Rose inglesi

Le rose inglesi: generalità

Create dal genio di David Austen, celebre ibridatore inglese, le rose inglesi hanno incontrato immediatamente i favori del pubblico, diffondendosi in tutto il mondo, grazie alla loro bellezza e resistenza. La vastissima gamma di rose inglesi, infatti, le rende adatte alle più diverse tipologie di coltivazione e di clima: alcuni tipi possono essere coltivati anche nei climi mediterranei; delle varietà sono adatte a crescere in vaso, altre come rampicanti, altre ancora si sviluppano meglio come cespugli. Le rose inglesi sono piante arbustive, a portamento eretto e dimensioni variabili; le foglie sono di colore verde medio o scuro e i fiori presentano corolle a rosetta e a coppa, sovraccariche di petali, con colori incredibili e fragranze fruttate e speziate.
Rosa William Shakespeare 2000

English Rose Bunting - Festone con bandierine decorative a fiori, fantasia inglese, 3,15 m, colore: Crema e Rosa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,99€


Coltivazione

Rosa Windermere Le rose inglesi sono piante resistenti e adatte a essere coltivate anche da mani inesperte. Questi arbusti possono raggiungere il metro d'altezza, regalando bellissime fioriture, ma è importante innanzitutto scegliere la varietà giusta: nate nell'umida Inghilterra, non tutte ben si adattano ai climi mediterranei, più caldi e secchi. Proprio per la loro origine, le rose inglesi non temono il freddo, ma necessitano di innaffiature costanti, soprattutto d'estate; per quanto riguarda la collocazione, alcune varietà necessitano di una posizione più soleggiata, mentre altre possono tranquillamente crescere in mezzombra. Infine, esistono rose inglesi coltivabili anche in vaso, purché si adoperi un contenitore sufficientemente grande e si presti attenzione a innaffiature e concimazione.

  • erika All’interno di questa sezione parleremo delle piante perenni, cioè quelle che vivono più di due anni; queste piante arricchiscono i giardini di colori meravigliosi soprattutto nella stagione autunnale...
  • rosa Il linguaggio dei fiori era un modo di comunicare molto diffuso nell’800 ma ancora oggi, ad esempio, le rose rosse si regalato per significare passione, quelle bianche purezza e quelle rosa amicizia. ...
  • giardino fiorito Il giardino richiede cura e manutenzione costante, poiché le piante e i fiori devono essere seguite costantemente durante l’anno. Il giardinaggio è la tecnica che si occupa della coltivazione di piant...
  • fioriera da giardino Il giardino è uno spazio verde dove sono predominanti piante e fiori. Se la superficie a disposizione per piantare nella terra le specie vegetali è piuttosto ridotta si può ricorrere all’uso delle fio...

Geo VRV1403 China Rose Semi da Germoglio, Marrone

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,02€


Potatura e concimazione

Rose inglesi Le rose inglesi hanno ereditato dalle rose moderne la capacità di rifiorire: dopo la fioritura di giugno, infatti, tagliando di un terzo i rami su cui erano i fiori, ad agosto si potrà assistere a una nuova fioritura. La potatura andrà eseguita all'inizio della crescita primaverile, eliminando i rami secchi, vecchi o legnosi. Inoltre, sarà bene rimuovere i fiori quando sfioriscono, operazione che faciliterà la rifioritura. Relativamente alla concimazione, le rose inglesi dovrebbero essere fertilizzate due volte l'anno, utilizzando un apposito concime a rilascio lento: la prima fertilizzazione andrà eseguita una ventina di giorni dopo la comparsa delle prime foglie; la seguente, successivamente alla prima fioritura, per favorire la rigogliosità della seconda.


Rose inglesi: Malattie e parassiti

Rosa Abraham DarbyLe rose inglesi possono soffrire per parassiti, funghi, muffe e/o carenze di minerali: Oidio: è una muffa che colpisce i germogli. Si cura con appositi prodotti. Ticchiolatura: si manifesta con macchie nere sulle foglie. Si può prevenire con prodotti ad hoc. Ruggine: si manifesta sulla parte inferiore delle foglie con pustole color ruggine. Si può prevenire con prodotti rameici o curare con trattamenti specifici. Afidi: parassiti eliminabili somministrando antiparassitari. Tentredine: bruco che attacca le foglie. Si combatte con gli appositi insetticidi. Carenza di ferro: si manifesta con l’ingiallimento delle foglie. Si previene con la somministrazione di sequestrene. Carenza di magnesio: porta alla decolorazione delle foglie in cima alla pianta. Evitabile con il solfato di magnesio.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO