Pungitopo pianta

Pungitopo pinata: caratteristiche generali

Conosciuto da tutti con il nome di pungitopo, il ruscus aculeatus è un arbusto sempreverde presente nei boschi europei. Le caratteristiche bacche rosse, insieme alle foglie - piccole, dure e acuminate - lo hanno reso iconograficamente famoso e ornamento necessario per ogni Natale che si rispetti: restando in tema natalizio, per non fare confusione, ricordiamo che con il nome di "pungitopo maggiore" ci si riferisce all'agrifoglio. Pianta spontanea che vive bene nel sottobosco della macchia mediterranea che fiorisce in inverno, durante la primavera presenta piccoli fiori verdi. Resistente e rustica, tollera qualsiasi tipo di temperatura, sebbene preferisca i luoghi ombrosi: a causa delle sue numerose proprietà viene coltivata all'aperto, in terreni umidi e ben drenati.
Fiori di pungitopo.

Blumfeldt Dreamhouse luci illuminazione natalizia (catena luminosa da 8 metri, 160 LED, cavo da 6 metri, effetto flash motion, IP44, per interni ed esterni) - bianco freddo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 57,99€


Pungitopo pianta: coltivazione

Pungitopo, frutti e foglie La raccolta indiscriminata del pungitopo, purtroppo, ha decimato la presenza della pianta che è da anni specie protetta in varie regioni d'Italia, dove la raccolta è vietata completamente oppure regolata in maniera ferrea. Per questo motivo la coltivazione - sebbene il pungitopo sia una pianta spontanea - è diventata sempre più frequente. Sopportando bene le temperature invernali, questo arbusto è adatto a vivere all'esterno, e ha bisogno di terreno ben drenato. Nel caso vogliate tenerlo in vaso, il periodo migliore per effettuare questa operazione è il mese di febbraio. Le annaffiature devono essere abbondanti in estate, ma quasi del tutto sospese dall'autunno alla primavera: il rusco bilancia perfettamente il suo nutrimento attingendo solo dall'acqua piovana.

  • Pungitopo Il pungitopo è una pianta arbustiva che costituisce una germogliazione spontanea sul territorio del Mediterraneo, Africa nordorientale compresa, e che si spinge attualmente anche nel centro dell'Europ...
  • Pungitopo selvatico Il Pungitopo è una pianta di origine europea che cresce spontaneamente nei sottoboschi e nei campi. Come la maggior parte della vegetazione mediterranea non necessita di abbondanti irrigazioni, prefer...
  • erica carnea L’Erica è una pianta perenne sempreverde che ha origine nell’Europa occidentale e mediterranea ed in Africa, ha dei fiori molto belli che variano a seconda della specie, per questo spesso viene utiliz...
  • Acalifa L’Acalifa è una pianta erbacea perenne di tipo sempreverde che trae la propria origine dal sud-est asiatico fino alle isole del Pacifico dove il cilma è di tipo mediterraneo-tropicale. E’ una pianta c...

Blumfeldt Dreamhouse luci illuminazione natalizia (catena luminosa da 8 metri, 160 LED, cavo da 6 metri, effetto snow motion, IP44, per interni ed esterni) - bianco freddo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 52,99€


Pungitopo pianta: proprietà erboristiche

Ramo di pungitopo Come accennato in precedenza, il pungitopo non è solo una splendida pianta decorativa, sebbene i suoi rami siano conosciuti all'occhio della massa per essere simboli dell'inverno e del natale presenti nelle case di tutta Europa. In verità questo arbusto viene utilizzato da secoli come antinfiammatorio e nelle cure fitoterapiche sottoforma di crema o decotto. Ha proprietà astringenti e sudorifere, ed è un ottimo diuretico (utilizzato ampiamente e in maniera molto efficace contro cellulite e ritenzione idrica). Allevia i dolori provocati dai reumatismi e risulta molto importante per la protezione delle vene, contro flebiti e varici. In erboristeria il suo estratto è usato anche nella cura della pelle, e in cucina è un ingrediente creativo per la preparazione di salse e insalate.


Pungitopo pianta: curiosità

Libro di botanica tedesco, 1595Oltre a essere gradevole all'occhio e utile al corpo e allo spirito, il pungitopo è stato nei secoli curioso oggetto di attenzione popolare. Probabilmente a causa della sua larga presenza, è stato utilizzato in verità nei metodi più disparati: da qui le varie nomenclature che il rusco (o brusco) ha preso nelle lingue europee. Già Virgilio lo menzionava con il nome di "ruscus" (rustico): conosciuto infatti nell'antica Roma, era considerato benevolo e un mazzetto sulla porta teneva lontani gli spiriti maligni. In italiano e in tedesco si chiama rispettivamente "pungitopo" e "Stechender Mäusedorn" in quanto i suoi rami venivano sistemati intorno alle provviste nelle soffitte e nelle cantine, per tenere lontani i topi. In inglese invece è "Butcher's broom" ovvero "la scopa del macellaio": i rami erano infatti utilizzati in mazzi per spazzare via lo sporco dai pavimenti delle macellerie.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO