Seccare le rose

L'impiccato, ovvero appendere le rose "a testa in giù"

Il primo metodo da tenere in considerazione volendo essiccare una o più rose è anche il più classico e comune, ma ciò nondimeno efficace: quello di appenderla/e "a testa in giù", possibilmente in un luogo fresco ed asciutto. Questa tecnica diversamente da altre non altera la forma del fiore che, se appoggiato semplicemente ad una mensola o messo in un vaso apparirebbe "schiacciato". Per funzionare non ha bisogno di grandi accorgimenti e l'unica cosa di cui sarà bene assicurarsi è che la rosa da seccare sia appena sbocciata: se troppo vecchia, infatti, potrebbe perdere i petali mentre se troppo giovane potrebbe sviluppare muffa (dell'acqua potrebbe annidarsi nei petali non ancora ben dischiusi!). Se così fosse fatela defluire delicatamente con le dita e procedete all'essiccazione che non dovrebbe richiedere più di due o tre settimane.
rose appese al muro

vasi di fiori, riogoo ferro in vasi di fiori, terrazza giardino pentole muro piantatori metal secchio fiore titolari - portatili stile (8 pc)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 22,99€


Seccare rose: come farlo con il gel di silice

rosa in silica gel Anche la scienza ci offre un valido aiuto per seccare le rose: da oggi è infatti possibile servirci del gel di silice per la conservazione dei fiori, vediamo come: il SIO2, comunemente detto "Gel di silice" o Silica Gel è un polimero del diossido di silicio, famoso per le sue proprietà disidratanti, il che che lo rende un'ottima arma a disposizione degli amanti dei fiori secchi. Tutto quello che si dovrà fare è acquistare il gel (da un negozio di hobbistica) e metterne qualche manciata in un contenitore di plastica, nel quale inserire poi anche la rosa da essiccare, possibilmente con la parte fiorita rivolta verso il fondo del contenitore. La rosa andrà ricoperta con il gel di silice conservata a contenitore chiuso in un luogo fresco e ombreggiato: tempo dieci giorni e l'essiccazione sarà completa.

  • rose rosse Le rose, fiori per eccellenza, regine indiscusse di parchi, prati, giardini, bella, profumate e non difficilissime da coltivare, con i loro fiori decorano e colorano i giardini delle nostre case donan...
  • rosa ruggine La rosa è una delle piante maggiormente colpite da malattie più o meno gravi. In questo articolo vi parleremo delle più frequenti causate da funghi, parassiti, virus o comportamenti di manutenzione e ...
  • come potare una rosa La potatura è un’operazione molto importante per avere rose sane, belle e rigogliose; di rose ce ne sono di tanti tipi e portamenti e ognuna di loro necessita di una potatura precisa e specifica. Anch...
  • rose rampicanti Le rose rampicanti sono piante arbustive perenni originarie delle zone dell’emisfero boreale che producono bellissimi fiori e proprio per questo vengono perlopiù coltivate a scopo ornamentale sia in v...

Bakker Astrantia Censation® Milano - 1 confezione da 3

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,95€


Rose: anche in microonde con il gel di silice

rosa essiccata La silica gel è un materiale innovativo e dai molteplici utilizzi che ci viene in aiuto anche quando desideriamo seccare rose utilizzando un comune microonde. Il procedimento da seguire per questo tipo di essiccazione sarà analogo a quello che si seguirebbe per la comune essiccazione con gel, solo che dopo aver ricoperto la nostra rosa con uno strato non eccessivamente abbondante di SIO2 dovremmo metterla in microonde per circa tre minuti a bassa temperatura. Perché l'essicczione giunga a compimento saranno poi necessarie tre ulteriori ore di "posa" durante le quali lasciar riposare il fiore, che i perfezionisti potranno successivamente appendere "a testa in giù" per qualche giorno (al fine di evitare sorprese). Importante accorgimento per chi desiderasse procedere nell'essiccazione a microonde è quello di utilizzare una rosa rigorosamente asciutta.


Seccare le rose: Essiccare con la sabbia

mucchietto di sabbiaLa sabbia è facilissima da reperire, nonché ottima per seccare rose: basterà procurarsi una scatola da scarpe o un altro contenitore a piacere (possibilmente scuro o che comunque non faccia trapelare i raggi solari al suo interno) e un pò di nastro adesivo. Da evitare, possibilmente, il nastro-carta perché ha una tenuta troppo blanda. Il metodo da seguire è analogo a quello del gel di silice che prevede di mettere uno strato del materiale assorbente, in questo caso la sabbia, sul fondo della scatola, posizionarvi una rosa (che dovrà essere asciutta) con la parte fiorita rivolta verso il basso e ricoprirla con altro materiale assorbente. La scatola andrà successivamente chiusa con il nastro adesivo per evitare che si apra inavvertitamente e lasciata "riposare" circa tre settimane per una disidratazione completa.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO