Calle selvatiche

vedi anche: Significato Calla

Dai boschi ai nostri giardini

Il suo nome scientifico è Arum Italicum, oppure è conosciuta anche con il nome di Gigaro o ancor meglio Calla Selvatica. Le calle selvatiche sono fiori conosciuti da molto tempo: non è infatti raro imbattersi nella sua maestosità durante una passeggiata in campagna o nei boschi. Le calle selvatiche si insediano alle perfezione in zone ricche d'ombra, terreni umidi di natura calcarea. La sua altezza può arrivare anche ad ottanta centimetri, caratteristica che rende questo fiore esteticamente molto importante ed apprezzato anche per i nostri giardini. La calla selvatica è chiamata così perché al momento della fioritura prende le tipiche sembianze della calla: un fiore bianco elegante e delicato. Questo fiore però, maturando, si trasforma in un agglomerato di bacche di colore inizialmente verde, per poi diventare di un rosso acceso.
La <em>calla selvatica</em> al momento della sua sbocciatura

Vivai Le Georgiche Hibiscus Syriacus Rosalbane

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,2€


Come piantare il tubero delle Calle Selvatiche

Bulbi di calla selvatica pronti per la semina Oggigiorno è possibile far germogliare queste piante anche nei nostri giardini in modo estremamente facile, a patto però che si seguano alcune indicazioni. Innanzitutto la calla selvatica necessita di un terreno ricco di humus, quindi sarà necessario eventualmente concimare il terreno. Inoltre, questa tipologia di pianta non richiede particolari attenzione durante il naturale svolgimento della sua maturazione, tuttavia è necessario affrontare la semina del tubero nel modo e nella posizione corretta. Una volta scelta la zona dove far fiorire le nostre piante, è necessario posizionare il tubero in una buca profonda circa dodici centimetri. La parte superiore del tubero dev'essere rivolta verso l'alto, in posizione ben eretta. Ricoprite la buca con il terreno compattandolo, ed innaffiate immediatamente.

  • Camelia Avete idea di quante possano essere le piante da giardino? Sicuramente moltissime e tutte molto interessanti e degne di considerazione ma noi ci limiteremo ad illustrarvene alcune come l’azalea, piant...
  • attrezzi da giardino Quando si parla di attrezzi per il giardinaggio, occorre fare una netta distinzione tra gli attrezzi di un giardiniere professionista e quelli di chi ha solo una passione per la cura del giardino. in ...
  • amaca tonda L’amaca è un oggetto che non nasce in Italia, ma ha origine dagli indigeni del sud America, ed è stata portata in Europa dagli spagnoli. L'utilizzo originario era quello di un letto, si usava cioè per...
  • tavolo da giardino Chiunque ama la natura e il verde, quando ha anche solo un piccolo giardino, è senz'altro fortunato perché può respirare aria sana e ammirare la bellezza dei fiori. Non è possibile, però, pensare di u...

Zwilling 40990-006-0 Twin Specials Trucioli di Legno per Affumicatore, Faggio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,26€


La cura annuale delle calle selvatiche

Momento di schiusura dei frutti della calla selvatica La Calla selvatica è una tipologia di pianta che non necessità cure o attenzioni particolari durante la sua vita. Il momento più delicato è il posizionamento del bulbo nella giusta posizione, ma fatto ciò, questa pianta è perfetta per crescere in totale autonomia. Gli unici accorgimenti che andrebbero presi è mantenere umido il terreno durante il periodo della fioritura (aprile) ed utilizzare un fertilizzante nel periodo in cui si vedono spuntare le prime foglie. Non necessita potatura ma, essendo la calla selvatica un esemplare che cresce molto anno dopo anno, è indispensabile far in modo che non venga soffocata da altre piante o arbusti. Nonostante sia una pianta che predilige l'ombra, affinché la sua maturità si completi, è opportuno che il fiore sia scaldato per qualche ora al giorno dai raggi solari.


Calle selvatiche: Alcune curiosità sulle calle selvatiche

Calla Selvatica in piena maturazione Le calle selvatiche sono piante estremamente eleganti durante la fioritura nel loro fiore bianco, ma nel momento in cui matura e perde i petali in favore dei frutti è necessario fare estrema attenzione soprattutto nel caso in cui si abbia bambini in giro. Le sue bacche infatti, nonostante un'apparenza golosa, sono non solo molto urticanti e velenose. Nelle usanze popolari il fusto di questa pianta si utilizzava per combattere i vermi. Un'altra particolarità di questa pianta è che, durante la sua infiorescenza, la pianta aumenta di calore, superando la temperatura esterna fino a dieci gradi. Questo fenomeno è causato dalla traspirazione dello spadice. Infine, questa pianta è diffusa in Europa, Asia e Africa, per un totale di circa trenta specie diverse (cinque di esse sono diffuse anche nel nostro paese).


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO