Acero campestre

Acero campestre: caratteristiche generali.

L’acero campestre noto anche sotto il nome di acero oppio, è originario dell’Asia, dell’Africa settentrionale e dell’Europa. Durante i primi anni di vita quest’albero ha una crescita molto rapida la quale, rallenta con il passare degli anni. La struttura esterna dell’acero campestre è formata da un fusto tozzo e corto, con una corteccia tendente al grigio e, negli esemplari anziani, si possono notare delle rughe profonde. Le foglie di colore verde acceso, presentano una forma palmata e possono essere formate da 3 o 5 lobi. Durante la stagione primaverile si possono notare le prime infiorescenze: sono di colore verde, ermafrodite. I fiori, durante la stagione estiva sono sostituiti da dei frutti chiamati samare, i quali, contengono dei semi appiattiti e una leggera peluria, grazie alla quale, i semi possono essere trasportati dal vento nell’ambiente circostante.
Dettaglio foglia acero campestre.

Vivai Le Georgiche ACERO CAMPESTRE – ACER [Vaso Ø24cm]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,7€


Acero campestre: coltivazione e modellatura.

Esempio bonsai di acero campestre. L’acero campestre è un albero che può essere messo a dimora in spazi aperti anche non troppo vasti ma, anche trasformato in bonsai. La coltivazione di quest’ultimo è abbastanza semplice. Può essere coltivato in un ambiente esposto al sole o semiombreggiato ed è in grado di sopportare il forte vento. Se il bonsai si trova in una serra, può essere annaffiato anche con acqua ricca di sali minerali (acqua di rubinetto) in quanto, grazie ad essi, il vegetale riesce a sopportare periodi di siccità senza avere danni al fogliame. Predilige terreni composti da: 2 parti di lapillo lavico, 3 di terra trapuntata, 1 di sabbia grossa e 3 di Akadama (preparato a base di argilla). Finita la stagione estiva occorre preparare il bonsai di acero campestre, alla stagione autunnale e a quella invernale; somministrare concime con un’elevata dose di potassio e una bassa di azoto; eliminare la pianta dal vaso e riporla in una cassetta contenente sabbia e torba. Ogni due anni circa, occorre cambiare il substrato perché la torba e l’argilla hanno perso le loro caratteristiche basilari. La concimazione, invece, avviene da maggio ad agosto e con un fertilizzante per i bonsai.

  • adenium obesa pianta L’Adenium è di origine tropicale, di provenienza africana e fa parte della famiglia delle Apocynaceae. E’ una pianta che si adatta benissimo ad un appartamento ed è molto decorativa. Di una bellezza i...
  • fiori melo Il melo è una delle piante da frutto più coltivate e diffuse. I fiori del melo sono ermafroditi e si sviluppano riuniti in infiorescenze composte da tre a sette elementi a corimbo. La corolla è format...
  • bonsai ulivo salve vorrei creare il mio primo prebonsai,vivo vicino bari è vero che l'ulivo è difficile che ramifichi?che specie è facile che ramifica ed è molto resistente?grazie mille...
  • olivo bonsai L'olivo bonsai si caratterizza per far parte della categoria delle sempreverdi e per provenire da tutte quelle zone che rientrano nel bacino del Mediterraneo.Tra le principali caratteristiche di que...

EVADE Diserbante Selettivo Erbicida Arbusticida per Tappeti Erbosi 250 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,92€


Acero campestre: modellatura e legatura.

Bonsai di acero campestre. La modellatura del bonsai di acero campestre è un’azione molto importante, in quanto, è proprio grazie ad essa che l’albero assume una forma armoniosa. Solitamente si modella secondo uno stile giapponese a forma di scopa, sarebbe la naturale forma assunta dall’acero quando coltivato all’aperto. L’altra forma solitamente data al vegetale è quella eretta, anche se, volendo si può modellare secondo gusti personali. Prima di procedere con questa pratica, è bene sapere che si può intervenire solo sui rami giovani perché quelli vecchi, essendo meno elastici potrebbero rompersi (in questo caso si utilizza la tensionatura). Inoltre, è bene fare molta attenzione a non danneggiare la sensibile corteccia, controllare di continuo il filo per evitare che si formi del tessuto cicatrizzante attorno ad esso.


Acero campestre : potatura.

La potatura è indispensabile per avere un acero campestre sempre in salute. Prima di tutto occorre recidere i rami secchi, danneggiati o infestati da parassiti nocivi per la pianta. Nella stagione primaverile si segano tutti i rami in modo tale da dare maggior spazio di crescita ai germogli. Secondo il livello di sviluppo dell’acero, la germogliazione prima o poi si deve interrompere. Occorre inoltre osservare se il tronco s’ispessisce ulteriormente e, in questo caso si pota su 2 o 3 coppie di foglie, partendo da una lunghezza di circa 20 centimetri. In seguito alla potatura, dopo circa 2 o 3 settimane, si potranno già notare i nuovi boccioli, proprio per questo il taglio si fa verso la fine di luglio. Se invece si vuole interrompere la crescita, basta praticare una pinzatura (raddoppia il fogliame della chioma ma i germogli secondari sono più piccoli) dei nuovi germogli.



Guarda il Video
  • acero campestre L’acero campestre, denominato anche acero oppio, appartiene alla famiglia delle Aceracee, al genere Acer ed alla specie
    visita : acero campestre

COMMENTI SULL' ARTICOLO