Convolvolo

Convolvolo: caratteristiche generali

Il convolvolo, dal nome scientifico Convolvulus, appartiene alla famiglia delle Convolvulaceae e proviene dall’Asia, dall’Europa e dall’Africa settentrionale. Il convolvolo è una pianta erbacea perenne in grado di sviluppare alla sua base dei germogli annuali. Il fogliame è costituito da foglie sempreverdi, le quali tendono a cadere con l’arrivo della stagione autunnale. Le infiorescenze presentano la forma di un tubo, di una campana o d’imbuto secondo la specie di appartenenza, e hanno una durata giornaliera. I colori di esse dipendono dalla specie e possono variare dal colore bianco, rosa, al viola scuro. Si tratta di una pianta che dà quel tocco in più a qualsiasi giardino, può raggiungere dimensioni massime di circa 100/ 120 centimetri. Può essere messa a dimora in qualsiasi tipo di ambiente perchè è in grado di sopportare le calde temperature.
Esempio di Convolvolo bianco.

DISERBO PER INFESTANTI A FOGLIA LARGA SU PER TAPPETI ERBOSI DICOTIL CONFEZIONE DA 100 ML

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,9€


Convolvolo: coltivazione

Dettaglio infiorescenze Convolvolo. Il Convolvolo può essere coltivato in piena terra, in vaso, anche se si può veder crescere spontaneamente anche in natura. Se si decide di metterlo in piena terra, occorre aspettare aprile o maggio e si adatta a qualsiasi tipo di terreno, purché ben drenato. Se si coltiva in vaso, la terra deve essere composta per due terzi di terriccio fertile e per un terzo di torba, ricordando di aggiungere della sabbia e 20 grammi circa di concime complesso. In questo modo l’esemplare di sempreverde potrà sviluppare tutte le sue strutture rigogliose e in salute. Per quanto riguarda entrambe le moltiplicazioni, occorre miscelare all’acqua delle annaffiature, almeno ogni 10/ 20 giorni circa, del concime ternario (15 grammi per decalitro di acqua). E' utile ricordare di annaffiare gli esemplari giovani in modo tale da agevolare la formazione di un apparato radicale autonomo.

  • erika All’interno di questa sezione parleremo delle piante perenni, cioè quelle che vivono più di due anni; queste piante arricchiscono i giardini di colori meravigliosi soprattutto nella stagione autunnale...
  • rosa Il linguaggio dei fiori era un modo di comunicare molto diffuso nell’800 ma ancora oggi, ad esempio, le rose rosse si regalato per significare passione, quelle bianche purezza e quelle rosa amicizia. ...
  • stella di natale Chi di noi non conosce la stella di Natale, o meglio, l’Euphorbia Pulcherrima? Nessuno o quasi. Tutti noi, almeno una volta, abbiamo comprato questa pianta durante il periodo natalizio, per fare un re...
  • giardino fiorito Il giardino richiede cura e manutenzione costante, poiché le piante e i fiori devono essere seguite costantemente durante l’anno. Il giardinaggio è la tecnica che si occupa della coltivazione di piant...

10 semi / pacchetto Tricolor semi convolvolo rara bellezza fiori Casa e giardino colore impianto speciale Facile da piantare di trasporto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Convolvolo: moltiplicazione

Esempio infiorescenza Convolvolo rosa. La moltiplicazione del Convolvolo può avvenire mediante semina, attraverso l’uso di rizomi e talea. La semina avviene durante la stagione primaverile, e i semi devono essere messi all’interno di una cassetta a una temperatura di circa 18 °C. Nel momento in cui si nota che i germogli stanno crescendo e iniziando a creare un apparato radicale solido, le piantine si possono mettere a dimora in piena terra. Se la specie che s’intende propagare è un esemplare di Convolvolo perenne prostrato, si può utilizzare una parte del rizoma da prelevare durante la stagione invernale o, in alternativa, si possono usare le propaggini. Infine, la moltiplicazione può avvenire mediante talea: prelevare una parte del fusto o un germoglio basale. La talea deve essere praticata o durante la fine della stagione invernale oppure tra giugno e luglio.


Convolvolo: malattie e parassiti

Il convolvolo è una pianta che può essere aggredita dalla ruggine e da alcune malattie fungine che possono portarla alla morte. E’ utile tenere sempre bene a mente che questo esemplare non sopporta i ristagni idrici, i quali possono portare a un marciume radicale e quindi alla morte di tutta la sua struttura. La ruggine si denota dalla presenza di pustole e macchie tendenti al giallo a livello della parte inferiore del fogliame e sui fusti. La presenza di malattie fungine si denota da macchie sulle foglie le quali, se non vengono trattate in tempo, possono portare al disseccamento del fogliame e a una successiva morte della pianta. Sia la ruggine e sia le malattie fungine vengono debellate attraverso l’uso di prodotti specifici a base di rame o mediante l’uso di fungicidi specifici entrambi acquistabili presso negozi specializzati.



  • convolvolo I convolvoli sono un genere di rampicanti, tranne poche specie, come il Convolvulus cneorum, che sviluppa un bell'arbust
    visita : convolvolo

COMMENTI SULL' ARTICOLO