Coltivare aglio

Come coltivare l'aglio

L'aglio si semina a partire dai bulbi che si possono comprare presso i vivai. In alternativa è molto facile reperire un aglio biologico e prendere gli spicchi. Dopo averli lasciati per un po' di tempo a riposo, una volta tolti dal bulbo, spunteranno i germogli. A questo punto potremo procedere a piantarli nel terreno, con il germoglio verso l'alto, a distanza di alcuni centimetri l'uno dall'altro e di almeno 40cm tra le file parallele. L'aglio crescerà senza troppe esigenze e non dovremo preoccuparci di intervenire se non per rimuovere di tanto in tanto le erbacce infestanti vicino al fusto della pianta. L'operazione di sarchiatura potrà essere effettuata con l'aiuto di una zappetta, facendo attenzione a non danneggiare la pianta e il bulbo, evitando di operare troppo in profondità e limitandosi a rinfrescare il terreno superficiale.
coltivazione aglio

Pinkdose erbe Piante per coltivare - Aglio Erba cipollina seme semi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,99€


Coltivare l'aglio: l'irrigazione

raccolta aglio L'irrigazione va dosata bene per coltivare l'aglio con successo. Bisogna considerare prima di tutto che la parte commestibile è il bulbo. Annaffiando troppo rischieremo, oltre che di provocare pericolosi marciumi per la pianta, di far sviluppare eccessivamente la parte aerea a discapito proprio del bulbo. La scelta della collocazione è fondamentale. Per quanto riguarda la coltivazione in vaso sarà sufficiente inserire del terriccio universale ben sciolto, facilmente reperibile nei supermercati sugli scaffali dei reparti dedicati al giardinaggio e il fai da te. Per facilitare il drenaggio possiamo inserire sul fondo del vaso delle palline di argilla espansa o dei sassolini. Nel caso della coltivazione in pieno campo, invece, dovremo scegliere bene la zona dell'orto in cui le precipitazioni atmosferiche vengono assorbite bene.

  • Quando si pianta l'aglio Non si conosce con precisione quando si pianta l'aglio in quanto è così diffusa la sua coltivazione nelle serre che cresce in qualsiasi periodo dell'anno. Come gran parte dei bulbi dovrebbe essere pia...
  • piantare aglio La coltivazione dell'aglio viene effettuata a partire dai normalissimi spicchi che usiamo in cucina. Basterà liberarli dal bulbo e aspettare che germoglino naturalmente. È preferibile scegliere l'agli...
  • Spicchi aglio germogliati L'aglio può essere seminato sia in vaso che in pieno campo. Nel vaso andremo a bagnare la terra ogni volta che si asciuga, cercando di non lasciar seccare il terreno durante le prime fasi di sviluppo ...
  • Bulbi aglio L'aglio è una pianta che si trova ovunque, si sviluppa quasi dappertutto e si adatta ad ogni condizione climatica, senza avere bisogno di attenzioni specifiche. Molto importante per coltivarlo, è for...

SPECOOL 3 Pack Potato Grow Bag, 7-Gallon Vecro Finestra Verdure Grow Bag, Doppio Strato in Tessuto Non Tessuto Traspirante (Marrone + Verde + Nero)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,58€


Concimazione e terreno ideale

Orto con piante di aglio Se il nostro orto è fertile non sarà necessaria alcuna concimazione per coltivare l'aglio. In caso contrario dovremo preparare il terreno con un po' di anticipo rispetto alla coltivazione. Potremo aggiungere del concime organico acquistato nei negozi specializzati o dello stallatico maturo. All'occorrenza possiamo anche mettere del compost, preferibilmente di produzione naturale casalinga già decomposto. Quando il terreno sarà pronto andremo a sistemare gli spicchi ricoprendo con altra terra. È importante evitare il contatto diretto tra il concime e il bulbo, per questo è meglio aspettare un po' di tempo. Il terreno scelto sarà soffice e ben drenante, le radici potranno penetrare con facilità e il bulbo si svilupperà bene. Eventualmente si può aggiungere alla terra dell'orto un po' di terriccio universale pronto all'uso.


Coltivare aglio: Esposizione, malattie e rimedi

Semina aglio su fila L'aglio può stare al sole ma resiste bene anche in zone dove l'irraggiamento diretto arriva per alcune ore della giornata. Si può coltivare l'aglio a tutte le latitudini d'Italia, dalla collina alla pianura. È una pianta resistente anche agli inverni più rigidi e, all'occorrenza, possiamo proteggere la base della pianta con un po' di pacciame naturale, composto di sfalci d'erba del prato o dell'orto e rametti o cortecce. Questi elementi, decomponendosi, garantiranno anche altre sostanze nutritive naturali. L'aglio può essere attaccato da malattie fungine e soprattutto da marciumi. È meglio evitare gli antiparassitari chimici tenendo lontani i parassiti con decotti d'erba. La maggior parte delle malattie che causano il marciume, arrivando addirittura a rovinare l'intero raccolto, sono dovute ad una cattiva irrigazione, di solito esagerata. Correggendo la pratica si dovrebbe prevenire il fenomeno.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO