Ginepro - Juniperus communis

La potatura

La potatura che può essere effettuata sul ginepro è di mantenimento e di formazione . La potatura di formazione serve ad eliminare tutte le crescite indesiderate garantendocosì all'arbusto una creascita armoniosa . La potatura di formazione può essere effettuata sia i modo drastico che progressivo . Il primo procedimento consiste nell'eliminare i rami primari della pianta durante il periodo che va da febbraio fino a marzo . Preferibile è effettuare questo tipo di potatura su piante di minimo quattro anni . Bisogna tener presente che la potatura progressiva è decisamente quella da preferire . La potatura di mantenimento consiste , invece , nell'eliminare i germogli superflui e di accorciare quelli sui rami principali .

ginepro

Vivai Le Georgiche JUNIPERUS CHINENSIS STRICTA (GINEPRO CINESE)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,5€


Il terreno e la concimazione

Il ginepro è un arbusto rustico quindi può vivere molto bene in terreni abbastanza poveri .

Questo arbusto preferisce , però , i terreni particolarmente sciolti , soffici e molto ben drenati .

Bisogna sempre ricordarsi di concimare il più frequentemente possibile . Varie sono le modalità e le tipologie di concimazione . La principale è sicuramente lo stallatico maturo sul finire dell'inverno .Un'altra soluzione è l'uso del concime per piante da fiore da somministrarsi con l'innaffiatura una sola volta al mese . Infine , se bisogna coprire un'area abbastanza ampia , si può optare per un concime granulare a lento rilascio tre volte nell'arco dell'anno .

Durante il periodo primaverile sarà opportuno fare un'abbondante concimazione a base di azoto e potassio . Questa operazione favorirà uno sviluppo floreale e vegetativo .

  • bacche agrifoglio L'agrifoglio è una pianta appartenente al genere delle aquifoliaceae originario dell'Europa e nello specifico di tutto il bacino del mediterraneo .Questo arbusto che popola le nostre feste natalizie...
  • cedrus libani Il cedro , albero di conoscenza antichissima , non è ben chiaro ancora il luogo di origine di questo albero in quanto molte sono le ipotesi formulate a proposito . Infatti secondo alcuni studiosi la t...
  • callistemon Il callistemon è un arbusto sempreverde originario dell'Australia . Il suo genere annovera circa una trentina di specie . La crescita del callistemon è abbastanza lenta e come detto prima non raggiun...
  • cydonia Specie originaria dell'Asia occidentale , la cydonia , è un albero naturalizzato e coltivato in tutta la zona temperata borele . Appartiene alla famiglia delle Rosaceae . La cydonia si divide in base ...

TROPICA - Bonsai -Set crescente -Ginepro cinese con semi, ciotola di ceramica, brochure e serra

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,95€


Messa a dimora

juniperus communis<p /> Mettere a dimora un ginepro è un'operazione che racchiude in sè una serie di fasi tutte ugualmente importanti per fare aumentare la possibilità di attecchimento della pianta . La prima operazione è sicuramente scegliere la specie che più si adatta al clima locale . Bisoga preparare il terreno nel quale la pianta sarà messa a dimora . Preparare il terreno significa fondamentalmente renderlo

il più fertile possibile . Sarà necessario , quindi , fertilizzare il terreno cominciando una ventina di giorni prima del giorno previsto alla messa a dimora . Questa azione dev'essere effettuata comunque verso il periodo autunnale . Infine , una volta compiuta la messa a dimora , bisognerà annaffiare copiosamente la pianta per i primi due anni .


La moltiplicazione

La moltiplicazione del ginepro può essere effettuata tramite talea o seme . Il seme del ginepro deve essere piantato durante in piena primavera . La talea invece deve essere prelevata assolutamente durante la fine della primavera . Quindi con un coltello ben affilato , in modo da effettuare un taglio netto , e sterilizzato , per non far infettare nè la pianta nè la talea , si preleverà un settore del ramo del ginepro . Naturalmente è preferibile prendere gli apici dei rami che si sono sviluppati da poco tempo . Infine bisognerà interrare la parte basale della talea .


Ginepro: Malattie e avversità

ginepro Il ginepro è spesso vittima di attacchi portati avanti da cocciniglie e da afidi del cedro .

Il parassita più pericoloso è sicuramente la cocciniglia . La sua infestazione è accompagnata dall'avvento di macchie scure sulla parte inferiore della foglia . Questi parassiti tendono a cibarsi della linfa della pianta indebolendola . Provoca la caduta repentina delle foglie . Gli afidi del cedro sono abbastanza temibili in quanto hanno una doppia azione dannosa . Infatti lato la loro azione non solo tende a distruggere le foglie ma , producendo melata , attira molte specie fungine . Eliminare questi parassiti alla radice è molto importante . Per far ciò sarà necessario usare antiparassitari specifici agendo repentinamente in modo tale da non far degenerare la situazione .


Guarda il Video
  • ginepro strisciante Il Juniperus horizontalis o ginepro strisciante è un arbusto tappezzante, di piccole dimensioni, sempreverde, originario
    visita : ginepro strisciante
  • ginepro pianta Il ginepro è una pianta che fa parte della famiglia delle Cupressacee, al genere Juniperus ed alla specie communis. SI
    visita : ginepro pianta

COMMENTI SULL' ARTICOLO