Potare siepe alloro

vedi anche: alloro

La pianta di alloro

L’alloro, noto in botanica col nome di "laurus nobilis", è una pianta aromatica sempreverde, dall’aspetto cespuglioso, che cresce spontanea nell’area mediterranea. Se non viene sottoposta a potatura, può crescere fino a raggiungere i 10 metri di altezza. L’alloro si adatta a tutti i tipi di terreno e resiste bene anche alle basse temperature. Le sue foglie profumate hanno forma lanceolata e sono di colore verde scuro. Se le si osserva con attenzione, si noterà che sono lucide nella parte superiore e opache nella parte inferiore. Molto utilizzate in cucina, dove servono come spezie nella preparazione di numerose pietanze, le foglie del "laurus nobilis" possono essere raccolte durante tutto l’anno, a seconda delle esigenze. I fiori compaiono nei mesi di maggio e giugno e sono di un delicato colore giallo. Come la canapa e numerose specie di gimnosperme o di palme, anche l’alloro è una pianta dioica, ossia i fiori maschili e quelli femminili compaiono sempre su esemplari separati. Sviluppa drupe, ossia frutti carnosi, di colore nero lucido.
Pianta di alloro

Bosch Home and Garden 0600847K00 Tagliasiepi, 700 W, Verde/Nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 191,89€
(Risparmi 48,1€)


La coltivazione dell’alloro

Pianta di alloro Una volta che ha messo le radici, la pianta dell’alloro non necessita di grandi cure e cresce rigogliosa. Va piantata in autunno o in primavera, scegliendo una zona ben soleggiata del giardino. È sconsigliato fare questa operazione nei mesi freddi. Durante il primo anno l’alloro va innaffiato regolarmente, soprattutto durante il periodo estivo, per far sì che la pianta si adatti bene al suolo. Una volta che le radici si saranno sviluppate, sarà sufficiente innaffiare soltanto nei mesi estivi quando maggiore sarà la calura e la siccità. La potatura va effettuata una o due volte l’anno, all’inizio della primavera o a settembre. Benché resista alla maggior parte delle malattie, l’alloro è esposto all’attacco degli afidi. Questi piccoli parassiti di colore verde chiaro si riconoscono ad occhio nudo. Se hanno attaccato la pianta, è possibile scovarli al di sotto delle foglie, lungo le nervature. Un rimedio per eliminarli è quello di nebulizzare sul fogliame un miscuglio di olio e acqua. In questo modo, assolutamente biologico, non solo si allontaneranno le pulci, ma si nutrirà anche la pianta.

  • lauro nobilis La siepe di alloro è una delle più semplici da coltivare. Composta da una pianta sempreverde, questa siepe resiste a condizioni ambientali avverse e non ha eccessive esigenze colturali. L’alloro, inf...

Einhell GH-EH 4245 Tagliasiepi Elettrico, 420 W, 230 V

Prezzo: in offerta su Amazon a: 38,09€
(Risparmi 11,86€)


Curiosità sull’alloro

L'arbusto di alloro Alla pianta dell’alloro è dedicato un famoso mito greco, che vede protagonisti Apollo e Dafne. Si narra che Cupido, infastidito dalla tracotanza di Apollo, avesse forgiato due frecce, una in grado di far innamorare chi fosse stato colpito e l’altra, invece, di provocare repulsione. Decise di utilizzare la prima su Apollo e la seconda su una bellissima ninfa chiamata Dafne. Il dio, in preda a una passione incontrollabile, iniziò a inseguire Dafne che scappò spaventata. Incalzata da Apollo, la ninfa invocò in aiuto la dea della Terra, Gea, la quale rispose al suo appello trasformandola in una pianta di alloro proprio nell’attimo in cui stava per essere catturata. Da quel momento l’alloro diventò la pianta sacra ad Apollo, il dio delle arti. L’usanza, nata in Grecia e poi diffusasi nell’antica Roma, di utilizzarne le foglie per adornare il capo dei vincitori, dei poeti e degli artisti trae origine proprio da questo mito. Il termine moderno "laureato" racchiude un riferimento all’alloro, altrimenti noto in botanica come "laurus nobilis".


Potare siepe alloro: La potatura della siepe di alloro

Siepe di alloro La pianta dell’alloro tollera molto bene le potature, anche quelle più severe. Queste sono indispensabili se si vuole limitare il suo sviluppo o conferirgli un aspetto regolare e ordinato. Va precisato, infatti, che sebbene l’alloro si presenti sotto forma di cespuglio di medie dimensioni, può crescere fino a diventare un albero alto anche 10 metri. Se si desideri creare in giardino una siepe con questa pianta aromatica, è necessario procedere almeno a una potatura ogni anno. La siepe di alloro si rivelerà un’ottima alternativa alle più diffuse conifere per allontanare sguardi indiscreti e proteggere dai rumori provenienti dal quartiere o da strade trafficate. Quest’arbusto presenta un fogliame rigoglioso e serrato, capace di trasformarsi in un isolante acustico naturale. Il periodo migliore per potare la siepe di alloro, al fine di rallentarne la crescita, è in autunno. Al contrario, se si vuole che la pianta si sviluppi più rapidamente, bisogna effettuare questa operazione nel periodo primaverile.


Guarda il Video
  • potatura alloro La siepe di alloro è una delle più semplici da coltivare. Composta da una pianta sempreverde, questa siepe resiste a co
    visita : potatura alloro

COMMENTI SULL' ARTICOLO