Semina aglio

Semina dell'aglio: l'irrigazione

L'aglio può essere seminato sia in vaso che in pieno campo. Nel vaso andremo a bagnare la terra ogni volta che si asciuga, cercando di non lasciar seccare il terreno durante le prime fasi di sviluppo della piantina. Se invece abbiamo deciso per la semina dell'aglio direttamente nell'orto, dovremo annaffiare finché la giovane piantina non sarà spuntata, anche con interventi quotidiani, ovviamente senza esagerare. Durante la stagione delle piogge potrebbe essere più che sufficiente l'apporto idrico dovuto alle normali precipitazioni atmosferiche. L'aglio tollera anche periodi di breve siccità. Per cui, anche con l'arrivo della stagione torrida, è utile evitare di esagerare con le annaffiature. un'annaffiatura troppo abbondante provocherebbe una crescita della parte aerea a discapito del bulbo. Le tecniche di coltivazione differiscono anche dalla qualità dell'aglio. Si può seminare a partire da Ottobre facendo trascorrere alla piantina la stagione invernale, praticamente senza la necessità di cure, oppure si semina tra Febbraio e Marzo.
Spicchi aglio germogliati

L'ortolano BA00065 bulbi di aglio bianco da semina nazionale in confezione da 250 grammi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


Come prendersi cura dell'aglio

Aglio fresco raccolto L'aglio può essere moltiplicato a partire dagli spicchi che abbiamo in cucina. È importante scegliere una varietà biologica, acquistata in supermercato nel reparto dedicato, oppure comprando i bulbi presso un vivaista di fiducia. Le varietà di aglio non biologico potrebbero essere state trattate appositamente per rallentare lo svilupparsi del germoglio. Appena germogliata la piantina non avrà bisogno né di supporti per crescere né di particolari cure. Di tanto in tanto andremo a rinfrescare il terreno liberandolo dalle erbacce infestanti che sottraggono importante nutrimento, facendo attenzione a non operare in profondità rovinando il bulbo. Questa operazione potrà essere effettuata con l'ausilio di una zappetta, semplicemente lavorando la superficie della terra senza scavare. I trattamenti con prodotti specifici non sono necessari poiché l'aglio è una pianta abbastanza resistente che si adatta a diverse situazioni di coltivazione.

  • Quando si pianta l'aglio Non si conosce con precisione quando si pianta l'aglio in quanto è così diffusa la sua coltivazione nelle serre che cresce in qualsiasi periodo dell'anno. Come gran parte dei bulbi dovrebbe essere pia...
  • coltivazione aglio L'aglio si semina a partire dai bulbi che si possono comprare presso i vivai. In alternativa è molto facile reperire un aglio biologico e prendere gli spicchi. Dopo averli lasciati per un po' di tempo...
  • piantare aglio La coltivazione dell'aglio viene effettuata a partire dai normalissimi spicchi che usiamo in cucina. Basterà liberarli dal bulbo e aspettare che germoglino naturalmente. È preferibile scegliere l'agli...
  • Bulbi aglio L'aglio è una pianta che si trova ovunque, si sviluppa quasi dappertutto e si adatta ad ogni condizione climatica, senza avere bisogno di attenzioni specifiche. Molto importante per coltivarlo, è for...

Aglio rosso Spagnolo gr 500 circa 70-75 spicchi da semina

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Concimazione e terreno

Aglio consumo Il terreno ideale per la coltivazione dell'aglio è sciolto e ben drenato. Per quanto riguarda la coltivazione all'interno dei vasi, si può utilizzare del comunissimo terriccio universale, comprandolo in un negozio di giardinaggio. Sul fondo del contenitore andrebbe messa l'argilla espansa, proprio per favorire la fuoriuscita dell'acqua se le annaffiature sono in eccesso. In pieno campo servirà un terreno che garantisca un ottimo assorbimento delle precipitazioni atmosferiche. Dovremo pertanto preparare in anticipo la terra con una vangatura profonda di almeno 40cm. Si potrà arricchire il terreno con del letame maturo o del concime organico pronto da mescolare con la terra. Può essere utile aggiungere anche del compost naturale, purché sia ben decomposto prima di entrare in contatto con i bulbi. Gli spicchi dell'aglio vanno interrati ad una distanza sufficiente per svilupparsi, almeno di 20cm sulla fila e 40cm per le coltivazioni su file parallele.


Semina aglio: Esposizione, clima e malattie

Aglio germogli L'aglio può stare a tutto sole o in una zona dove i raggi arrivano direttamente almeno per alcune ore durante la giornata. Si adatta al clima di tutte le regioni d'Italia e può essere coltivato sia in pianura che in collina. Una buona ventilazione tra le piante favorisce lo sviluppo. Come tutte le piante anche l'aglio può essere attaccato da patologie fungine, muffe e parassiti. Le malattie più diffuse sono dovute all'esagerazione delle operazioni di annaffiatura. Le muffe possono arrivare a rovinare irrimediabilmente i bulbi di tutto il raccolto. Prima di ricorrere a sconsigliati interventi chimici è importante valutare se stiamo dando il giusto apporto idrico, eventualmente sospendendo le annaffiature. Dobbiamo sempre tenere in considerazione che la parte della pianta interessante per il consumo in cucina non è quella aerea ma il bulbo che sta sottoterra e che deve crescere in un ambiente adatto non troppo umido.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO