la lonicera - Lonicera japonica

Le generalità

Al genere lonicera appartengono circa duecento specie originarie dell'Asia , America settentrionale e dell'Europa . Di cui una decina di esse sono indigene dell'Italia . La lonicera è una pianta sempreverde appartenente alla famiglia delle coprifoliaceae . Una di queste è il famoso coprifoglio comune . Prima della classificazione effettuata da Linneo era chiamato Caprifolium usata non di rado anche in tempi moderni .

Il genere Lonicerae è abbastanza polimorfo . Da ciò ne consegue una straordinaria diversità di specie con una conseguente varietà di caratteristiche .

Le foglie della lonicera sono per lo più caduche , i rami sono formati da foglie disposte a coppia . Le foglie risultano essere di colore verde scuro , lucide e cerate . Le foglie dei rami sterili , quelli che non producono il fiore sono picciolate metre quelle dei rami fertili sono abbastanza variegate . Infatti le foglie inferiori risultano abbastanza ristrette in un piccolo picciolo , le foglie intermedie tendono ad essere sessili e semi saldate tra di loro , infine quelle terminali sono appaiate ed unite alla base quasi a formare un'unica grande foglia .

Le altre specie sono , invece , sempreverdi e cespugliose . Lo sviluppo di queste piante è particolarmente lento riuscendo al massimo a raggiungere i novanta centimetri d'altezza .

Il periodo della fioritura avviene tra la fine della primavera e all'inizio dell'estate , quindi tra il mese di maggio e quello di giugno . I fiori di questa pianta sono per la maggiorparte di color crema.

La corolla è gamopetala e zigomorfa emana un profumo molto intenso ., il tubo assume u na forma campanulata di una lunghezza massima di quattro centimetri . La fauce è composta da due lobbra una superiore divisa in quattro lobi che si ripiegano su sè stessi alla fine della fioritura , quella inferiore è continua e risulta ripiegata all'indietro .

L'androceo , invece , è composto da cinque stami , una sua caratteristica peculiare sono i filamenti , immessi dentro al tubo della corolla , risultano essere particolarmente lunghi superando di circa dieci millimetri la stessa fauce della corolla con i filamenti degli stami che posseggono nella loro parte terminale delle antere di colore giallo .

Il gineceo , invece , ha uno stilo lungo e glabro . L'ovario è inferiore e formato da tre carpelli .

Il loro portamento è naturalmente variabile , esso varia a seconda del tipo della pianta . Infatti le lonicere arbustose hanno un portamento semiprostrato con una forma tendenzialmente allargata . Quelle rampicanti , invece , hanno portamento lianoso . Sebbene abbiano un fusto legnoso non riescono a mantenersi sullo stesso .

lonicera japonica

LONICERA HECKROTTII AMERICAN BEAUTY (1 PIANTA) VASO 10CM

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,95€


L'annaffiatura

La lonicera è una pianta che non pretende una grandissima quantità d'acqua . Per la maggiorparte dei casi la pioggia basta completamente alla sua sussistenza riuscendo a sopportare periodi siccitosi anche abbastanza lunghi . Discorso diverso è rappresentato dalle piante appena messe a dimora che necessitano di una quantità d'acqua maggiore durante la prima estate . In ogni caso bisogna fare attenzione a non esagerare con le annaffiature in modo tale da non fare sorgere pericolosi ristagni d'acqua .

  • giardino con stagno Il giardino d’acqua, grazie proprio alla presenza costante dell’acqua, riesce a conferire allo spazio esterno un aspetto piuttosto particolare. Chi ha una particolar predilezione per le piante acquati...
  • giardino pensile in primavera Le prime tracce di giardini pensili sono state rinvenute in Babilonia, la loro origine è piuttosto antica, già in tempi remoti le tecniche per la loro realizzazione e irrigazione erano piuttosto evolu...
  • giardino zen interno Quando si parla di zen, si pensa a qualcosa che abbia a che fare con la Cina o il Giappone, qualcosa insomma che è lontano dalla nostra cultura. In realtà non è proprio del tutto sbagliato il concetto...
  • giardino italiano decorato Il giardino all’italiana è un giardino che nasce e si sviluppa in Italia, un esempio di giardino spesso presente anche in altri paesi che hanno deciso di importarlo perché affascinati dal suo stile. I...

Vivai Le Georgiche Lonicera Nitida Baggesen'S Gold

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,6€


L'esposizione

La lonicera deve essere posta a dimora in un ambiente particolarmente soleggiato anche se comunque può vivere , con meno fortuna , in luoghi semiombreggiati . Il caldo giova molto alla sua crescita e quindi è di gran lunga preferito . Non ama moltissimo il freddo ma comunque non lo disdegna , fatto salvo per temperature inferiori ai cinque gradi sottozero . Un'altra caratteristica decisamente importante è la sua resistenza alla salsedine ed all'inquinamento che fanno di questa pianta estremamente indicata per crescita nelle città e nei paesi di sulla costa .


la moltiplicazione

La moltiplicazione può essere effettuata o per semina o tramite talea . Nel caso in cui si dovesse optare per la talea bisognerà prelevare in estate circa una dozzina di centimetri dal fusto . Bisognerà porle negli appositi contenitori pieni di torba e sabbia in modo tale da farle radicare . A primavera sarà necessario trapiantare le piantine i contenitori singoli e pi piccoli . Finalmente con l'arrivo dell'autunno sarà possibile metterle a dimora definitivamente .

Se si decide di usare i semi bisognerà interrarli in dei grandi contenitori con della composta da semina durante il periodo autunnale . Una volta che il processo di radicazione è completato bisognerà trasferirle in singoli vasi più piccoli . La messa a dimora deve avvenire nell'autunno seguente .


La concimazione

Sul finire dell'inverno sarà opportuno interrare alla base dell'arbusto abbondante concime organico . In alternativa si potràoptare per del concime granulare ad assorbimento lento . Una sedonda volta potrà essere effettuato verso la fine dell'estate per . Bisognerà , tre volte l'anno , intervenire con del concime specifico per piante acidofile .


la lonicera: Malattie e parassiti

La lonicera è particolarmente soggetta ad alcuni attacchi da parte di funghi e parassiti .

Le specie fungine più dannose sono l'oidio , o mal bianco , ed il mal piombo . Bisogna agire tempestivamente con dei fungicidi sistemici in modo tale da non far progradire la malattia .

Tra i parassiti vanno ricordati gli afidi che distruggono foglie e fiori . Contro gli afidi si deve usare un antiparassitario specifico . Tutte gli interventi devono essere effettuati lontani dalla fioritura .


  • lonicera Al genere lonicera appartengono decine di specie, sempreverdi, decidue e rampicanti; nelle bordure da giardino si utiliz
    visita : lonicera

COMMENTI SULL' ARTICOLO