Caratteristiche delle siepi di pitosforo

Siepe di pitosforo

Il pitosforo è un genere di piante diffuse in gran parte del globo, dall'Asia fino al continente australe; le specie diffuse in Italia sono tipicamente due: pittosporum tobira, originario dell'Asia; e pittosporum tenuifolium, originario della Nuova Zelanda. Le siepi di pitosforo vengono preparate in genere utilizzando la specie tobira, più vigorosa e resistente; ha fogliame di colore verde brillante, che forma una vegetazione compatta e molto ricca. A partire dalla primavera, fino all'estate inoltrata, produce piccoli fiori bianchi, leggermente carnosi, riuniti in piccoli mazzi all'apice dei rami. I fiori di pitosforo non sono vistosi, ma emanano un delicato profumo. Danno origine in tarda estate ai frutti, di colore verde, che in autunno si spaccano a mostrare i semi all'interno, di colore rosso acceso. Il pitosforo è una pianta molto decorativa, che rende gradevole la siepe per tutto l'arco dell'anno; si utilizza anche nei bordi misti.
Pitosforo in fiore

TECCPO Tagliasiepi, 18V 2.0Ah Tagliasiepi a Batteria al Litio, Lunghezza Lama 520mm, Distanza Lama 18mm, Lama Laser a Doppia Azione, Triplo Pulsante di Avvio di Sicurezza- TDHT02G

Prezzo: in offerta su Amazon a: 79,89€
(Risparmi 14,1€)


Coltivare le siepi di pitosforo

Pianta di pitosforo La coltivazione della siepe di pitosforo tobira è decisamente semplice, perché questa pianta è perfettamente adatta a vivere nel clima italiano: sopporta senza problemi il caldo estivo, e anche il freddo invernale, fino a -15°C. Predilige un terreno fresco, profondo e sciolto, che non risenta di ristagno idrico; le piante a dimora da qualche anno possono accontentarsi dell'acqua fornita dalle piogge, ma in caso di siccità prolungata è necessario fornire acqua in modo regolare, sempre attendendo che il terreno sia perfettamente asciutto tra due annaffiature. Le cure colturali sono poche e sporadiche; oltre alle annaffiature estivo, può risultare necessario coprire le piante in caso di gelo molto intenso e prolungato, nelle regioni del nord Italia; anche se generalmente un inverno assai rigido può rovinare solo gli apici dei rami, che vanno potati a fine stagione. In genere è una pianta che non viene attaccata da parassiti particolari, anche se la cocciniglia e gli afidi gialli possono causare problemi alle piante più giovani.

  • siepepitosforo La siepe di pitosforo viene spesso usata come barriera di separazione. Ne sanno qualcosa i bar e i ristoranti delle zone turistiche o di mare. Questa siepe infatti è molto diffusa nei litorali sabbios...
  • Un cespuglio di pitosforo nano in un giardino roccioso Un piccolo arbusto della famiglia delle Pittosporacee; è una pianta sempreverde, con una forma rotondeggiante e cespugliosa che grazie alle sue ridotte dimensioni è adatto sia ad una coltivazione in v...

20 Piante Lauroceraso da giardino siepi siepe vaso 7 (20 vasi)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 31,5€


Potare le siepi di pitosforo

Bacche di pitosforo Contrariamente a quanto avviene a molte piante da siepe diffusissime, il pitosforo non ha uno sviluppo vegetativo rapido e in genere le piante adulte non superano i 3-4 metri di altezza; per questo motivo non rende necessario potare gli arbusti regolarmente più volte all'anno, in quanto tendono a mantenersi abbastanza folti ed equilibrati. Per mantenere la siepe in forma sarà sufficiente una singola potatura annuale, da effettuare verso la fine dell'inverno, in modo da contenere i rami che hanno uno sviluppo eccessivamente al di fuori della sagoma iniziale della siepe e da tagliare tutte le ramificazioni che hanno subito danni durante i mesi freddi. Le piante giovani possono occasionalmente necessitare di una seconda potatura, fa effettuarsi a fine estate, in modo da dare alla siepe un aspetto compatto ed ordinato. Il pitosforo ha uno sviluppo che non risente del posizionamento di più piante vicine, e difficilmente tende a svuotarsi nella parte bassa; in ogni caso, durante le potature, è bene accorciare i rami alti, in modo da favorire lo sviluppo di ramificazioni anche alla base del fusto.


Caratteristiche delle siepi di pitosforo: Il parente più delicato

Varietà variegata di pittosporum tenuifolium Nella gran parte dei giardini italiani si utilizza pittosporum tobira per creare siepi e bordure di vario genere; negli ultimi anni sta avendo successo anche pittosporum tenuifolium, di origini neozelandesi. Sebbene nelle zone di origine questo arbusto possa raggiungere dimensioni enormi, in Italia in genere si mantiene al di sotto dei due metri di altezza. Il fogliame è sempreverde, spesso con striature di colore bianco o argentato, visto che in Italia si coltivano soprattutto varietà decorative; la fioritura avviene in tarda primavera, e produce boccioli dal particolare colore marroncino; i fusti sono sottili e delicati, di colore scuro o rossastro. Rispetto al cugino p. tobira, ci troviamo di fronte ad un arbusto più delicato, con foglie sottili e minute, e un portamento più compatto ed elegante. La coltivazione è leggermente più difficile, perché questa pianta non sopporta la siccità, e al contempo non ama gli eccessi di acqua nel terreno. Lo sviluppo è molto lento e una intera siepe di pittosporum tenuifolium può impiegare qualche anno a diventare compatta e folta. In genere necessita di sporadici interventi di potatura.


Guarda il Video
  • pitosforo Il Pitosforo (Pittosporum ssp.) è un arbusto o un piccolo albero, in natura ne esistono varie specie, originarie dell’Af
    visita : pitosforo
  • potatura pitosforo Arbusto di dimensioni medie o grandi, la specie più diffusa in Italia è il pitosforo tobira; ha foglie sempreverdi, di f
    visita : potatura pitosforo

COMMENTI SULL' ARTICOLO