Coltivare agrifoglio

vedi anche: Agrifoglio

L'irrigazione dell'agrifoglio

L'agrifoglio è una pianta sempreverde a cui non deve mai mancare l'acqua. Non ha bisogno di particolari cure e può essere coltivata anche dai meno esperti di giardinaggio. L'unico accorgimento è proprio legato all'apporto idrico. Possiamo decidere di coltivare l'agrifoglio in condizioni climatiche e geografiche anche molto differenti tra loro. L'importante è che riusciamo a correggere le carenze d'acqua con annaffiature regolari. Durante le stagioni caratterizzate naturalmente da una buona piovosità, potrebbe essere necessario operare interventi supplementari soltanto all'effettivo bisogno, limitandosi ai giorni in cui le precipitazioni si fanno aspettare.Quando il clima si fa più caldo, invece, dovremo prenderci cura dell'irrigazione dell'agrifoglio, anche con frequenza giornaliera se necessario.
Agrifoglio bacche rosse

Pianta vera da frutto ALBERO DI MELO DA FIORE h 150 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,9€


Come coltivare l'agrifoglio

Agrifoglio fogliame L'agrifoglio può essere coltivato all'interno del giardino di casa poiché è una pianta bella da vedersi, soprattutto in autunno e inverno quando gli altri arbusti e gli alberelli mostrano un fogliame marrone secco. Se vogliamo far produrre le classiche bacche rosse al nostro agrifoglio, dobbiamo munirci sia dell'esemplare maschio che della femmina. Quest'ultima produrrà i frutti dopo la fioritura solo se impollinata dal maschio. Potremo farci consigliare da un vivaista esperto, magari acquistando piante già sviluppate, dato che queste caratteristiche si apprezzano dopo almeno 4 anni di vita. In alternativa potremo decidere di comprare un agrifoglio che presenta già le bacche rosse. In questo modo saremo sicuri che le produrrà anche una volta messo a dimora. L'agrifoglio durante la crescita non ha bisogno di essere potato e le uniche cure possono consistere, eventualmente, nella rimozione dell'apparato fogliare rovinato. In genere quello esterno può anche diventare leggermente marrone ma quello interno si rinnova con facilità, regalando nuovamente vegetazione in ottimo stato.

  • Lantana Il nome della Lantana si riferisce al genere di piante Dicotiledoni, appartenente alla famiglia delle Verbenacee e comprendente, inoltre, numerose specie, la maggior parte delle quali originarie dell’...
  • dalia rosa La pianta della dalia è originaria del Messico, è coltivata spesso nei giardini e ne esistono di tante qualità: decorative, quelle con fiori di grandi dimensioni e disposti a raggi, quelle con petali ...
  • foto gelso Il gelso, nome comune per morus, appartenente alla famiglia delle Moraceae comprende un piccolo genere di alberi decidui, molto affascinanti per il loro sviluppo, che nel corso degli anni diventano co...
  • gelso Il gelso è un albero da frutto secolare appartenente al genere Morus e alla famiglia delle Moraceae. E’ diffuso in Asia, Europa e Nordamerica, ma le sue origini si riferiscono alla Cina orientale e ce...

PISTACIA LENTISCUS LENTISCO IN VASO Ø 15

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,3€


Il terreno ideale

Agrifoglio giardino Il terreno ideale per la coltivazione dell'agrifoglio è sciolto e ben arricchito. Il travaso è una fase molto delicata e sarebbe meglio evitare numerosi passaggi di contenitore. Meglio, quindi, stabilire preventivamente se vogliamo coltivarlo nel giardino oppure in vaso, scegliendo da subito un contenitore sufficientemente grande per poterlo lasciare lì per tutta la vita. La terra dovrà essere arricchita con del concime apposito, facilmente acquistabile nei negozi di giardinaggio. L'agrifoglio predilige un terreno leggermente acido. Se non disponiamo di una fertilizzazione specifica, possiamo comunque acidificare la terra aggiungendo i fondi del caffè che svolgono naturalmente questa funzione. Il substrato, sia in vaso che in giardino, deve essere ben sciolto, soprattutto per consentire alle radici di svilupparsi liberamente adattandosi alla nuova terra.


Coltivare agrifoglio: Clima e malattie

Agrifoglio bacche L'agrifoglio cresce senza problemi anche in luoghi dove le condizioni climatiche sono avverse, con temperature invernali rigide, ben al di sotto degli zero gradi. Sopporta abbastanza bene anche le estati calde, purché i brevi periodi di siccità siano tenuti a bada con un'irrigazione artificiale costante. L'agrifoglio può morire solo se lo lasciamo completamente a secco per molti giorni. Anche per quanto riguarda l'esposizione l'agrifoglio può adattarsi in circostanze differenti. Può stare a mezz'ombra o in una situazione in cui i raggi diretti arrivano per poco tempo durante la giornata, specialmente nelle zone più calde. Come tutte le piante può essere attaccato da malattie e parassiti come la cocciniglia e gli afidi. Possiamo trattare l'agrifoglio con un antiparassitario specifico e generalmente il problema sparisce. Muffe e marciumi radicali appaiono soltanto dopo aver lasciato l'agrifoglio in una situazione di ristagno idrico per molti giorni. Quadro lo mettiamo a dimora dobbiamo scegliere un terreno dove l'acqua non crei pozze.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO