Erica

Come innaffiare l'erica

La corretta gestione dell'erica parte dal corretto mantenimento del grado umidità di cui la pianta necessita. Il terreno non deve mai essere troppo bagnato o troppo secco. Piuttosto, è consigliabile controllare e mantenere il substrato della pianta sempre leggermente umido. E' buona norma, prima di procedere con una irrigazione, controllare che il terreno non sia ancora eccessivamente bagnato dalla volta precedente. Nel caso in cui si proceda ad una innaffiatura eccessiva dell'erica, si rischia di sommergere ed asfissiare le radici causando la conseguente marcitura delle stesse. Questa regola generale del controllo del terreno va mantenuta durante tutto l'anno a prescindere dalle stagioni. Ovviamente, in estate il substrato si asciugherà più velocemente che in inverno e dunque la frequenza delle bagnature tenderà ad aumentare.
Erica fiori

25 semi - Calluna Vulgaris Seed, erica scozzese, un tappezzanti sempreverdi o basso arbusto.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,97€


Come curare l'erica

Erica vaso Generalmente, le varietà di erica presenti in vivaio sono molto delicate. Questo comporta che le piante non sono in grado di sopportare temperature inferiori ai 5°C. Dunque, durante i mesi più freddi è bene porre la nostra erica al riparo in un luogo chiuso o comunque più coperto del giardino. Durante i mesi più caldi, la pianta inizia il suo periodo vegetativo. L'attività maggiore dell'erica è riscontrabile durante i periodi freschi, da settembre fino ad aprile. La pianta ama zone ombreggiate o semi-ombreggiate, in generale l'erica sembra non gradire l'esposizione diretta ai raggi del sole. Dopo la fioritura è bene potare la pianta in quanto l'erica fiorisce sui rami dell'anno precedente. Procedere ad una potatura tardiva potrebbe diminuire la quantità di boccioli che la pianta sarà in grado di produrre l'anno successivo.

  • erica carnea L’Erica è una pianta perenne sempreverde che ha origine nell’Europa occidentale e mediterranea ed in Africa, ha dei fiori molto belli che variano a seconda della specie, per questo spesso viene utiliz...
  • Erica arborea L'erica arborea è una pianta perenne caducifoglie, diffusissima nelle zone del bacino mediterraneo. Se ne segnala una vasta presenza nei boschi della Sardegna e della Calabria. La sua diffusione in qu...
  • Lantana Il nome della Lantana si riferisce al genere di piante Dicotiledoni, appartenente alla famiglia delle Verbenacee e comprendente, inoltre, numerose specie, la maggior parte delle quali originarie dell’...
  • dalia rosa La pianta della dalia è originaria del Messico, è coltivata spesso nei giardini e ne esistono di tante qualità: decorative, quelle con fiori di grandi dimensioni e disposti a raggi, quelle con petali ...

Perovskia atriplicifolia "Blue Spire" (Salvia Siberiana) [Vaso Ø17cm]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€


Come concimare l'erica

Pianta fiore Il processo di concimazione dell'erica avviene durante la primavera e l'estate. E' bene procedere concimando circa una volta ogni 2 settimane e mescolando il fertilizzante con l'acqua di irrigazione. Un consiglio utile è quello di ridurre leggermente le dosi del concime rispetto a quelle indicate sulla confezione. L'erica ha bisogno sia dei tre elementi fondamentali quali azoto, fosforo e potassio sia di altri microelementi chimici come rame, ferro, magnesio, manganese e zinco. Il terreno migliore per la coltivazione dell'erica deve essere un terreno acidofilo costituito da terra di bosco e torba a cui bisogna aggiungere della sabbia fine e grossolana in modo da rendere il terreno abbastanza drenante. Questo sistema di drenaggio va riproposto anche per le piante coltivate in vaso con un'ulteriore aggiunta di ghiaia o argilla drenante.


Erica: Malattie e rimedi

Esemplare erica Le principali cause di malattie dell'erica sono riscontrabili in una cattiva irrigazione della pianta. Procedere innaffiando troppo spesso genera facilmente marciumi o muffe che con il tempo portano alla morte della pianta. Inoltre, se esposta troppo alla luce del sole, le parti superiori dell'erica tendono a seccarsi generando la conseguente morte dell'arbusto. Se coltivata in condizioni di forte umidità e poca ventilazione, l'erica può sviluppare la botrite, una muffa grigiastra che danneggia irreparabilmente la pianta. Un altro problema per l'erica è la clorosi. Questa pianta è abituata ad un terreno acidofilo e quando posta a contatto con uno spazio calcareo si genera lo scolorimento delle foglie e la morte dei piccoli germogli. Inoltre, molto spesso quando l'erica viene coltivata in serra si adatta a condizioni climatiche particolari e dunque, quando viene poi posta a dimora in natura, tende a morire per le differenti condizioni climatiche.


Guarda il Video
  • erica pianta Rallegrano giardini e terrazzi durante tutto l'autunno e l'inverno, ma in realtà si tratta di piccoli arbusti presenti i
    visita : erica pianta

COMMENTI SULL' ARTICOLO