Potare la vite

Irrigare e potare la vite

La vite è una pianta rampicante che cresce in natura attaccandosi a pareti rocciose e agli alberi o allargandosi al suolo. La sua crescita è molto rigogliosa, perciò nei vigneti viene potata per evitare che raggiunga grandi dimensioni, a discapito della crescita dell'uva. Per coltivare la vite è necessario quindi eseguire due tipi di potature, indispensabili per disciplinare la crescita della pianta e potenziare il raccolto di uva. Potare la vite durante l'estate, detta potatura verde, significa tagliare le parti vegetative della pianta, per il controllo della crescita, mentre in inverno la cosiddetta potatura a secco, mantiene la forma della vite impostata dalla precedente, ma va ad agire prevalentemente sul carico di gemme, rinforzando la crescita dell'uva e la quantità del raccolto, incidendo anche sulla sua qualità. Anche irrigare la vite è un'operazione finalizzata al potenziamento dell'uva, ma dato che è una specie molto tollerante alla siccità, occorre controllare l'apporto di acqua per aumentare il raccolto, evitando alla pianta di andare in stress idrico.
Potatura secco vite

Corso di potatura del Pesco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,1€


Coltivare la vite

Potatura verde vite Il lavoro nel vigneto segue il ciclo di vita della vite, dal riposo invernale, alla crescita delle gemme e alla fioritura in primavera, fino alla maturazione degli acini a fine estate e alla perdita delle foglie in autunno, per poi ritornare al riposo. Un lavoro che in ogni stagione vede le operazioni di potatura cruciali, a favore della longevità della pianta, della qualità e quantità del raccolto.Iniziando dalla stagione invernale per coltivare la vite e potenziare la crescita di uva, si comincia a potare a secco, cioè quando la pianta ha perso le foglie, concentrandosi sui capi a legno che al contrario dei capi a frutto, sono tralci che non producono frutti. In inverno è necessario potare la vite tra Gennaio e Febbraio, tenendo sempre presente la regola che più la pianta è forte meno si taglia, mentre se la pianta è debole, va tagliata di più. Alla potatura a secco segue la potatura verde in primavera, necessaria per fare in modo che la quantità dei capi a frutto non sia eccessiva, fattore che finirebbe con il compromettere la qualità del raccolto.

  • Frutti vite La potatura dell'albero di vite è un'operazione necessaria per permettere alla pianta di produrre frutti quantitativamente e qualitativamente superiori ad una pianta poco curata. Potare l'albero di vi...
  • tintura madre uva ursina L'uva ursina si caratterizza per essere una pianta particolarmente importante in campo erboristico, per via delle sue notevoli virtù curative, dal momento che viene utilizzata con discreta frequenza i...
  • vite La vite si può considerare come una di quelle piante che vengono coltivate da diversi secoli: infatti, le testimonianze ci riportano addirittura fino ai tempi del Neolitico, senza dimenticare come anc...
  • uva americana L'uva americana è una delle uve più famose in tutte il mondo e si caratterizza per essere chiamata anche con il nome di “uva fragola”. Proprio l'uva americana è una delle viti che hanno una storia le ...

Plant Theatre - Bonsai Trio, Kit per la Coltivazione di 3 Bonsai

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Concimare la vite

Uva raccolto La vite per compiere adeguatamente il ciclo di crescita annuale e mantenere un buon livello di fruttificazione, deve soddisfare le proprie esigenze nutrizionali che nel corso dell'anno cambiano di fase in fase.Le necessità della pianta mutano sulla base delle specifiche funzioni del suo apparato radicale. E' importante sapere che le radici della vite oltre ad assorbire, a seconda delle fasi di crescita, producono e rilasciano una grande quantità di materiale organico. Per cui per concimare la vite e apportare il nutrimento adeguato è difficile parlare di una tipologia universale di concime, perché è indispensabile bilanciarne elementi e quantità, in relazione al tipo di terreno che si è venuto a creare. Quindi dosi e tipo di fertilizzante devono essere calcolati tenendo conto dello stato del terreno, in modo da incrementare in autunno l'abitabilità delle radici nella fase di assorbimento. Concimare la vite nella fase dormiente della pianta, consente all'apparato radicale di trovare l'energia necessaria per assorbire le sostanze nutritive.


Potare la vite: Rimedi contro le malattie

Bostrico della vite Le malattie della vite possono essere inquadrate facendo riferimento ai vari stadi del ciclo vitale della pianta, in modo da eseguire quelle operazioni che nel corso dell’annata si rendono indispensabili, in relazione alle diverse patologie che possono colpire i vitigni. Nella fase di riposo vegetativo le malattie della vite più comuni riguardano gli attacchi dei parassiti, in particolare la Cocciniglia e il Bostrico della vite, il rimedio contro la Cocciniglia è irrorare la pianta con i prodotti specifici. Mentre per il Bostrico, facilmente riconoscibile dato che le sue larve scavano gallerie alla base delle gemme, è opportuno potare la vite, tagliando i tralci attaccati e bruciarli alla fine di Giugno. Le malattie della vite in fase vegetativa riguardano principalmente le patologie causate da Nottue e dalla Zigena. In entrambi i casi gli attacchi sono riconoscibile dalle erosioni delle gemme causate dalle larve. Nel caso delle Nottue bisogna irrorare le parti con liquidi a base di piretroidi oppure con le apposite esche. In presenza di Zigena è opportuno intervenire con Bacillus thuringiensis.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO