Corbezzoli

Come annaffiare

I Corbezzoli meglio detti Arbutus unedo, sono alberi molto particolari in quanto presentano sui rami contemporaneamente sia fiori che frutti. Non hanno bisogno di tanta acqua per sopravvivere, e preferiscono la siccità alle annaffiature esagerate. Come tipologia d'albero è davvero di poche pretese, infatti diventa ben presto autonomo. Solo per il primo anno di vita e in caso di piogge limitate saranno necessarie delle frequenti innaffiature che vanno poi diminuite gradualmente. I Corbezzoli prediligono terreni rocciosi, poveri e drenati. Quindi per agevolare il drenaggio bisogna aggiungere della pietra pomice o perlite di taglio grossolano sul fondo dove interrare l'albero. Anche il terreno calcareo potrebbe essere utilizzato per i Corbezzoli, ma non dovrà essere compatto e argilloso. Infatti la pianta teme i ristagni d'acqua e non ama la troppa umidità. La temperatura mite è il suo clima ideale, magari mediterraneo, in effetti la giovane pianta odia il vento freddo e le gelate.
Corbezzoli

Robinia pseudoacacia [H. 200-250 cm.]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 60€


Come coltivare

Rami pianta corbezzolo Per coltivare i Corbezzoli è bene piantare i semi in inverno in un composto di sabbia e torba mantenendo umidità, luce e protezione. A primavera cresceranno le delicate piantine da non esporre al sole e al vento, quindi è bene tenerle in serra per due anni. La coltivazione può essere svolta anche con talea in inverno, ma da prelevare in estate. Anche le talee dovranno restare in serra per due anni e solo dopo potranno essere messe a dimora. La propagazione invece si effettua per seme o per margotta da eseguire in estate sui rami, mentre per la radicazione si devono aspettare due anni. La messa a dimora del Corbezzolo avviene in autunno nelle zone a clima caldo, mentre al Nord si procede in primavera utilizzando piccole piante che hanno poche radici, per evitare di danneggiarle durante l'operazione. In effetti l'apparato radicale della pianta si sviluppa molto velocemente.

  • corbezzolo L'arbutus unedo, meglio conosciuto con il nome di corbezzolo, è una pianta che fa parte di una delle più grandi famiglia in natura, ovvero le Ericacee.Si tratta di un arbusto che, nel corso degli an...
  • erika All’interno di questa sezione parleremo delle piante perenni, cioè quelle che vivono più di due anni; queste piante arricchiscono i giardini di colori meravigliosi soprattutto nella stagione autunnale...
  • rosa Il linguaggio dei fiori era un modo di comunicare molto diffuso nell’800 ma ancora oggi, ad esempio, le rose rosse si regalato per significare passione, quelle bianche purezza e quelle rosa amicizia. ...
  • stella di natale Chi di noi non conosce la stella di Natale, o meglio, l’Euphorbia Pulcherrima? Nessuno o quasi. Tutti noi, almeno una volta, abbiamo comprato questa pianta durante il periodo natalizio, per fare un re...

PIANTA DI CORBEZZOLO, ARBUTUS UNEDO, FRUTTI CORBEZZOLI, PIANTE, FRUTTA V.18

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,48€


Come concimare

Piante corbezzoli fiori frutti Per concimare i Corbezzoli occorre del concime organico da posizionare in primavera alla base della pianta oppure del fertilizzante con azoto, potassio e fosforo. La concimazione è molto importante perché aiuta la pianta a superare l’inverno. Il Corbezzolo o Arbutus unedo, si rinvasa in primavera utilizzando lo stesso terriccio della messa a dimora e dopo quattro anni si può piantare nel terreno. Non ha bisogno di potatura, ma è meglio eliminare i rami secchi o danneggiati; sopporta bene di essere tagliato regolarmente per rendere più belle le aiuole o le siepi di cui fa parte. Ma la crescita come alberello è forse il suo stato ideale. Per ottenere questo risultato si consiglia di scegliere fin da giovane uno stelo dritto e centrale, tagliando gli altri. I frutti dei Corbezzoli devono essere raccolti quando diventano rossi intensi e morbidi al tatto, ma soprattutto vanno presi subito dalla pianta in quanto rappresentano un cibo molto appetibile per gli uccelli. Attenzione però a non rovinare i fiori, anch'essi presenti sull'albero, e sinonimo dei frutti del prossimo anno!


Corbezzoli: Esposizione e malattie

Frutti corbezzolo L’arbutus unedo o Corbezzoli amano il sole e resistono bene anche all'ombra, purché le temperature non siano fredde con venti gelidi e secchi. Mentre per i venti umidi che provengono dal mare il problema non sussiste. Se il Corbezzolo viene coltivato al Nord si consiglia di posizionarlo in una zona calda ed esposta a Sud, magari ben riparato per evitare di far diventare secchi i rami, le foglie e i fiori, danneggiando così anche i frutti. Il corbezzolo è un albero da frutto e anche ornamentale, molto decorativo sia per i suoi frutti rossi che per la fioritura autunnale, inoltre non teme particolari malattie o parassiti, anche se gli afidi sono i suoi principali nemici. Altro problema che questa pianta deve superare è la giusta esposizione e il marciume radicale. Quindi, è bene non esporre il Corbezzolo a troppa umidità e neppure all'ombra totale che diminuirebbe la quantità dei frutti e aumenterebbe l'altezza della pianta. La stessa infatti cercherà la luce del sole verso l'alto.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO