morfologia radici

Morfologia radici

La pianta è composta da diverse strutture. Genericamente si parla di strutture o componenti vegetali, mentre specificamente si parla di foglie, fiori, fusti, steli e radici. Nelle sezione del sito abbiamo esaminato la morfologia delle foglie e dei fiori, che, come sappiamo, sono i compomenti principali di una pianta. In questa sede vogliamo esaminare un altro componente fondamentale delle piante: le radici. Dalla forma e dal comportamento delle radici si possono avere informazioni sulla tipologia di pianta e sulle sue condizioni di salute. In ogni caso, anche la morfologia delle radici riveste un ruolo fondamentale nella classificazione delle varie specie vegetali esistenti in natura.
radicipiante

144 Feet-24-Cornici in legno di Acero rosso in seta con rami e foglie di edera inglese Wedding Party ghirlande Big Value-Ghirlanda da appendere per decorazioni da parete a forma di foglie, colore: verde

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28,64€


Caratteristiche

Le radici sono la struttura vegetale che tiene le piante ancorate al suolo e che permette l’assorbimento delle sostanze nutritive da parte delle stesse. La funzione delle radici è talmente importante che alcuni riferimenti a queste strutture sono entrati nell’uso comune. Spesso, infatti, si usa dire “mettere radici” nel senso di rimanere stabilmente ancorati a un luogo e a una situazione. Il termine si riferisce proprio alle piante, le quali, dopo la semina o il trapianto, mettono radici per fissarsi al terreno, per nutrirsi e per continuare a crescere.

  • Il genere Lithops appartiene alla famiglia delle Aizoaceae e proviene da alcune zone dell'Africa, dove le temperature alte e le aree desertiche ne favoriscono la crescita. Queste piante vengono comune...
  • abete rosso Vorrei sapere come si sviluppano ed a quale profondita possono arrivare le radici dell'albicocco e dell'abete. Vi informo che lo spessore del terreno è di 70cm e sotto di questo ci sono dei garage. ci...
  • foto abete bianco Ho in giardino un albero di cedro del libano o pinus alba, piantato molto piccolo nel 1975..L'albero dista 200 mt dall'abitazione, ha chioma molto sviluppata ed ha raggiunto una notevole altezza. Le...
  • piante da orto Un orto correttamente pianificato garantisce un adeguato spazio di crescita ad ogni coltura aumentandone la resa, riduce la mole di lavoro per il mantenimento necessario (anche per eliminare le erba...

mykolife - mykoplant 100 BT - H - 1 litro

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,75€


Tipologie

La botanica distingue tante tipologie di radici: principali, laterali, secondarie, avventizie, ecc.

Le radici principali sono quelle che si sviluppano dalla semina e che permettono alla pianta di fissarsi stabilmente al terreno. Quelle laterali sono le radici che si sviluppano ai lati della radice principale e quelle secondarie sono quelle che si sviluppano da quelle laterali. Quando lo sviluppo radicale è completo si forma una folta “vegetazione” di radici che nutrirà la pianta assorbendo dal terreno, acqua, sali minerali e sostanze nutritive. Quando la radice principale si sviluppa più delle secondarie viene chiamata fittone. In alcune specie, il fittone è molto grosso e viene usato per immagazzinare sostanze di riserva. Ne è un tipico esempio, la carota. Le radici avventizie sono quelle che si sviluppano all’esterno e che formano dei nodi alla base della pianta. Alberi di grossa taglia possono sviluppare radici avventizie che in realtà sono radici modificate per esigenze adattative della pianta. Le radici avventizie si possono prelevare per riprodurre le piante per talea.


morfologia radici: Malattie

Le radici delle piante possono ammalarsi al pari dei fiori e delle foglie. Queste strutture risentono negativamente di alcune condizioni chimico fisiche del terreno o di alcuni errori colturali. In genere, i terreni calcarei e aridi sono difficili da sopportare per le radici di molte piante, perché i terreni compatti limitano l’assorbimento delle sostanze nutritive da parte delle radici stesse. Anche gli errori colturali, come le concimazioni e le irrigazioni scarse o eccessive, possono dare luogo a malattie fungine delle radici ( marciumi) o alla secchezza delle stesse, con conseguente morte della pianta.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO