Trapa natans

Castagna d’acqua: caratteristiche generali

La castagna d’acqua nota anche con il nome di trapa natans è originaria delle regioni dell’Europa, dell’Asia e dell’America settentrionale. Si tratta di un esemplare che si sviluppa nell’acqua dove affonda le proprie radici. Presenta un fogliame di un verde brillante, a forma di rombo con bordi dentellati e presenta nella parte inferiore una sorta di peluria. Durante la stagione primaverile, all’ascella delle foglie si sviluppano delle infiorescenze di colore bianco o rosa intenso e costituite da 4 sepali e 4 petali. Alle infiorescenze fanno seguito dei frutti commestibili e legnosi a forma di piramide triangolare, caratterizzati da un seme carnoso. I frutti possono essere mangiati crudi, lessati, in scatola, marinati o alla griglia, e il sapore è molto simile alla comunissima castagna di montagna. Questa pianta non necessita di cure specifiche, temperature e non viene aggredita da parassiti o colpita da malattie mortali.
Struttura della castagna d’acqua

vendita calda 500pcs semi semi di erba acquario d'acqua piante acquatiche (mix) di famiglia facile semi di piante

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Castagna d’acqua: coltivazione

Frutti della castagna d’acqua La castagna d’acqua, nonostante sia in grado di adattarsi a qualsiasi tipo di clima e temperatura, predilige essere messa a dimora in luoghi colpiti direttamente dai raggi solari. In luoghi caratterizzati da stagioni invernali molto fredde, questo esemplare annuale muore per poi ripresentarsi durante la stagione primaverile grazie alla presenza dei carnosi semi. Avendo un apparato radicale molto profondo in grado di arrivare fino a 5 metri circa di profondità, la trapa natans riesce ad ancorarsi al terreno. La composizione di quest’ultimo deve essere preferibilmente calcarea e con un pH dell’acqua leggermente acido o neutro. Per avere una pianta sempre rigogliosa e in salute, è conveniente coltivarla in specchi d’acqua poco mossi e, preferibilmente stagnanti come i laghetti.

  • begonie Questa sezione è dedicata alle piante annuali, cioè quelle il cui ciclo vitale dura un anno oppure una o due stagioni. Parleremo, tra le altre, di alcune piante molto note che troviamo nei nostri parc...
  • Begonia gialla La Begonia è un tipo di pianta che predilige l'umidità ambientale. Dunque, è fortemente consigliato cercare di irrigare la pianta frequentemente, specialmente durante la bella stagione. Tuttavia, occo...
  • Fiore di fiordaliso blu Il fiordaliso è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Asteracee. Ama temperature miti, anche se è in grado di tollerare bene sia il caldo che il freddo. Nel suo periodo vegetativo il fio...
  • Fiori nasturzio Il nasturzio è una pianta originaria del Perù che nel 1600 è stata importata in Europa e qui coltivata in numerose forme ibride. Allo stato naturale è una pianta perenne mentre alle nostre latitudini ...

Laghetto in miniatura per carpe koi - laghetto koi per il giardino delle fate. Laghetto per il giardino delle fate in miniatura da abbinare agli accessori del giardino incantato GlitZGlam

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24,95€
(Risparmi 5€)


Castagna d’acqua

Fogliame e apparato radicale della castagna d’acqua La castagna d’acqua può essere coltivata per utilizzare le sue foglie e i suoi frutti ricchi di principi attivi. Le foglie contengono tannini, saponosidi, mucillagini, Sali minerali e resine di acidi organici. I frutti sono ricchi di grassi, Sali minerali, resine e principi antibiotici, amido e proteine. A questo proposito è bene ricordare che queste parti sono impiegate non soltanto in cucina (usate per condire i piatti, realizzare creme e tanto altro) ma anche nella cosmesi. Il fogliame, infatti, presenta proprietà rinfrescanti e lenitive, mentre i semi sono degli ottimi astringenti, possiedono proprietà lenitive e antidiarroiche. Nel campo della cosmesi i semi presenti nei frutti vengono trasformati in farina e impiegati nella realizzazione di alcuni preparati di bellezza.


Trapa natans: Castagna d’acqua: preparati

Fogliame castagna d’acqua La farina estratta dai semi della castagna d’acqua è impiegata per la realizzazione di maschere di bellezza. Essa può essere miscelata a camomilla, altea, calendula e altri esemplari di piante dermoattive e, da come risultato una miscela stimolante, rinfrescante, bioattivante, rivitalizzante e tonificante. In campo alimentare sono realizzate innumerevoli ricette usando i semi della castagna d’acqua. Essi possono essere introdotti nella dieta, lessati e conditi con dell’olio, sale, salvia, passati nella pastella e poi dorati in padella, mangiati crudi, possono essere grattugiati e usati per condire il pesce. Oltre a questi usi, i semi della trapa natans possono essere impiegati per la realizzazione di zuppe. In quest’ultimo caso occorre: mettere in una pentola circa 3 cucchiai di olio, 2 spicchi d’aglio e unisci la farina di semi di castagna; a questo punto si lascia tostare, si versa 1 litro di acqua e si lascia bollire. Dopo aver aggiunto un pizzico di sale, la miscela può essere servita con del pane in precedenza tostato.


  • castagna d acqua Il suo nome latino è trapa natans: "trapa" è l’abbreviazione della parola composta "calci-trapa", che era un antica macc
    visita : castagna d acqua

COMMENTI SULL' ARTICOLO