Siepi profumate tipologie

In cosa consiste e quali funzioni può avere una siepe

Una siepe è costituita da un filare di piante o arbusti, più o meno alti, coltivati a stretto contatto, in modo da formare quasi un muro vegetale. Può avere una funzione meramente ornamentale, come accade nei classici giardini all'italiana, dove le siepi sono geometriche e molto ben rifinite e mirano solo a colpire i visitatori; così come nei nostri giardini e vialetti, dove la siepe, in particolare se formata da piante capaci di produrre fioriture abbondanti e appariscenti, ha lo scopo di rendere i nostri spazi esterni più gradevoli e accoglienti. Altre volte la siepe svolge diverse importanti funzioni pratiche: delimita un terreno, marca il confine tra due proprietà, difende da sguardi indiscreti, dà ombra, protegge dal vento. In questi casi vengono utilizzate piante sempreverdi, imponenti e fitte, che si mantengono sempre perfette e funzionali. Per le siepi prettamente difensive sono particolarmente adatte le piante arbustive, intricate e spinose.
Siepe compatta e ben curata

Compo, Concime Granulare a lenta cessione per le colture del giardino, tappeti erbosi, aiuole, cespugli, arbusti, piante ad alto fusto, 4 Kg, 5x7,9x22,5 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,9€


Le piante più adatte a formare siepi profumate: le piante da fiore

Bella siepe di alloro Le siepi più profumate sono quelle costituite da piante da fiore, che danno anche un ottimo risultato decorativo, prima con la fioritura e poi ricoprendosi di frutti, spesso bacche molto colorate. Vi sono le classiche piante da fiore a foglia caduca, che spesso, dove il clima è mite, mantengono le foglie anche in inverno. Ad esempio il lillà, le azalee, le rose, le ortensie. Esistono però anche specie di sempreverdi dall'abbondante fioritura, che permettono di creare siepi profumate che si mantengono sempre perfette. Tra queste ricordiamo il falso gelsomino, ovvero il Rhyncospermum jasminoides, chiamato appunto gelsomino sempreverde; la lavanda angustifolia, dai caratteristici fiori violetti riuniti in spighe; il pitosforo, che in tarda primavera produce abbondanti fiori bianchi molto belli e profumati; la pyracantha, dai piccoli fiori a stella dall'intensa fragranza. Predisponendo siepi miste, vale a dire accostando piante di diverse specie e con diversi periodi di fioritura, si possono avere delle siepi profumate e fiorite praticamente tutto l'anno.

  • Camelia Avete idea di quante possano essere le piante da giardino? Sicuramente moltissime e tutte molto interessanti e degne di considerazione ma noi ci limiteremo ad illustrarvene alcune come l’azalea, piant...
  • attrezzi da giardino Quando si parla di attrezzi per il giardinaggio, occorre fare una netta distinzione tra gli attrezzi di un giardiniere professionista e quelli di chi ha solo una passione per la cura del giardino. in ...
  • amaca tonda L’amaca è un oggetto che non nasce in Italia, ma ha origine dagli indigeni del sud America, ed è stata portata in Europa dagli spagnoli. L'utilizzo originario era quello di un letto, si usava cioè per...
  • tavolo da giardino Chiunque ama la natura e il verde, quando ha anche solo un piccolo giardino, è senz'altro fortunato perché può respirare aria sana e ammirare la bellezza dei fiori. Non è possibile, però, pensare di u...

VERDELOOK Tessuto Ombra in Rotoli Oscurante al 90%, 2x10 m, per recinzioni coperture

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,8€


Le piante più adatte a formare siepi profumate: le aromatiche

Siepe di falso gelsomino in fiore Se di solito il profumo di una pianta deriva da un'abbondante e rigogliosa fioritura, esistono anche specie aromatiche, in cui è la pianta stessa ad essere dotata di un profumo intenso e caratteristico. Tra questo tipo di piante, tra l'altro solitamente sempreverdi, ve ne sono molte adatte anche a formare siepi. Spesso presenti nei nostri giardini sono ad esempio l'alloro, dal colore verde brillante; l'eucalipto, particolarmente sensibile al freddo; il rosmarino, arbusto perenne e cespuglioso. Anche tra le conifere vi sono varietà profumate, come cipressi e ginepri, che per le loro caratteristiche si dimostrano adatte ad essere coltivate come siepi aventi anche una funzione pratica. I più diffusi sono il Cipresso sempervirens, alto in media 25 metri e adattabile a tutti i terreni; il Cipresso di Leyland, particolarmente robusto e longevo; il Ginepro comune, tipico dell'area Mediterranea.


Siepi profumate tipologie: Come mantenere una siepe ornamentale bella e profumata

Graziosa siepe di lavanda Una siepe richiede interventi di manutenzione più o meno impegnativi, a seconda della pianta utilizzata, oltre che del clima e del terreno su cui posa. Variano, ad esempio, la frequenza delle annaffiature, il tipo di concime adatto, la quantità ed il periodo in cui è meglio fornirlo. In linea di massima le siepi ricavano l'acqua ed i nutrimenti di cui hanno bisogno autonomamente, ed andrebbero perciò annaffiate solo se si nota il terreno completamente asciutto, tanto più che la maggior parte delle piante teme i ristagni d'acqua, responsabili dei pericolosi marciumi che spesso ne compromettono la salute. Se la siepe è vittima di parassiti o funghi, è necessario intervenire con prodotti specifici ed eliminare le parti colpite, in quanto è possibile il contagio alle altre piante che compongono la siepe. Se la pianta ha bisogno di essere concimata, il periodo migliore è l'inizio della ripresa vegetativa. Il principale intervento è sicuramente la potatura, che deve essere regolare, per le piante giovani ha lo scopo di dare loro la forma desiderata, in seguito sarà di mantenimento e contenimento. Le piante da fiore si potano dopo la fioritura.



COMMENTI SULL' ARTICOLO