Rosmarino coltivazione

vedi anche: Potatura rosmarino

Caratteristiche della pianta del rosmarino

La pianta del rosmarino, come molte piante aromatiche, appartiene alla famiglia delle Lamiaceae. Originaria dell'Europa e dell'Asia, cresce in forma di arbusto spontaneamente nell'area mediterranea, lungo le fasce costiere e nelle ben note macchie mediterranee. Pianta molto resistente si è adattata anche a crescere in zone collinari più interne fino a raggiungere i 1000 metri sul livello del mare. Ha la forma di un cespuglio che raggiunge normalmente i 50-100 cm di altezza, pianta perenne sempre verde, ha dei rametti legnosi con foglie aghiforme. Fiorisce dalla primavera all'autunno con piccoli fiori color azzurro-violetti riuniti in grappoli. E' una pianta ermafrodita, si riproduce grazie all'impollinazione da parte delle api che producono così un ottimo miele. Oltre che per seme il rosmarino si riproduce per talea o divisione della pianta, nelle attuali tecniche di coltivazioni del rosmarino la pratica più usata, che da migliori risultati, è la moltiplicazione per talea.
Cespuglio pianta rosmarino

Erbe Aromatiche 240 Semi In 12 Varietà, Collezione 1, Più Piccola Guida Alla Coltivazione: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


Caratteristche della pianta di rosmarino

Fiori della pianta del rosmarino Se vogliamo coltivare il rosmarino possiamo acquistare le piante dai vivai, o avendone già una a disposizione, si può procedere direttamente alla sua propagazione tramite talea secondo le seguenti indicazioni. In primavera si prendono da un cespuglio alcune talee di circa 15 cm, e prima di piantarle, si consiglia di tenerle una decina di giorni in un bicchiere di acqua per aiutare l'emissione delle radici. Quando vediamo spuntare le prime radici, le talee si mettono in un vaso con un terriccio composto da torba e sabbia. Qui rimangono a radicare bene fino alla primavera successiva quando vengono messe nella dimora definitiva.Il rosmarino predilige i terreni secchi, pertanto non eccediamo con le innaffiature che potrebbero creare ristagni d'acqua con rischio di marcescenza delle radici. Se messo a dimora sul balcone ogni 4 anni conviene rinvasarlo, se invece nel terreno questo deve essere opportunamente preparato. A questo punto la coltivazione del rosmarino richiede poche attenzioni, scarse devono essere le concimazioni, le innaffiature moderate, quasi nulle le potature e limitate a tagliare i rametti secchi e irrimediabilmente danneggiati.

  • Bancarella di peperoncini, in ordine di piccantezza Il peperoncino nelle sue varietà è una spezia dal sapore piccante, che si adatta bene a insaporire numerose ricette: a seconda dei nostri gusti, della resistenza delle nostre papille gustative, e dell...
  • erbe aromatiche Le erbe aromatiche e le spezie rappresentano uno degli elementi più importanti nella cucina tradizionale.Si tratta di componenti preziose, dato che sono in grado di rendere più saporiti i vari piatt...
  • Varietà di timo limone Il timo limone è una pianta aromatica perenne di tipo cespuglioso che cresce bene in zone molto soleggiate e prevalentemente calde. È molto apprezzata per il suo delicato profumo, utile in cucina per ...
  • Fiori bianchi dell'Ocimum basilicum Il basilico o Ocimum basilicum è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Laminacee. Il fusto si presenta eretto e ramificato e può raggiungere i 50 centimetri. Le foglie sono verde...

Erbe Aromatiche 480 Semi In 24 Varietà, Collezione Completa di Semi Più Piccola Guida Alla Coltivazione Edizione 2017: Basilico Genovese, Salvia, Origano, Rosmarino, Prezzemolo, Timo, Erba Cipollina, Finocchio Selvatico, Menta, Lavanda, Camomilla, Valeriana, Peperoncino Cayenna Rosso, Peperoncino Tondo da Ripieno, Rucola, Cipolla Rossa Tonda di Tropea, Coriandolo, Maggiorana, Anice, Senape Bianca, Crescione Comune, Dragoncello, Melissa e Dente di Leone

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,9€


Parassiti e malattie del rosmarino

Pianta di rosmarino colpita dal mal bianco Sebbene molto resistente, anche il rosmarino corre dei pericoli dovuti a malattie e parassiti. In particolare sono più frequenti queste patologie nella coltivazione del rosmarino in vasi sul balcone, mentre nella coltura in zone aperte, e più simili al loro habitat naturale, il rosmarino ne è quasi immune. Se la pianta è posta in una zona con eccessiva umidità e poco ventilata, è possibile la comparsa di una patina bianca su tutta la pianta, il mal bianco, una muffa biancastra, e come conseguenza le foglie ingialliscono e cadono. Si debella con gli specifici antiparassitari. In simili circostanze ambientali si sviluppa anche un'altra malattia fungina, l'Alternaria, che si manifesta con piccole macchie nere, queste pian pian si allargano colpendo l'intera superficie della pianta. In presenza di queste malattie bisogna sempre eliminare le parti della pianta colpite. Inoltre il rosmarino subisce l'attacco di piccoli animaletti biancastri, gli afidi, si rimedia con gli antiparassitari specifici.


Rosmarino coltivazione: Proprietà del rosmarino

Uso del rosmarino in cucina Già gli antichi Greci e Romani conoscevano e apprezzavano le proprietà di questa pianta ampiamente diffusa nei loro territori. Come uso officinale e medicinale vengono utilizzate le foglie sia fresche che essiccate insieme al suo olio essenziale. I rametti, raccolti a inizio estate ed essiccati, usati come infuso, hanno proprietà antinevralgici e antireumatici, aiutano le funzioni digestive, sono tonici e stimolanti del sistema nervoso. L'olio essenziale estratto con la tecnica del vapore dalle foglie fresche, ricco di eucaliptolo e canfora, viene ampiamente utilizzato in erboristeria per la sua azione balsamica, e antiinfiammatoria. In farmacia è utilizzato in preparati antidepressivi, eccitanti e rinvigorenti, nell'industria cosmetica per la preparazione di colonie, in shampoo e lozioni per i capelli. In campo alimentare è una delle più diffuse spezie aromatiche per aromatizzare le carni e i pesce. Le foglie possono essere usate sia fresche che essiccate, oltre ad esaltare i sapori, stimolano l'appetito e le funzioni digestive.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO