La dorifora

Caratteristiche della dorifora

La dorifora è un coleottero appartenente all'ordine dei Chrysomelidae. Si tratta di un insetto probabilmente originario del Nord America, oppure del Messico ma che si è ormai diffuso in tutto il pianeta. Gli esemplari adulti trascorrono la stagione invernale sotto terra ed emergono solamente quando la temperatura del suolo raggiunge i 14°C. Gli adulti hanno una lunghezza compresa tra i 10 e i 12 millimetri e sono di colore giallo ocra con placche nere lungo l'addome. L'accoppiamento invece avviene quando la temperatura sale fino a toccare i 16°C. Le uova (all'incirca tra le venti e le quaranta) sono deposte sulla pagina inferiore delle foglie di alcune piante ospiti. Le larve, alla nascita, hanno il corpo di colore arancio con capo e zampe nere.
Dorifora insetto

KOLLANT insetticida concentrato emulsionabile NEEMAZAL T/S ADAMA DA 10 ML CON SIRINGA MISURATRICE adatto per afidi dorifora minatori fogliari e altri insetti

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Danni della dorifora

Uova dorifora La necessità di deporre le uova sulle foglie di alcune piante costituisce la principale motivazione dei danni causati da questo insetto alle colture. Sia gli adulti che le larve, inoltre, sono insetti defogliatori che quindi danneggiano profondamente le piante ospiti. Per quel che riguarda quest'ultime, la dorifora è particolarmente attratta da quelle appartenenti alla famiglia delle Solanaceae, e in particolar modo dalla patata. Quando la stagione delle patate è terminata ed esse sono secche, può spostarsi su altre piante e in particolare sulla melanzana che ugualmente predilige. La dorifora avverte l'odore delle piante che infesta fino a una distanza di 300 metri. Una volta iniziata l'infestazione le coltivazioni possono essere compromesse seriamente e morire, a meno che non si corra a i ripari.

  • Mosche bianche Gli aleurodidi o mosche bianche sono una famiglia di insetti che appartengono all'ordine dei Rhynchota Homopteram, una sezione degli Sternorrhyncha. Le mosche bianche si possono trovare in ogni region...
  • Esemplari di mosche dell'olivo La mosca dell'olivo è il parassita più temuto e più dannoso per le piante di ulivo.Tipica dell'area mediterranea e del Sud Africa, da alcuni decenni si riscontra la sua presenza anche in California.Le...
  • Cocciniglia pianta La cocciniglia è un insetto ormai contraddistinto da una grandissima diffusione, dal momento che vive più o meno perfettamente in tutti i continenti. La cocciniglia infesta le piante andandone a perfo...
  • Fiori cuscuta La Cuscuta è una pianta parassita senza clorofilla, perciò non può alimentarsi attraverso la fotosintesi. Dunque nel caso di allevamento in terra o in vaso, una volta spuntato il germoglio dal seme in...

ADAMA KLARTAN 20 EW AFICIDA ACARICIDA AFIDI ACARI INSETTICIDA 50 ML RAGNETTO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8€


Rimedi biologici

Pianta patate Per contrastare l'invasione delle dorifore esistono diversi metodi. I migliori sono sicuramente quelli biologici, che consentono di arginare e risolvere il problema evitando di danneggiare ulteriormente le piante, e la salute di chi le consuma, attraverso l'utilizzo di pesticidi. Se l'infestazione è presente ma si trova nel suo stadio iniziale è possibile intervenire con un'ispezione accurata e la conseguente rimozione manuale degli esemplari di dorifora. In genere si fa maturare prima una pianta, tenendola al caldo, e poi nel periodo di maggio la si può utilizzare come esca per attirare la dorifora ed eliminare preventivamente il problema. In agricoltura biologica, infine, è possibile usare solamente due insetticidi che sono il piretro che uccide gli esemplari per contatto e il bacillo thuringensis che, tuttavia, risulta efficace solamente per eliminare le larve.


La dorifora: Rimedi chimici

Danni infestazione Quando l'infestazione è ormai allo stadio avanzato, e non è più possibile rimuovere meccanicamente o biologicamente l'insetto, si rende necessario far ricorso ad agenti chimici. Gli agenti chimici non possono essere utilizzati quando la pianta è in fioritura e, in tal caso, devono essere posticipati. I piretroidi come abbiamo visto possono essere usati con buon successo e hanno una tossicità davvero bassa, tuttavia, hanno effetto sterilizzante per un certo periodo di tempo. Per contrastare la dorifora è possibile utilizzare anche Neonicotinoidi con i quali si devono irrigare le foglie. Infine, i Chitinoinibitori sono estremamente utili per uccidere le larve al primo stadio e per devitalizzare le uova. Generalmente, se il trattamento si prolunga nel tempo, bisogna utilizzare questi metodi a rotazione.


  • dorifora Se avete un orto coltivato con patata e melanzane e notate delle parti defogliate, potreste avere a che fare con un fas
    visita : dorifora

COMMENTI SULL' ARTICOLO