Albero del paradiso

Albero del Paradiso

L’Ailanto, meglio noto come albero del paradiso, comprende circa dieci specie che raggiungono altezze massime di circa 25/30 metri. Originari dell’Australia settentrionale e dell’Asia, questi alberi, si sono poi diffusi negli Stati Uniti e nell’Europa. Hanno una chioma ricca di rami, un fusto eretto composto da una corteccia color castano che diventa grigia nella zona in cui si trovano i rami. Le foglie dal colore verde, sono ovali e possono raggiungere dimensioni massime comprese tra i 40 e i 50 centimetri circa. Le infiorescenze sono tipiche delle piante femmine e si sviluppano alla fine della primavera. Essi sono di colore giallo- verde e in estate sono sostituite da delle samare (frutti tipici di questa pianta) che rimangono sull’albero per qualche mese.
Albero del paradiso o ailanto

Anself Albero per Gatto Gioco Giocattolo Gatti 230-260 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 190,99€
(Risparmi 50€)


Esposizione e moltiplicazione

Foglie di Ailanto <em>o albero</em> del paradiso L’albero del Paradiso predilige spazi molto luminosi e aperti inoltre, essendo in grado di resistere all’inquinamento atmosferico, è impiegato per abbellire gli ambienti urbani. Inoltre è in grado di sopportare la calura estiva, il forte vento, la siccità e il freddo. Tuttavia, a causa dell’odore sgradevole emanato da foglie, corteccia, fiori e dalla profondità raggiunta dalle radici, questa pianta è considerata infestante, per cui poco consigliata per abbellire il giardino. La moltiplicazione dell’albero del paradiso è molto semplice da mettere in atto. Questa pianta può essere coltivata a dimora perché i semi hanno un’ottima germinabilità, anche se, è conveniente posizionare i semi in dei piccoli vasetti contenenti un terriccio drenato, fertile e composto per una parte da sabbia. È bene sapere che, questa pianta produce dei succhioni che possono essere recisi dalla pianta e fatti crescere in un terreno ricco di torba e sabbia (contenuti in parti uguali). Infine, si può praticare una propagazione per talea radicale o di ramo.

  • erika All’interno di questa sezione parleremo delle piante perenni, cioè quelle che vivono più di due anni; queste piante arricchiscono i giardini di colori meravigliosi soprattutto nella stagione autunnale...
  • rosa Il linguaggio dei fiori era un modo di comunicare molto diffuso nell’800 ma ancora oggi, ad esempio, le rose rosse si regalato per significare passione, quelle bianche purezza e quelle rosa amicizia. ...
  • giardino fiorito Il giardino richiede cura e manutenzione costante, poiché le piante e i fiori devono essere seguite costantemente durante l’anno. Il giardinaggio è la tecnica che si occupa della coltivazione di piant...
  • fioriera da giardino Il giardino è uno spazio verde dove sono predominanti piante e fiori. Se la superficie a disposizione per piantare nella terra le specie vegetali è piuttosto ridotta si può ricorrere all’uso delle fio...

vidaXL Tiragraffi Gatto Albero Sisal Gioco Palestra per Gatti 105 cm Peluche beige

Prezzo: in offerta su Amazon a: 46,99€


Concimazione Ailanto

Frutto dell'albero del paradiso La concimazione dell’albero del paradiso, come per tutte le altre tipologia di piante, deve avvenire prendendo qualche precauzione e acquistando i giusti prodotti presenti sul mercato. Si può utilizzare un fertilizzante liquido o in polvere. Se si trova in un clima mediterraneo durante la stagione estiva, occorre concimarlo ogni 8/10 giorni circa e preferibilmente con un prodotto a lenta cessione delle sostanze nutritive. La stessa pratica va effettuata se la pianta si trova in un clima continentale e alpino. È utile ricordare di fare attenzione nel dosaggio del concime, del tipo di prodotto che si decide di acquistare e di tenere sempre bene a mente che le radici dell’albero del paradiso, tendono a scendere molto in profondità, rischiando di danneggiare l’ambiente circostante.


Albero del paradiso: Ailanto o Albero del Paradiso

ailanto Albero del paradiso o Ailanto è una delle poche specie di piante che non rischia di essere infestata da malattie o attaccata da parassiti che porterebbero alla morte degli alberi. Nonostante in alcune regioni sia classificata come pianta infestante, è bene sapere che ci sono innumerevoli modi di utilizzare l’Ailanto. E' possibile trovare un buon miele, ottenuto da quest'albero. Presso le erboristerie è possibile trovare un decotto utilizzato come astringente intestinale. Mentre in Oriente, la corteccia è usata per curare palpitazioni, asma, disturbi gastrointestinali e tosse. Tutto ciò perché l’albero del paradiso è ricco di glucosidi, saponine, resine, olio essenziale, mucillagini e tannini. È sempre utile ricordare che, se non si conoscono le dosi e non si conoscono le regole basi erboriste, è bene non improvvisare decotti o miscele varie.



COMMENTI SULL' ARTICOLO