Fiordaliso, come coltivare

Come e quando irrigare la pianta di fiordaliso

Il fiordaliso è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Asteracee. Ama temperature miti, anche se è in grado di tollerare bene sia il caldo che il freddo. Nel suo periodo vegetativo il fiordaliso avrà bisogno di essere innaffiato anche tre quattro volte a settimana, e in estati particolarmente torride potrebbe aver bisogno di irrigazioni anche più frequenti. Il consiglio è quello di controllare sempre le condizioni del terreno della pianta prima di bagnarlo: se questo risulterà asciutto al tatto vorrà dire che dovremo procedere ad innaffiare il fiordaliso, mentre se la terra sarà umida non dovremo bagnarlo ulteriormente. Durante tutto il periodo di riposo vegetativo questa pianta dovrà essere innaffiata molto sporadicamente, anche una volta ogni paio di settimane, controllando sempre prima se il suo terreno ha bisogno di essere irrigato.
Fiore di fiordaliso blu

200pcs / pack viola semi Lisianthus rari Semi eustoma bonsai del fiore Semi per la casa e il giardino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


Come coltivare la pianta di fiordaliso

Campo di fiordaliso Il fiordaliso è una pianta che produce originali fiori dal colore blu intenso con una corolla centrale nelle stesse tinte ma di tonalità più scura. Originaria delle zone dell'America centrale, dell'Asia e dell'Europa predilige climi temperati, riuscendo anche a spuntare spontaneamente, e riesce ad adattarsi facilmente anche a temperature più fredde o calde. Questa pianta erbacea vive il suo periodo di sviluppo vegetativo nelle stagioni primaverili ed estive. Per coltivare il fiordaliso bisogna prima piantarne i semi in piccoli vasetti colmi di terreno, dopodichè dovremo innaffiare il terreno e coprire con pellicola, creando così un effetto serra. Allo spuntare dei primi germogli potremo spostare la nostra pianta in vasi riempiti con un terreno a ph neutro che sia ricco di sostanze organiche e con un buon drenaggio.

  • centaurea cyanus Il fiordaliso, il cui nome scientifico è Centaurea cyanus, è una pianta erbacea annuale, appartenente alla famiglia delle Asteraceae, la famiglia di piante a fiore a cui appartiene anche il girasole. ...
  • fiordaliso Il fiordaliso si presenta come una pianta erbacea originaria dell’America del nord, Europa ed Asia e cresce in modo spontaneo in prati e campi non coltivati. I suoi fiori si riuniscono in infiorescenz...
  • begonie Questa sezione è dedicata alle piante annuali, cioè quelle il cui ciclo vitale dura un anno oppure una o due stagioni. Parleremo, tra le altre, di alcune piante molto note che troviamo nei nostri parc...
  • Struttura della castagna d’acqua La castagna d’acqua nota anche con il nome di trapa natans è originaria delle regioni dell’Europa, dell’Asia e dell’America settentrionale. Si tratta di un esemplare che si sviluppa nell’acqua dove af...

Suttons Seeds 126096 Purple Wave - Semi di petunia F1, colore viola

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,65€
(Risparmi 0,06€)


Come, quanto e quando concimare la pianta di fiordaliso

Varietà di fiori di fiordaliso Il fiordaliso viene fertilizzato nel suo periodo vegetativo, che inizia a fine marzo e dura fino a fine agosto. Importante è fare attenzione ad acquistare un concime specifico per piante da fiore che sia principalmente ricco di potassio e fosforo. Possiamo trovare in commercio sia fertilizzanti in forma liquida che in forma granulare. Se scegliamo di utilizzare concimi in forma liquida dovremo concimare il terreno ogni paio di settimane aggiungendoli all'acqua che andremo ad utilizzare per innaffiare il fiordaliso. Se invece vogliamo utilizzare i fertilizzanti granulari dovremo aggiungerli ogni paio di mesi nel terreno della nostra pianta. La fase di fertilizzazione è molto importante in quanto consente di apportare la giusta quantità di nutrienti di cui la pianta necessita per poter crescere sana.


Fiordaliso, come coltivare: Malattie e possibili rimedi per il fiordaliso

Fiore sano di fiordaliso Il fiordaliso è una pianta molto resistente a malattie legate ad attacchi da parte di acari e parassiti, basteranno semplici accorgimenti ed avremo sempre un arbusto in piena salute. Questa è una pianta che per crescere sana ha bisogno di essere esposta alla luce solare per almeno cinque sei ore al giorno, facendo sempre attenzione a controllare che il suo terreno non si sia inaridito. In questo caso non dovremo far altro che provvedere ad innaffiare la nostra pianta per riportarla al giusto grado di idratazione. Particolare attenzione è da porre nel tenere il fiordaliso in un ambiente asciutto, in quanto è una pianta che teme molto l'umidità portandola alla formazione di funghi. Nel caso in cui ci sia stato un attacco particolarmente esteso sarà opportuno trattare la nostra pianta con uno specifico prodotto fungicida.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO