Elicriso

vedi anche: elicriso

Irrigazione dell'elicriso

L'elicriso è una pianta compatta, legnosa, dai piccoli fiori composti in infiorescenze vivacemente colorate, dalle foglie sottili, oblunghe e ricoperte da una fine peluria biancastra: sin dall'aspetto se ne coglie la grande robustezza e la struttura capace di sopportare molto bene la siccità. Se coltivata in vaso va bagnata quando la terra risulta secca, aspettando che il terreno si asciughi del tutto fra una irrigazione e l'altra. E' essenziale evitare ristagni d'acqua, che potrebbero far marcire le radici, collocando argilla espansa sul fondo del vaso in modo che questa assorba eventuali eccessi di liquido. Se posta in piena terra si consiglia di bagnare solo le piante giovani o quelle sottoposte ad un lungo periodo di siccità. In ogni caso questa pianta ha la caratteristica di comunicare il suo bisogno d'acqua: se osserviamo un lieve appassimento del fusto dobbiamo procedere all'irrigazione.
Capolini fioriti

MIMOSA PUDICA SENSITIVA IN VASO CERAMICA, pianta vera

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,5€


Cura e coltivazione dell'elicriso

Giardino elicriso L'elicriso necessita davvero di poche cure. Basti pensare alla sua ampia diffusione spontanea nelle regioni del mediterraneo meridionale caratterizzate da terreni aridi, arenosi, finanche rocciosi e molto assolati. Ugualmente, in casa o in giardino, va posta in terreni leggeri e sabbiosi, evitando substrati argillosi e compatti. Poiché ama un clima caldo e temperato va protetta durante i periodi più freddi grazie a pacciamature con foglie secche, corteccia di pino o tessuto-non tessuto, per mantenere più alta la temperatura della terra ed evitare la formazione della crosta superficiale tipica delle temperature rigide. Non va potata, limitandosi ad eliminare eventuali parti secche o sciupate. La moltiplicazione avviene comunemente attraverso semina diretta o talee ed è in entrambi i casi molto semplice. I semi vanno interrati all'inizio della primavera adoperando un substrato sabbioso, ben drenante; quando le nuove piantine avranno raggiunto l'altezza di 10 cm circa potranno essere trasferite nel vaso definitivo e rinvasate ogni 2/3 anni. Le talee, invece, devono radicare a fine estate, sempre su un terreno sabbioso e drenante, e trapiantate in vaso o terra all'inizio della primavera successiva.

  • elicriso L'elicriso, il cui nome scientifico è “Helichrysum italicum L.”, fa parte della famiglia delle Asteracee (Composite).Si tratta di una pianta arbustiva che proviene dalla zona meridionale del vecchio...
  • liquirizia in vaso L'elicriso liquirizia, il cui nome scientifico è Helichrysum Italicum, è chiamato nei paesi anglosassoni anche pianta del curry, a causa delle sue proprietà aromatiche. A chiunque abbia, però, una cer...
  • Lantana Il nome della Lantana si riferisce al genere di piante Dicotiledoni, appartenente alla famiglia delle Verbenacee e comprendente, inoltre, numerose specie, la maggior parte delle quali originarie dell’...
  • dalia rosa La pianta della dalia è originaria del Messico, è coltivata spesso nei giardini e ne esistono di tante qualità: decorative, quelle con fiori di grandi dimensioni e disposti a raggi, quelle con petali ...

Semi Hamamelis Virginiana amamelide frontiera dei fiori della pianta su Bare Branches

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,25€


Concimazione dell'elicriso

Foglie elicriso italico L'elicriso vive e si sviluppa, come abbiamo visto, in terreni molto poveri, pertanto non richiede frequenti concimazioni. E' sufficiente aggiungere fosforo e potassio al terreno al momento della semina e concimare con stallatico maturo quando si procede al rinvaso, ovvero ogni 2-3 anni. Se si vuole sostenere una maggiore produzione di fiori si può anche optare per l'aggiunta di semplice concime per piante fiorite da utilizzare una sola volta l'anno, all'inizio della stagione vegetativa. Questa pianta così semplice da coltivare e curare ha numerosissime qualità ed applicazioni nella vita quotidiana e può essere davvero interessante ed utile ricordarne alcune: all'essiccazione dei suoi fiori si ottengono pot-pourri colorati e molto profumati e un olio essenziale con riconosciute proprietà antinfiammatorie, antifungine, espettoranti e stimolanti della circolazione. Per questo viene ampiamente usato in erboristeria per curare dermatiti, bronchiti, cicatrici e smagliature. Le foglie poi possono essere adoperate in cucina ed hanno un sapore simile a quello del curry ed i fiori per ottenere infusi e tisane.


Elicriso: Esposizione, malattie e parassiti

Pianta elicriso L'elicriso non teme la siccità e gli ambienti aridi prediligendo l'esposizione diretta ai raggi solari, tanto che nelle zone sufficientemente calde fiorisce tutto l'anno e viene considerata una pianta perenne. L'esposizione ottimale è quindi alla luce diretta, tanto per le piante in vaso che per quelle in piena terra. Teme invece l'eccesso d'acqua, al punto che se posta in terreni troppo compatti o umidi va incontro al marciume radicale che ne causa la morte. L'umidità la rende anche sensibile all'aggressione di funghi come il verticillium, che ne provoca l'essiccamento, e l'oidio o "mal bianco", che si manifesta ricoprendo germogli, fiori e foglie con un velo biancastro e pulverulento. L'uso di un comune fungicida a base di ossi-cloruro di rame è sufficiente contro il verticillium e lo zolfo in polvere è molto efficace contro l'oidio. Si può dire, quindi, che l'umidità è il peggior nemico dell'elicriso che invece è assai resistente ai parassiti e si ammala di rado. Nel periodo della fioritura possono comparire afidi e cocciniglie che indeboliscono la pianta esponendola a virus e funghi. E' sufficiente, in questi casi, usare subito insetticidi specifici reperibili in commercio.


  • elicriso pianta L'eliscriso è una pianta arbustiva perenne, in Italia è molto diffusa soprattutto nelle regioni del centro-sud e nelle i
    visita : elicriso pianta

COMMENTI SULL' ARTICOLO