Cisto

Caratteristiche generali

Il Cisto è un genere di pianta sempreverde, appartenente alla famiglia delle Cistaceae e proveniente dal bacino Mediterraneo, che comprende circa una ventina di specie di diversa varietà. La pianta deve il suo nome alla parola greca "kystis" che letteralmente significa vescica: questo per via della forma delle sue capsule seminali. Pianta dal fusto eretto con numerose ramificazioni disordinate e dalle foglie di color verde brillante, lanceolate e ricoperte da uno strato di peluria, che conferiscono alla pianta un aspetto tondeggiante e simmetrico.

Viene apprezzata soprattutto per la sua duratura e generosa fioritura: nel periodo da aprile a giugno questa pianta produce un fiore che per aspetto somiglia ad una rosa selvatica (con cinque petali appiattiti, diversi tra loro) e che presenta colorazioni che vanno dal rosa acceso al bianco candido, anche se talvolta è possibile trovarne anche maculati. La caratteristica principale dei fiori del Cisto è la durata, infatti, appassiscono nel giro di 24 ore, ma il loro rinnovo è costante per tutto il periodo di fioritura. Il fiore lascia il posto ad un frutto che si presenta ovale con al suo interno una grande quantità di semi.

cisto

Vivai Le Georgiche CISTUS INCANUS (CISTO VILLOSO - CISTO ROSSO)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,6€


Varietà: il Cisto marino

cisto marino Come già accennato il Cisto comprende numerose varietà di specie diverse. Tra di esse bisogna innanzitutto ricordare il più famoso: il Cistus monspeliensis. Viene chiamato anche Cisto Marino o Cisto di Montpellier perché è possible trovarlo spesso in prossimità delle zone costiere, soprattutto della Sardegna. E’ una pianta che si adatta bene anche a climi molto aridi, secchi e caldi; proprio nei periodi con maggiore siccità estiva le sue foglie si colorano di marrone e sembrano morte ma, con le prime piogge, si ricolorano di verde e riacquistano energia. Si presenta con fusto peloso, inizialmente eretto che degrada fino a diventare cespuglio. È, infatti, il tipico rappresentante della cosiddetta macchia a cisto (cioè una formazione monofloristica, o comunque a larga prevalenza della pianta stessa, che si estende su vaste superfici). Viene spesso utilizzata come pianta colonizzatrice di aree collinari degradate, in quanto previene l'erosione e la desertificazione. Un'ultima curiosità: dal Cisto marino si estrae un una resina, chiamata ladano, molto utilizzata in profumeria come fissativo. Citiamo brevemente alcune, altre, varietà di Cisto: Cistus albidus, dai fiori lilla, Cistus ladaniferus, dalle proprietà insetticide, Cistus laurifolius, il più resistente al freddo e infine Cistus salvifolius, con foglie simili alla salvia.


  • Il Cistus L'arbusto sempreverde di mediopiccole dimensioni trae la sua origine dall'intera area del mediterraneo, comprendente 3 diversi continenti, e fa parte dell'esiguo raggruppamento familiare delle Cistace...

Vivai Le Georgiche CISTUS X SKANBERGII (CISTO)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,6€


Coltivazione del Cisto

fiore Il Cisto teme molto il freddo, per questo è bene posizionarlo in un luogo riparato dal vento e piuttosto soleggiato. Le basse temperature rischiano di condizionare lo sviluppo della pianta e le gelate invernali possono causarne la morte. Per questo motivo un ottimo consiglio è quello di proteggere l’apparato radicale coprendolo con un manto costituito da paglia o fogliame secco. E' consigliato piantarlo in aprile e solitamente viene coltivato a terra; presenta uno sviluppo abbastanza moderato, è possibile creare macchie di colore uniforme nel giro di pochi anni. E' anche possibile la sua coltivazione in vaso ma, in questo caso, la pianta avrà bisogno di maggiori attenzioni: innanzitutto non sopporta il trapianto e bisognerà evitare la formazione di ristagni d'acqua molto temuti dalla pianta. L'annaffiatura, in ogni caso, deve essere poco frequente,soprattutto nel periodo invernale: il Cisto si accontenta di ricevere l'acqua piovana. Sempre per consentire il drenaggio dell'acqua è consigliabile aggiungere al terreno concime organico ben maturo a rilascio graduale. Segnaliamo infine che bisogna procedere alla potatura, in marzo, sia dei giovani arbusti (per aumentarne la ramificazione) che delle piante adulte (per eliminare i rami secchi).


Moltiplicazione e avversità

cespuglio Se invece di acquistare una pianta volete procedere direttamente alla semina, essa andrà fatta a fine inverno in cassoni o a metà primavera direttamente in piena terra. I semi del Cisto sono piccoli e scuri. La semina presenta comunque alcune difficoltà: queste piante si ibridano facilmente, per questo motivo se il vostro obbiettivo è ottenere una pianta specifica non è detto che il risultato sia quello sperato. Questo discorso si riferisce unicamente alle specie tipo, perché gli ibridi non si possono seminare. Per gli ibridi è necessario ricorrere a talee semilegnose che si prelevano tra luglio e agosto e si fanno radicare in un composto di torba e sabbia, mantenuto umido e alla temperatura di 16 gradi. A radicazione avvenuta andranno poi trapiantate in vasi contenenti terriccio, torba e sabbia. Tenute in cassone per tutto l'inverno, andranno trasferite in vasi di 10 cm all’inizio della primavera. I vasi dovranno essere interrati all’aperto e, successivamente, riportati in cassone freddo per l’inverno. Solo nella primavera successiva potranno essere messe a dimora definitiva.

Il Cisto non necessita di cure particolari ma teme gli afidi, alcune malattie fungine e il marciume delle radici causato dai ristagni di acqua.




COMMENTI SULL' ARTICOLO