La cicoria

Quanto irrigare la pianta di cicoria

La cicoria è una pianta erbacea rustica che si adatta correttamente a qualsiasi condizione climatica, sopporta adeguatamente il freddo e addirittura la siccità, ma predilige situazioni di umidità. L’irrigazione del terreno appropriato alla coltura della cicoria deve avvenire frequentemente e ripetutamente, soprattutto nei periodi di siccità al fine di favorire la germinazione e assicurare un corretto grado di umidità al terreno. L’annaffiatura costante deve essere abbondante soprattutto dopo l’impianto per favorire la ripresa vegetativa della pianta. Quando le piante crescono gli interventi di irrigazione possono diradarsi fino ad essere eseguiti 2-3 volte alla settimana regolandosi anche in relazione agli eventi atmosferici piovosi. Un accorgimento essenziale è quello di evitare il formarsi di ristagni idrici.
Pianta di cicoria

CCS MICOSAT F UNO inoculo di funghi micorrizici confezione da 200 grammi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23€


Come effettuare la coltura della pianta di cicoria

Fiori di cicoria selvatica La coltivazione della cicoria può partire dai semi o dalle piantine acquistate in vivaio. La semina può essere eseguita direttamente nel terreno o nei semenzai, dai quali le piantine vengono trapiantate dopo 30-40 giorni. Le piante di cicoria devono essere sistemate distanti l’una dall’altra circa 20 cm e disposte in filari paralleli a loro volta distanti 40 cm. Per quanto riguarda i semi, ne serviranno 3-7 gr (a seconda della tipologia di cicoria) ogni 10 mq. In relazione alla varietà di cicoria la semina va effettuata in periodi differenti. Per la cicoria da taglio la coltivazione può essere realizzata tutto l’anno, ad eccezione dei mesi più freddi, mentre per la cicoria da radice si consiglia la coltura dalla metà della stagione primaverile e per tutta l’estate, ottenendo così un raccolto autunnale.

  • Cicoria pan di zucchero La cicoria è una pianta erbacea di tipo perenne presente in tutto il mondo che può arrivare ad un’altezza di un metro e mezzo. In Italia è molto diffusa ad esclusione delle zone tirreniche e meridiona...
  • cicoria Si può trovare molto facilmente nel continente europeo, ma anche in quello asiatico, africano e in molte zone del continente americano: stiamo parlando della cicoria, ovvero una di quelle piante erbac...
  • cicoria appena colta La cicoria è una pianta appartenente alla famiglia delle Asteracee. Si tratta di una pianta erbacea perenne, che può raggiungere anche dimensioni notevoli: va da un minimo di 20 centimetri fino al met...
  • Foglie cicoria selvatica Potete coltivare la cicoria selvatica sia in campo aperto che in vaso. In ogni caso, a prescindere dal tipo di coltivazione, le richieste idriche di questa pianta non sono molto elevate. La cicoria se...

SEMENTI DI ORTAGGI DI QUALITA' IN BUSTE TERMOSALDATE DA 50 GRAMMI (CICORIA DA TAGLIO BIONDA A FOGLIE LARGHE)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,9€


Il terreno ideale e la sua concimazione

Cicoria selvatica La cicoria è poco esigente in termini di terreno, si adatta bene ovunque ma preferisce un suolo soffice e con un adeguato sistema di drenaggio in quanto non tollera i ristagni idrici. Spesso la cicoria subentra ad altre piante e può usufruire dei residui delle loro concimazioni. Se si tratta invece di un terreno sterile, allora è meglio prepararlo prima della piantumazione. Effettuare delle opere di sarchiatura libera il sito di semina dalle erbe infestanti e la concimazione con stallatico maturo lo arricchisce di sostanze nutritive. Il consiglio è quello di procedere con la concimazione qualche mese prima della semina per permettere al letame la corretta decomposizione. Si può integrare la concimazione primaria con del concime minerale al momento della semina e intervenire durante la vegetazione con nitrato di calcio.


La cicoria: Esposizione, malattie parassitarie e possibili rimedi

Coltivazione di cicoria La temperatura ottimale per la crescita della cicoria si aggira intorno ai 15-20 °C. Le varietà selvatiche si adeguano, però, a qualsiasi tipo di clima e questa caratteristica in massima parte viene mantenuta nelle tipologie di cicoria coltivate, anche se tutte soffrono i bruschi sbalzi di temperatura. La cicoria è particolarmente resistente ai parassiti e si ammala raramente. Nonostante ciò esistono degli amanti prediletti di questa pianta, come gli afidi, le lumache, l’acaro rosso. In questo caso è indispensabile l’utilizzo di antiparassitari. Le radici possono essere facili prede del grillotalpa. Tra le crittogame ricordiamo l’oidio o mal bianco. Per porre rimedio si deve far arieggiare il terreno, effettuare opere di sarchiatura e pacciamatura, evitare la formazione di ristagni d’acqua.



COMMENTI SULL' ARTICOLO