tuttavia, va ridotta man mano che la pianta cresce; il potassio, invece, deve essere somministrato in misura maggiore agli esemplari adulti. Tutti e tre gli elementi sono indispensabili, in quanto l'azoto favorisce l'accrescimento delle parti vegetative, il fosforo supporta i processi del metabolismo ed il rafforzamento dell'apparato radicale, ed infine il potassio aiuta la sintesi proteica. Una loro carenza sarebbe estremamente dannosa, causa di uno stato generale di indebolimento e, in alcuni casi, di clorosi fogliare. Se possibile, il fertilizzante deve includere anche microelementi come il magnesio ed il molibdeno.


Tamarindo: Esposizione, parassiti, malattie

Infestazione afidi piante tropicali L'esposizione consigliata per il tamarindo è soleggiata, collocata quanto più possibile al riparo dai venti intensi; la pianta, per di più, teme le temperature troppo basse e le gelate tardive. Questo resistente albero è poco soggetto agli attacchi dei parassiti: tuttavia, qualora si verifichi un'infestazione, sono sufficienti rimedi naturali come l'infuso d'aglio ed il macerato d'ortica. Entrambe le soluzioni sono perfette contro gli afidi, i quali tendono a perforare le foglie ed i rami degli alberi per succhiare la linfa, e rappresentano così un tramite per numerose malattie. In condizioni di umidità sovrabbondante, inoltre, la pianta può essere colpita da funghi; essi determinano marciumi diffusi, provocando così il deperimento dell'esemplare, e necessitano di specifici anticrittogamici.



COMMENTI SULL' ARTICOLO