Corbezzolo

vedi anche: Corbezzolo

Quanto occorre annaffiare il Corbezzolo

Il Corbezzolo è un arbusto la cui resistenza alla mancanza di acqua è ormai conosciutissima. La pianta, infatti, non soffre eccessivamente le carenze idriche come invece accade quando si verificano i temutissimi ristagni d'acqua. Non è raro, infatti, che in condizioni di questo tipo l'impianto radicale del Corbezzolo non reagisca positivamente mostrando immediatamente notevoli segnali di sofferenza che spessissimo possono essere persino irrimediabili. Le irrigazioni sono indispensabili solo quando le piogge scarseggiano. Questa è una regola che vale nella maggioranza dei casi. Per quanto concerne gli esemplari più giovani, specialmente quelli con meno di un anno di vita, le annaffiature devono essere eseguite abbastanza regolarmente, ogni 15 giorni. Andando avanti con il tempo, si potranno diminuire.
Arbusto Corbezzolo

Pianta Corbezzolo, Eretto ad Alberello, Altezza 50/60cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8€


Le regole per una corretta coltivazione

Fiori frutti Corbezzolo Il Corbezzolo è sicuramente uno degli arbusti dalla coltivazione più semplice. Non richiede, infatti, particolari tipologie di abilità. I terreni devono essere possibilmente caratterizzati da una certa povertà ed avere un'altissima capacità drenante, al fine di evitare l'inzuppamento continuo che risulta pericolosissimo per le radici. La riproduzione della pianta avviene mediante il seme e si effettua normalmente alla fine dell'inverno interrando il seme in una miscela composta da sabbia e torba. Il terriccio in questione va possibilmente mantenuto ben inumidito, almeno fino all'arrivo della primavera. Per il primo biennio, è altamente consigliato tenere la nuova pianta al riparo dentro, ad esempio, ad una serra, provvedendo alla messa a dimora definitiva dopo tale lasso temporale.

  • Lantana Il nome della Lantana si riferisce al genere di piante Dicotiledoni, appartenente alla famiglia delle Verbenacee e comprendente, inoltre, numerose specie, la maggior parte delle quali originarie dell’...
  • dalia rosa La pianta della dalia è originaria del Messico, è coltivata spesso nei giardini e ne esistono di tante qualità: decorative, quelle con fiori di grandi dimensioni e disposti a raggi, quelle con petali ...
  • foto gelso Il gelso, nome comune per morus, appartenente alla famiglia delle Moraceae comprende un piccolo genere di alberi decidui, molto affascinanti per il loro sviluppo, che nel corso degli anni diventano co...
  • gelso Il gelso è un albero da frutto secolare appartenente al genere Morus e alla famiglia delle Moraceae. E’ diffuso in Asia, Europa e Nordamerica, ma le sue origini si riferiscono alla Cina orientale e ce...

ok affarefatto zimbardi costanza Poltrona in Vimini kelec giunco in Tinta Bianco bambù con Cuscino in Omaggio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 58,9€


La concimazione più adeguata

Frutti Corbezzolo Una coltivazione effettuata correttamente parte sicuramente da corrette operazioni di concimazione. Se, infatti, il Corbezzolo non è eccessivamente esigente in termini generali, è comunque altamente consigliato provvedere periodicamente all'integrazione degli elementi indispensabili alla sua corretta crescita all'interno del terreno. Il periodo migliore per effettuare la concimazione è quello primaverile, in cui bisogna assolutamente interrare del concime organico, possibilmente ben maturato. Gli elementi che non devono mai mancare al Corbezzolo sono l'azoto, il fosforo ed il potassio. E' bene, comunque, optare per un fertilizzante ben bilanciato che fornisca anche indispensabili microelementi come il ferro o il rame. Le dosi da considerare sono quelle indicate sulle confezioni del concime, da seguire sempre alla lettera per evitare problemi.


La collocazione e i possibili problemi

Pianta corbezzoli Il Corbezzolo non è una pianta eccessivamente esigente nemmeno per quanto riguarda la sua collocazione ideale. Naturalmente esiste un'esposizione preferita, ovvero quella soleggiata. Anche la mezz'ombra, però, non è assolutamente problematica. Le temperature fredde non sono eccessivamente temute, cosa che invece non si può proprio dire per le correnti fredde che sono da evitare nella maniera più categorica. Il Corbezzolo potrebbe mostrare segni di sofferenza se collocato in un luogo caratterizzato da poca luce. Non accade frequentemente che il Corbezzolo sia vittima di malattie o parassiti. Gli unici che possono realmente creare qualche problema sono gli afidi, da trattare con appositi antiparassitari non appena ci si accorge del problema. La mancanza di luce provoca, invece, macchie nere.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO