Abete argentato

Quanto e come irrigare

L'abete argentato è in grado di adattarsi a quasi tutte le tipologie di clima ed è in grado di resistere molto bene anche alle temperature più rigide. Al contrario, situazioni di eccessiva siccità, specie se la condizione si protrae a lungo, possono creare delle problematiche e delle sofferenze alla pianta. Per tale motivo si raccomanda di controllare lo stato del terreno nei periodi più caldi, specie se non è prevista pioggia, e procedere con le innaffiature. Di regola l'acqua va fornita solo nel momento in cui il terreno è completamente asciutto, evitando in tal modo di lasciare il suolo eccessivamente bagnato per troppo tempo. L'acqua può essere somministrata mediante il classico metodo di irrigazione a conca, bagnando il terreno attorno al tronco e avendo cura di non esagerare con le quantità.
Abete argentato

Pianta di Magnolia Soulangeana in vaso ø13 cm h.35/40 cm Magnolia Giapponese

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,9€


La coltivazione dell'abete argentato

Pianta abete L'abete argentato non presenta grandi esigenze per quanto riguarda la coltivazione. L'unica accortezza che bisogna avere è quella di creare le condizioni adatte per quanto riguarda il terreno di coltura. La pianta predilige i suoli freschi e soffici che permettono alle radici di andare in profondità. Al tempo stesso il terreno deve essere privo di ristagni idrici e leggermente acido. L'unico problema potrebbe essere causato da un'eccessiva presenza di calcare nel suolo. Per quanto riguarda l'esposizione, si raccomanda una posizione in piena luce. La pianta si adatta molto bene in zone con estati fresche e relativamente piovose ed è in grado di resistere molto bene a temperature che arrivano fino ai -10°C. La pianta può essere propagata attraverso i semi da porre a dimora a primavera in un letto di terriccio e sabbia, oppure mediante talea semi-legnosa. Questo secondo metodo, tuttavia è poco raccomandato in quanto è abbastanza difficile ottenere dei risultati. L'abete argentato può essere coltivato in piena terra oppure in vaso.

  • abies concolor L'abete bianco, nome comune per abies alba, o abies pectinata, è un albero sempreverde, originario dell'Europa centrale e meridionale. Si presenta come una conifera rustica con altezze che possono toc...
  • picea abis willis zwerg L'abete rosso, nome comune per picea excelsa, è un albero dalla bella figura slanciata, particolarmente diffuso nell'Europa settentrionale e centrale e, in generale, nelle regioni a clima nordico. Nel...
  • abete rosso Vorrei sapere come si sviluppano ed a quale profondita possono arrivare le radici dell'albicocco e dell'abete. Vi informo che lo spessore del terreno è di 70cm e sotto di questo ci sono dei garage. ci...
  • foto abete bianco Ho in giardino un albero di cedro del libano o pinus alba, piantato molto piccolo nel 1975..L'albero dista 200 mt dall'abitazione, ha chioma molto sviluppata ed ha raggiunto una notevole altezza. Le...

Asklepios-seeds® - 100 Semi di Albizia julibrissin, Acacia di Costantinopoli o gaggìa arborea

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€


La concimazione

Varietà abete L'abete argentato non richiede particolari interventi per quanto concerne le concimazioni, dato che si tratta di una pianta particolarmente resistente e in grado di svilupparsi in piena autonomia. Tuttavia, specie per gli esemplari più giovani e ancora poco sviluppati, è possibile utilizzare un concime specifico per tutte le conifere contenente fosforo, potassio, azoto e arricchito con magnesio, in modo tale da favorire l'irrobustimento della struttura delle piante e lo sviluppo delle radici ed evitare che le foglie ingialliscano. Se si preferisce ricorrere a concimi di origine naturale è possibile utilizzare del letame maturo o altro concime organico. Si raccomanda di effettuare gli interventi di concimazione in due tempi. Una prima operazione va effettuata a novembre e la seconda dopo circa tre mesi, attorno alla fine febbraio.


Abete argentato: Malattie e parassiti

Infestazione afidi abete Un problema fastidioso che può affliggere l'abete argentato è dato dalla presenza di germi e insetti. Per difendere la pianta da queste problematiche, si consiglia di intervenire in misura preventiva effettuando delle irrorazioni attorno all'albero durante la stagione primaverile. Gli interventi consigliati sono quattro: i primi due, a distanza di quindici giorni, prevedono la somministrazione di rame, gli altri due interventi prevedono l'utilizzo di acqua e zolfo. Gli insetti più pericolosi che possono attaccare l'abete argentato sono gli xilofagi, i quali sono in grado di penetrare sotto la corteccia scavando delle gallerie profonde e compromettendo la sopravvivenza stessa della pianta. Un altro problema può essere causato dalla presenza dei funghi, tra i quali il più pericoloso è il fomeus annosus, in grado di arrivare anche a grandi dimensioni e nelle situazioni più estreme può provocare il crollo di piante che esteriormente appaiono in buona salute.


Guarda il Video
  • abete argentato Il Pino argentato è una conifera originaria del nord America; ama terreni freschi e umidi, quindi necessita di annaffiat
    visita : abete argentato
  • pino argentato Il Pino argentato viene detto anche abete del Colorado oppure è indicato con il nome scientifico Picea pungens. Si tratt
    visita : pino argentato

COMMENTI SULL' ARTICOLO