Edgeworthia chrysantha

L'irrigazione

Il delizioso arbustivo proviene esclusivamente dal continente asiatico e fa parte del folto ed esteso raggruppamento delle Thymelaeaceae. La pianta esotica si contraddistingue, oltre che per il suo grazioso portamento, soprattutto per la magnifica infiorescenza candida e giallina che colora ed allieta gli spazi verdi nel bel mezzo della stagione invernale. Avrà necessità di generose e frequenti bagnature per tutto il periodo primaverile ed estivo, sino ai primi di ottobre, mentre gli annaffiamenti saranno significativamente misurati e moderati durante la stagione fredda. Si dovrà avere massima attenzione nell'irrorare solamente quando la terra si presenti completamente prosciugata, onde evitare stagnazioni d'acqua che possano risultare perniciose per le radici dell'Edgeworthia chrysantha, discretamente fragili e delicate.
Edgeworthia chrysantha

Philips Lighting Cistus Lampada da Parete da Esterno, Acciaio Inox

Prezzo: in offerta su Amazon a: 59,84€


Coltura e cura

L'Edgeworthia chrysantha in esterno L'Edgeworthia chrysantha potrà essere alloggiata in parco oppure ricoverata in recipiente all'interno di abitazioni. In entrambe le ipotesi, dovrà essere apprestato un terreno morbido e dotato di sostanze organiche, a cui si uniranno elementi sabbiosi e ghiaiosi in grado di assicurare il complessivo ed efficiente drenaggio. Occorrerà sempre ricordare che questa pianta da ornamento può crescere e svilupparsi solo qualora la terra sia perfettamente drenata, altrimenti inevitabilmente si indebolirà nel sistema radicale. Se riposta in recipiente, con i primi tepori primaverili andrà periodicamente rinvasata, usando contenitori sempre più grandi per il preciso contenimento delle radici. Non avrà, invece bisogno di particolari opere di potatura, risultando bastevole la rimozione delle ramificazioni avvizzite.

  • erica carnea L’Erica è una pianta perenne sempreverde che ha origine nell’Europa occidentale e mediterranea ed in Africa, ha dei fiori molto belli che variano a seconda della specie, per questo spesso viene utiliz...
  • Acalifa L’Acalifa è una pianta erbacea perenne di tipo sempreverde che trae la propria origine dal sud-est asiatico fino alle isole del Pacifico dove il cilma è di tipo mediterraneo-tropicale. E’ una pianta c...
  • aucuba japonica variegata L’Aucuba è una pianta arbustiva sempreverde originaria del continente asiatico; attualmente è molto diffusa anche in America ed in Europa nelle zone dove il clima è temperato grazie alle sue foglie mo...
  • leucojum aestivum gravetye La campanella è una graziosa pianta erbacea appartenente al genere Leucojum. Questo genere non presenta molte specie, infatti ne conta circa 10-20 , tra cui le più note sono Leucojum aestivum, Leucoj...

20+ viola, rosa e bianco Mix LISIANTHUS semi di fiore/di lunga durata ANNUALE

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,05€


Fertilizzazione e concimazione

Edgeworthia chrysantha fiore Ovunque venga posizionato, l'esotico arbusto abbisognerà di buona fertilizzazione per assumere i corretti nutrienti, con considerevoli differenze in relazione alla tipologia di concime prescelto. Se si prediligerà un fertilizzante organico di natura solida, in virtù del suo rilascio progressivo nel tempo andrà somministrato con frequenza mediamente quadrimestrale. Qualora si scelga, invece, un concime a natura liquida, andrà opportunamente diluito nell'acqua di irrorazione e conferito a cadenze più ravvicinate, in media mensili o bimestrali. Il fertilizzante dovrà essere in ogni caso generico per piante fiorite e contenere significativa presenza, oltre che dei necessari microelementi, di componenti azotate e potassiche, utili per il rigoglioso sviluppo dell'arbusto e per la colorata e soddisfacente fioritura.


Edgeworthia chrysantha: Posizionamento e patologie

Bastone san giuseppe L'elegante arbustivo andrà di preferenza posizionato in un habitat notevolmente areato e soleggiato, con esposizione diretta ai raggi del sole. Di fibra robusta e adattabile, tollererà collocazioni anche in luoghi parzialmente ombreggiati, ma in nessun caso le condizioni climatiche dovranno essere troppo rigide. Se le temperature dovessero scendere al di sotto degli 0 C°, infatti, sarà sempre consigliabile provvedere a ripararla, utilizzando tessuti o altri materiali di copertura. La pianta asiatica, infine, difficilmente sarà oggetto di attacchi di insetti e parassiti, ma potrà essere insidiata da muffe e marciumi alle radici, dovuti all'inefficiente drenaggio del terreno. In questa situazione, occorrerà utilizzare specifico fungicida e prestare la massima attenzione nel non provocare stagnazioni idriche durante le bagnature.



COMMENTI SULL' ARTICOLO