Phoenix - Phoenix canariensis

Phoenix

Le phoenix sono alberi affascinanti, dall'importante valore ornamentale. Appartengono anch'esse all'ampio genere delle palme e come tante tra queste sono particolarmente apprezzate poiché conferiscono al paesaggio o a un insieme di coltivazioni da giardino un suggestivo scenario “tropicale”. Le palme, infatti, hanno una buona resistenza al freddo e per questo motivo riescono a crescere all'aperto anche nell'Italia Settentrionale, sebbene la loro diffusione sia maggiore nelle zone a clima mite. Le phoenix hanno caratteristiche simili agli altri tipi di palme, pur sviluppandosi ad altezze inferiori rispetto alle specie più slanciate, non arrivando oltre i 10 metri. Presentano anch'esse le foglie che si aprono con il tipico ciuffo verde sulla sommità del tronco, e fiori chiusi nella caratteristica foglia ovale detta “spata”. Le phoenix hanno du tipologie particolarmente diffuse: la phoenix canariensis, o palma delle Canarie, e la phoenix dactylifera, o palma da dattero. La canariensis è, come illustra l'aggettivo che la definisce, una pianta originaria delle isole Canarie, poi diffusa nel continente europeo intorno alla seconda metà del 1800, spesso coltivata nelle zone a clima temperato o caldo come esemplare ornamentale. All'interno del genere delle palme appartiene a quella tipologia il cui fusto non ramifica. Questo è tuttavia di grandi dimensioni, arriva ad un'altezza vicina ai 10 metri ed è esternamente rivestito dai piccioli fogliari, che è buona norma recidere al fine di conferire maggior regolarità alla forma del tronco. Molto simile alla phoenix canariensis è la phoenix dactylifera, originaria del Medio Oriente. A differenza della precedente, la palma da datteri presenta un fusto più lungo e slanciato, che si sviluppa fino a 20 metri di altezza e può vantare, inoltre, dei bei rami fruttiferi pendenti sui quali crescono frutti di tonalità rossastra.

foto phoenix 1

Ranex 5000.361 Phoenix Lampada da Parete in Metallo e Vetro, Nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 30€
(Risparmi 2,9€)


Foglie, fiori, frutti.

foto phoenix 2 Le foglie della canariensis sono riunite in un ciuffo terminale, allungate e brillanti di un bel colore verde. Queste hanno la caratteristica di essere composte da numerose penne piegate e anche acuminate, in particolare quelle situate nella parte più bassa dell'albero formano in pratica delle spine molto robuste. I fiori si presentano riuniti in spadice e sono sostenuti da alcuni peduncoli lunghi un metro circa e ricurvi. I frutti della phoenix canariensis hanno un colore giallo scuro, la grandezza simile a quella di un oliva e sono piuttosto insapore. I frutti della dactylifera sono i datteri, ben noti anche nel nostro paese, ipercalorici e consumati abitualmente come frutto esotico, soprattutto come cibo dolce della stagione invernale o del periodo natalizio. Sono delle drupe cilindriche lunghe fino a 8 centimetri e larghe anche 3, di tonalità scura quando giungono a maturazione, momento in cui sprigionano il meglio del loro sapore. Hanno inoltre un solo seme della lunghezza di circa 3 centimetri.

    'Phönix a12.14 PH passaggio 1/2 "R X 1/4" LKS riduzione in rame tubo GPL Gas Adapter f. fornello a gas Gas Cucina a gas con guarnizione, filettatura adattatore - Adattatore 1/2 "IG x 1/4 AG

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,65€


    Moltiplicazione

    La moltiplicazione della phoenix canariensis può avvenire per semina durante la stagione primaverile ( per la dactylifera è il nocciolo del dattero ), ma anche con un trapianto dei polloni all'inizio della primavera. Le piantine appena nate saranno in seguito collocate in contenitori non di grandi dimensioni, con un diametro che non superi i 10 centimetri.


    Esposizione

    La sua posizione preferita è uno spazio toccato da una buona luce, ma non direttamente al sole. Se la pianta viene coltivata in giardino in zone dal clima freddo sarà opportuno evitare luoghi troppo battuti dal vento e proteggere inoltre le palme, nella stagione invernale, con teloni di plastica oppure stuoie.


    Terreno

    Il terreno preferito per le phoenix è soffice, non particolarmente umido e ben fornito di umido. Una buona crescita si ha anche in terra di bosco o in terricciato.


    Annaffiature

    Se la phoenix, come capita spesso per la canariensis, viene cresciuta all'interno di un appartamento è opportuno annaffiare con frequente regolarità ma non in modo abbondante. Per la sua coltivazione in piena terra è consigliabile un'annaffiatura più abbondante, specie nel primo periodo vegetativo della pianta e aspettare sempre che il terreno sia asciutto prima di annaffiarlo la volta successiva. Con la crescita della pianta l'annaffiatura andrà concentrata, con regolarità, dall'inizio della primavera fino al termine dell'autunno, per poi ridurla al minimo nella stagione invernale.


    Parassiti

    Un pericolo importante per le phoenix che ha determinato diffusi danni a questa pianta specialmente in alcune aree dell'Italia meridionale è rappresentato da un temibile coleottero conosciuto come il “punteruolo rosso”.


    Utilizzi

    Questi alberi hanno un notevole valore ornamentale, grazie all'effetto esotico che donano agli ambienti in cui si trovano e al loro colore piacevole. Per quanto riguarda gli esemplari di dimensioni minori è usuale un loro utilizzo per ornare appartamenti ma anche locali pubblici. Si trovano spesso, infatti, in negozi oppure in uffici, a donare vivacità a luoghi che potrebbero risultare troppo seriosi. Gli esemplari di dimensioni maggiori, a forma arborea, sono assai diffusi invece per donare bellezza a parchi oppure a giardini, specialmente in quelle zone che presentano un clima mediterraneo.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO