Prunus laurocerasus

Descrizione del prunus laurocerasus

La pianta del prunus laurocerasus ha l’aspetto di un arbusto vigoroso e denso. Le sue foglie sono di forma ovale e lanceolata, hanno margini dentati, sono lucide e coriacee, di colore scuro. All’apice dei suoi rami, durante la primavera, sbocciano dei piccoli fiori bianchi stellati, che si riuniscono in una sorta di pannocchia eretta. Essi profumano molto intensamente ma per alcuni l'odore può essere sgradevole. Dopo i fiori spuntano delle bacche nere piccole, che somigliano a olive opache. Sia le bacche che le foglie sono tossiche in quanto contengono l’acido cianidrico e hanno ovviamente un sapore non invitante neanche per gli animali. Poiché lo sviluppo della pianta è molto rapido, questa viene usata come pianta da siepe ed era di moda negli anni scorsi. L’abuso di lauroceraso nei giardini ha reso questa pianta poco amata, anche se adatta a chi desidera una bassa manutenzione del giardino. Inoltre non si ammala facilmente, sopporta freddo, umidità e troppo caldo. La pianta è gradevole di aspetto, specie se è coltivata singolarmente e non come siepe. Esistono anche varietà con le foglie particolarmente scure, rossastre oppure brune.
Un prunus laurocerasus

1 PIANTA DI PRUNUS LAUROCERASUS OTTO LUYKEN VASO 18CM sempreverde

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Coltivazione del prunus laurocerasus

Le foglie del prunus laurocerasus Il prunus laurocerasus predilige una posizione soleggiata, ma vive anche con mezz’ombra o ombra completa, ma in questi casi non fiorisce facilmente. Non teme il freddo e sopporta anche temperature di poco sotto lo zero (-10°C). Per posizionare una nuova pianta occorre fare una buca ampia e aggiungere al terreno dello stallatico o del concime granulare, con poca sabbia. Il lauroceraso sopporta anche periodi di ristagno idrico, ma si consiglia di non tenere il terreno sempre inzuppato. Occorre annaffiare abbastanza regolarmente, nel primo anno, in primavera e in estate. Una volta che la pianta si è stabilizzata, si può accontentare anche solo dell'acqua della pioggia. Se però c’è un periodo di siccità prolungata occorre annaffiare le piante, specialmente nei giorni più caldi dell’anno. Il prunus laurocerasus si coltiva in terra, ma si può mettere anche nei vasi. Si raccomanda di dedicare a ogni arbusto una grande quantità di terreno e posizionarlo in un vaso capiente. Il lauroceraso si pota generalmente alla fine dell’inverno, per eliminare i rami rovinati. Poi si può potare nuovamente, o dopo la fioritura o quando sviluppa le ramificazioni fuori della chioma.

  • vischio Pianta dell'Europa , Asia temperata ed Africa boreale vivente allo stato di parassitismo necessario su peri , meli , susini , mandorli , pioppi , aceri , abeti , pini : nel nostro paese è estremamente...
  • bacche agrifoglio L'agrifoglio è una pianta appartenente al genere delle aquifoliaceae originario dell'Europa e nello specifico di tutto il bacino del mediterraneo .Questo arbusto che popola le nostre feste natalizie...
  • pittosporo Una delle piante in assoluto più diffuse in italia è sicuramente il pittosporo . Usato principalmente per l'abbellimento dei giardini esso non ha particolari necessità per ciò che riguarda le cure ....
  • potentilla alba La potentilla è una pianta conosciuta fin dall'antichità per le sue doti curative . Il suo nome deriva dal vocabolo latino potens probabilmente riferito alle sue caratteristiche curative . Infatti mol...

Vivai Le Georgiche Prunus Laurocerasus Rotundifolia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8€


Propagazione del prunus laurocerasus

Le bacche del prunus laurocerasus Il prunus laurocerasus si propaga facilmente per talea. Le talee si prelevano nel periodo tardo primaverile oppure d’estate. Si preparano dividendo i rami in rametti di circa 7 o 10 centimetri, asportando nella zona bassa le foglie. La talea si immerge nell’apposito ormone radicante e si inserisce in un composto formato da torba o da terriccio universale, in una miscela con una quantità pari di sabbia, per ottenere un buon drenaggio. Le talee si conservano in luoghi semi-ombreggiati, protetti e abbastanza freschi. Il terreno va annaffiato con regolarità. Le talee hanno spesso successo, ma occorre pazientare, per ottenere una pianta discreta, anche per alcuni anni. Infatti le talee si coltivano in vaso per 2-3 anni e solo dopo le piante si possono posizionare in giardino. Il prunus laurocerasus si può propagare anche tramite i semi. I frutti si lasciano ad essiccare al sole per alcuni giorni e si ottengono i semi che si pongono in un vassoio o in un sacchetto, coperti del tutto di sabbia e poi messi in frigo, per imitare l’inverno. Dopo circa 6 o 8 settimane, i semi possono essere seminati in una miscela di torba e sabbia, umida ma non inzuppata.


Prunus laurocerasus: Proprietà erboristiche del prunus laurocerasus

I fiori del prunus laurocerasus Sia le foglie che i semi del lauroceraso hanno, oltre all'acido cianidrico, anche dei principi attivi che sono sfruttati come rimedi erboristici e usati nella tradizionale medicina. Si sfruttano in effetti le proprietà di tipo antispasmodico e sedativo che ha la pianta: le proprietà del lauroceraso sono utili specialmente a calmare la tosse insistente e secca. Le foglie si utilizzano per fare lavaggi oculari. Anche se i semi sono tossici, i frutti, ossia la polpa che c’è attorno, sono sicuramente commestibili, ma hanno un sapore particolare, non sempre gradito. Si possono consumare freschi o con essi si possono preparare marmellate. Le sostanze tossiche che sono contenute nelle foglie e nei semi del lauroceraso sono sfruttate comunque: in quantità piccole danno buoni risultati per curare l’asma e per migliorare la respirazione e la digestione. Inoltre dalle foglie si può estrarre un aroma che si utilizza nell’industria in sostituzione del sapore delle mandorle amare.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO